17 ottobre, 2017

Fortitudo, Boniciolli post match Ravenna

Fortitudo, Boniciolli post match Ravenna
Photo Credit To Roberto Serra / Iguana Press / Fortitudo Pallacanestro Bologna

Le impressioni di Matteo Boniciolli al termine della partita giocata contro Ravenna al Torneo di Cervia, nell’intervista realizzata da Giacomo Bianchi per Nettuno Tv.
Noi abbiamo fatto una scelta diversa da quella di molti altri colleghi che hanno scelto di giocare un’amichevole nelle prime due settimane contro squadre di Serie B per prendere un po’ di ritmo e un po’ di confidenza con le regole offensive e difensive. Io ho scelto, come si faceva tanti anni fa a Trieste a casa mia, di buttare il bambino dalla barca subito senza fargli fare il corso con la maestra, perché mi interessava vedere come questi veterani si sarebbero comportati in una partita nella quale avevamo pochi punti di riferimento, perché venivamo da due settimane dove abbiamo giocato solo fra di noi.
Devo dire una cosa, queste partite servono a me ed allo staff tecnico per capire cosa manca, perché cosa c’è lo sappiamo a partire da un buon playmaker americano di cui si è inutilmente discusso per tutta l’estate e non avevo bisogno certamente di questa partita per capire che è un buon giocatore.
La cosa positiva è che l’anno scorso a +22 a cinque minuti dalla fine l’abbiamo persa, quest’anno l’abbiamo vinta e non è un dettaglio, perché tra vincere o perdere di uno c’è una differenza enorme. L’anno scorso, con tutto il bene, il rispetto e la riconoscenza che ho nei confronti dei due gruppi precedenti, la squadra dell’anno scorso  avrebbe fatto fallo sull’ultimo tiro, loro avrebbero segnato, pareggiato, avrebbero tirato il tiro libero, avrebbero preso il rimbalzo e avrebbero segnato per vincere di due”.

About The Author

Related posts