11 dicembre, 2017

Fortitudo, serve il giusto approccio per i playoff

Fortitudo, serve il giusto approccio per i playoff
Photo Credit To Roberto Serra / Iguana Press / Fortitudo Eternedile Bologna

La Fortitudo incontra una Recanati che per diversi motivi ha ancora degli obiettivi e delle motivazioni per giocarsi questa gara col coltello tra i denti, anche se opposti a quelli della “Effe”, la partita di domenica da questo punto di vista potrebbe essere insidiosa.
Inutile dire che per i biancoblù la partita di domenica è sicuramente alla portata (basti vedere anche la classifica) ma guai a sottovalutare gli avversari, coach Boniciolli vuole i suoi ragazzi decisamente “sul pezzo” come atteggiamento e approccio al match e inutile dire che la Fortitudo ha il futuro nelle proprie mani come ormai da tempo anche il coach non manca di sottolineare anche recentemente “Ora Recanati e la classifica non inganni: delle sette partite vinte se ne è aggiudicate tre delle ultime cinque. Verrà a Bologna motivata ma noi vogliamo sfruttare il fattore PalaDozza”.
Matteo Boniciolli in settimana a tal proposito ha lavorato sull’atteggiamento della squadra, quell’atteggiamento che anche nel secondo periodo di domenica scorsa ha fatto subìre un break facendo rientrare Jesi in partita, poi successivamente controllata dai biancoblù, ma è evidente che al coach non piacciano questi cali di tensione.
La “Effe” anche questa settimana si è trovata a fare i conti con gli acciacchi di stagione, il play Gennaro Sorrentino è rientrato in gruppo mercoledì (attacco influenzale) mentre Ed Daniel è rientrato solo giovedì (attacco intestinale), c’è da dire che il coach non riesce mai a lavorare con la squadra al completo ma così è, Amoroso è pienamente recuperato e occupato (finalmente) a tempo pieno, l’unico lungodegente “giustificato” per i biancoblù rimane Davide Raucci.


Giancarlo Sacco ha la squadra al gran completo, c’è da dire che la squadra con cui ha giocato la Fortitudo all’andata è differente da quella che ha giocato domenica contro Brescia e che si troverà ad affrontare la “Effe”. La squadra marchigiana è reduce da una sconfitta con brescia nella passata giornata di campionato e ha una media di 73,8 punti partita di cui 38 da due (50%), 24,4 da tre (34%), 16,4 nei liberi (69%), 37,5 rimbalzi, 13,3 palle perse, 4,5 recuperate e 14,4 assist.
Nelle ultime sette partite ne ha perse 4 e vinte 3: perso in casa con Legnano (74-76), perso in casa con Ravenna (50-66), vinto fuori casa con Matera (62-91), perso in casa con Ferrara (73-82), vinto fuori casa a Verona (74-83), vinto in casa con Chieti (80-70) e perso con Brescia fuori casa (73-66).
Il suo uomo più pericoloso è sicuramente Kenny Lowson centro e valore aggiunto con i suoi 20,2 punti di media (11,4 da due e 58%, 3,7 e 35% da tre, 4,1 e 72% nei liberi e 10,5 rimbalzi), poi la novità Lancer Smith guardia statunitense da 16,3 punti (7,2 da due e 57%, 6 da tre e 25%, 4,4 e 82% nei liberi, 6,7 rimbalzi e 2,5 assist), l’ala grande Emilio Pierini da 11,4 punti (5,4 e 48% da due, 4,6 e 39% da tre, 1,5 e 56% nei liberi, 4,6 rimbalzi), Dimitri Lauwers da 6,5 punti (1,6 da dye e 49%, 3,8 e 33% da tre, 1,4 e 84% nei liberi, 2,2 rimbalzi e 2,9 assist), new entry il centro Giovanni Allodi da aprile arirvato da Legnano.


Si gioca ore 18:00 domenica al Paladozza.

About The Author

Related posts