23 luglio, 2018

Fortitudo, Top & Flop del match contro la Termoforgia Jesi

Fortitudo, Top & Flop del match contro la Termoforgia Jesi

TOP

Kenny Hansbrouck
Torna ad essere quell’eccellente tiratore che era qualche anno fa; 26 punti e una buona precisione al tiro, ma quando si prendono con due metri tra te e il difensore diventa più facile. Oggi però sembra particolarmente ispirato.

Tommaso Rinaldi
Come il collega, non sbaglia praticamente nulla e si fa sempre trovare al posto giusto negli scarichi. Sfrutta al meglio il suo tiro dalla media condendo la sua prestazione con 17 punti.

Matteo Chillo/Luca Gandini
Gli unici due in casa Fortitudo che mettono un po’ di cuore sul parquet; il loro contributo alla causa lo danno, lottano su tutte le palle vaganti e i rimbalzi. Prestazione più che sufficiente per entrambi.


FLOP

Attacco
La Fortitudo si presentava come il terzo peggiore attacco ed i limiti si sono visti tutti oggi. Solo 61 punti segnati, percentuali al tiro imbarazzanti e una fatica immane a trovare un tiro facile. La palla stagna e difficilmente si riesce a costruire tiri puliti.

Difesa
Fa acqua da tutte le parti, al primo che viene saltato non si trova mai rimedio e gli aiuti dal lato debole arrivano sempre in ritardo. Ne nascono così parecchi canestri facili da sotto e tiri dalla media piedi per terra.

Atteggiamento
Non si sa cosa sia successo oggi, ma l’atteggiamento messo in campo non è accettabile. Perdere ci può stare ma non lottare e mollare gli ormeggi dopo due quarti non è rispettoso quanto meno per la gente che si è fatta kilometri per tifare. Palle perse banali, canestri presi con troppa sufficienza, lay up falliti per errori di superficialità. Obiettivamente un atteggiamento non accettabile da parte di professionisti.


A cura di Luca Testoni

About The Author

Related posts