20 luglio, 2018

Jesi passa sopra le macerie della Fortitudo

Jesi passa sopra le macerie della Fortitudo
Photo Credit To Fabio Pozzati / Fortitudo Pallacanestro Bologna

C’è da dire che quando si perde, la Fortitudo non si tira mai indietro per farlo con il botto. La miracolata di turno è Jesi, reduce da quattro sconfitte consecutive, in totale fase di involuzione ma resuscitata da una Fortitudo che non è mai realmente arrivata a Jesi, fermata forse a Castel San Pietro come il pullman dei tifosi. Ma se loro la voglia ce l’hanno messa e con mezzi propri hanno comunque raggiunto il palazzetto, non si può certo dire la stessa cosa dei giocatori, stanchi, svogliati, a tratti irritanti. Mancinelli si salva da questa débacle, rimasto a Bologna a curarsi i malanni, così come Amici costretto alla tribuna dal turnover; torna Cinciarini ma di fatto non torna perché la sua prestazione è lontana anni luce dal giocatore che è.

Ihedioha e Italiano si scambiano i primi canestri, tra gli americani Legion è il primo ad entrare in partita mentre McCamey è il primo ad uscirne; Boniciolli non gliene manda a dire e gli bastano due attacchi per toglierlo. Fultz si presenta con una bomba, ma non sarà una serata come contro Udine. Hasbrouck comincia a scaldarsi mettendo due panieri filati, ma lo spettacolo latita e si segna poco da entrambe le parti. Fa notizia allora l’entrata in campo di Bryan, scongelato dopo cinque partite rimasto a guardare. La Fortitudo tira male ma chiude a soli 4 punti di svantaggio.

La musica non cambia nemmeno nel secondo quarto ma a sto giro è Pini a farne le spese, il quarto errore da sotto in pochi minuti gli costa la panchina anticipata. McCamey prova un paio di accelerazioni, ma la mira è sempre la stessa. Si va avanti a piccoli parziali da una parte e dall’altra, con Chillo che sembra l’unico ad averne realmente voglia in casa bolognese. Hasbrouck continua a prenderci, ma tirando con 2 metri di spazio è sicuramente più facile, mentre di là si continuano a perdere palle banali e sbagliare canestri già fatti. I tagli sotto canestro sempre un problema insormontabile per la difesa bolognese che presto si trova con la doppia cifra di svantaggio. Jesi va al riposo a +13, con un 10/36 al tiro per la Fortitudo non è neanche male sinceramente.

Boniciolli lascia la poca voce che gli è rimasta negli spogliatoi e tocca a Comuzzo dirigere: ma non si possono fare miracoli quando la testa è da un’altra parte e le gambe rimaste a Bologna. Si va sotto di 16 e con il bonus falli già esaurito. Tocca ora a Gandini a provare a dare una svegliata ai compagni, lottando come un leone sotto le plance ma è la difesa il vero problema; Jesi rallenta il gioco e trova canestri facili dalle distrazioni altrui. I giocatori Fortitudo entrano ed escono dalla panchina in modo vorticoso ma Comuzzo non sembra trovarne uno in palla; Jesi non può far altro che approfittarne e con un Hasbrouck ispirato tocca il massimo vantaggio a +19 a fine quarto.

Rimangono solo 10’ per provare a fare qualcosa, per provare a raddrizzare una serata storta in tutto, ma i giocatori ormai sono già sul pullman di ritorno. Lo svantaggio si fa pesante e a tratti imbarazzante, si va sotto anche di 26, poi di 28. Da una parte riesce tutto, dall’altra si continua a caracollare per il campo aspettando solo il triplice fischio dell’arbitro. Si perde definitivamente la faccia quando gli juniores di Jesi riescono a catturare due rimbalzi in attacco. Si chiude a -23 con i giocatori Fortitudo contati in piedi.

Termoforgia Jesi-Consultinvest Fortitudo Bologna 84-61
Parziali: 1/4 18-14 (18-14) – 2/4 22-13 (40-27) – 3/4 23-17 (63-44) – 4/4 21-17
Termoforgia Jesi: Kouyate, Green 6, Mentonelli, Marini 13, Piccoli 8, Rinaldi 17, Valentini, Massone 4, Montanari, Hasbrouck 26, Ihedioha 10. All. Cagnazzo.
Consultinvest Fortitudo Bologna: Boniciolli n.e., Cinciarini 2, Legion 9, Fultz 3, Montanari n.e., Chillo 13, Gandini 9, Rosselli 10, Pini, Italiano 9, McCamey 4, Bryan 2. All. Bonacina.

Luca Testoni

About The Author

Related posts