21 ottobre, 2018

Fortitudo, un quarto posto da migliorare

Fortitudo, un quarto posto da migliorare

Montichiari perde clamorosamente in casa e viene raggiunta in vetta a quota 22 da Cento. Al terzo posto rimangono a braccetto la Fortitudo (foto www.fortitudobologna.it) e Udine, con i biancoblù che, per via della differenza canestri, chiudono il girone di andata al quarto posto. Non ci sarà il tempo di rifiatare nonostante sia finita la prima parte del campionato, visto che già domenica si tornerà in campo per l’inizio de ritorno (la Fortitudo martedì 13 gennaio per l’indisponibilità del PalaDozza nel weekend).

LA SQUADRA DELLA SETTIMANA: Cento chiude in vetta il girone di andata, anche se a causa della sconfitta nello scontro diretto, accederà agli spareggi come seconda classificata. Aveva bisogno della vittoria per disputare la Coppa, e lo fa senza sentire la pressione e battendo in trasferta una Bergamo che veniva da quattro successi nelle ultime cinque partite.

LA SORPRESA: Montichiari perde incredibilmente in casa contro Lecco, in quello che è il risultato più sorprendente della domenica. È una sconfitta che non fa male, visto che Genovese e soci chiudono comunque il girone di andata al primo posto. Dal canto suo, Lecco, conferma di essere squadra decisamente ostica e batte un’altra “grande” dopo i successi contro Orzinuovi ed Udine.

LA DELUSIONE: Pordenone veniva da due vittorie consecutive che l’avevano rilanciata: aveva l’opportunità di staccare l’Urania Milano e invece si è presentata nel capoluogo lombardo con l’atteggiamento sbagliato, finendo col perdere di quasi 20 punti (76-58). Troppo altalenanti, i friulani, che dopo l’avvio col botto non sono riusciti a mantenersi in vetta.

MVP DI GIORNATA: Lugo vince ad Arzignano e trova 23 punti dall’ex Fortitudo Riccardo Pederzini. Ma l’MVP della gara è sicuramente Christian Villani che chiude con 23 punti (4/6 da due, 2/5 da tre, 9/14 ai liberi), 6 rimbalzi, 2 stoppate date, 3 assist e 7 falli subiti in “soli” 25 minuti. Se il ragazzo sta bene, può essere la vera chiave della stagione romagnola.

LA FORTITUDO: Chiude il girone di andata al quarto posto, cosa che il presidente Anconetani probabilmente non avrà apprezzato viste le premesse di inizio stagione. Vandoni ha sempre detto che i conti si faranno alla fine: giustissimo, ma il primo obiettivo stagionale (non ci si può nascondere, arrivare nelle prime due era quello che si voleva) non è stato raggiunto.

LA CLASSIFICA: Montichiari e Cento 22, Fortitudo e Udine 20, Pordenone, Orzinuovi e Urania Milano 18, Lecco e Bergamo 14, Lugo 12, Crema e Costa Volpino 10, Desio 8, Arzignano 4, Trieste 0.

Giacomo Bianchi

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright BasketCity

Related posts