18 ottobre, 2018

Fortitudo, il preview del match contro Imola

Fortitudo, il preview del match contro Imola
Photo Credit To Fabio Pozzati / Iguana Press / Fortitudo Pallacanestro Bologna

Causa finale di Coppa Italia di volley femminile, il derby contro Imola viene posticipato a lunedì sera. Una domenica da spettatori per i giocatori Fortitudo, che hanno potuto così assistere alle vittorie di Montegranaro e Udine che rimangono in scia delle prime, alla trasferta vincente di Ferrara o quella casalinga di Roseto.

Ma soprattutto ad un’altra convincente prova di forza di Treviso, che sembra non perdere più, che ha rifilato un ventello a Trieste. Ebbene si, Trieste. Ciò vuol dire che, con una vittoria contro Imola, la Fortitudo sarebbe in testa in solitario, e sappiamo molto bene quanto sia fondamentale ciò. Nelle ultime due stagione, la Fortitudo ha vissuto sulla propria pelle l’importanza di aver il fattore campo a proprio vantaggio, ricordando oltretutto che al Pala Azzarita quest’anno si ha quasi il percorso netto, se si eccepisce la sconfitta contro Ravenna, e sappiamo tutti com’è arrivata.

La convalescenza di coach Boniciolli continua, per la gioia della folta schiera di haters, sarà quindi ancora Comuzzo a guidare da bordo campo, forte del 4-0 che lo caratterizza. Sarà l’assenza degli americani, sarà probabilmente il carattere agli antipodi con Boniciolli, sta di fatto che Comuzzo sembra aver trovato un equilibrio tra i giocatori e i ruoli, cosa che si stava cercando da 5 mesi, un ordine e una disciplina dove ognuno sa qual è il suo posto nel roster, dove ci sono titolari e riserve ben definite, dove è possibile anche sbagliare qualche pallone senza dover incappare nel plotone di esecuzione, dove ognuno ha i minuti necessari per entrare in partita. Questo bisogna dargliene atto e merito, anche se dopo Jesi qualcosa doveva necessariamente cambiare e i giocatori stessi se ne sono resi conto.

E ora Imola che sta vivendo una stagione oltre le iniziali aspettative, score da 11-10 che gli vale il decimo posto in classifica a soli due punti dalla zona playoff. All’andata si vinse, poi si perse, poi si ri-vinse grazie ad una magata di Mancinelli. L’americano Bell guida i suoi a quasi 16 di media, tirando però non benissimo, l’altro states Wilson segue il compagno a 14+9. Ottima stagione per il giovane Alviti che tira con il 43% dalla lunga distanza, in crescita anche l’altro baby Penna che agli 8 punti di media aggiunge quasi 4 assist. Prato e Maggioli invece di parquet ne hanno calcati parecchi, ma non si direbbe vista la buona stagione che stanno portando avanti.

Luca Testoni

About The Author

Related posts