18 agosto, 2018

Fortitudo, il preview del match contro Forlì

Fortitudo, il preview del match contro Forlì
Photo Credit To Massimo Nazzaro / Pallacanestro Forlì 2.015

E ora, tutti lì a cercare di capire da che angolatura guardare il bicchiere. Perché è pur vero quello che dice Boniciolli, che se non perdevi con Ravenna eri pure sempre 8-2 con entrambe le sconfitte arrivate in Triveneto (che ci stanno pure), ma è vero anche che ora bisogna dimenticarsi in fretta il passato recente e ricominciare a macinare risultati come ad inizio stagione. Il periodo di rodaggio, dato anche dai diversi infortuni, è finito; la squadra si sta allenando insieme da alcune settimane e l’arrivo di Rosselli ha aggiunto un tassello importante per la categoria. Le scuse stanno a 0 ora, bisogna riprendere il cammino intrapreso in avvio di campionato e tornare sulla giusta carreggiata perché, senza nascondersi più di tanto, l’obiettivo finale è uno e uno solo, quello che porta alla promozione nella massima serie.

Capitolo Rosselli. Il giocatore si è integrato alla grande nel nuovo gruppo, i compagni lo hanno accolto molto bene e, come dimostrato anche nell’amichevole infrasettimanale, la sua presenza sul parquet permette una maggior gestione e rotazione di palla, cosa che è un po’ mancata soprattutto nei finali di gara. Mvp della regular season scorsa, pedina fondamentale per la promozione Virtus, giocatore capace di ricoprire più ruoli (anche se predilige quello di ala piccola), utilizzato spesso come “falso” playmaker; giocatore a tutto tondo quindi, che la categoria la conosce molto bene, può rendersi utile soprattutto nella gestione del pallone nei momenti topici della partita, permettendo così a McCamey di concentrarsi in quello che sa far meglio, attaccare il ferro e produrre punti. Bisognerà trovargli minutaggio a scapito di qualcun altro che ne perderà, trovargli una collocazione nel roster e qualcuno dovrà pur fargli spazio… ma affrontiamo un problema alla volta…

E ora Forlì. Formazione che viaggia sotto il par, non ha ancora raccolto gioie in trasferta ed è reduce da tra sconfitte consecutive. Gruppo sotto la guida di Giorgio Valli, ben conosciuto a Bologna dove ha macchiato la sua carriera con la retrocessione Virtus. Formazione che attinge punti dai suoi due esterni, il “maltese” Darryl Jackson (16 a gara) e l’israeliano Naimy 14 punti con quasi 7 assist. In doppia cifra anche la coppia italiana Castelli-Diliegro; oltre a questi poco altro. Squadra che non disdegna il tiro pesante, con il 34% prodotto dai tre esterni, ma che fatica e non poco sotto le plance. Questo sarà un punto da tenere in considerazione in casa Fortitudo, per non farsi scappare una vittoria che sembra scontata.

Luca Testoni

About The Author

Related posts