19 ottobre, 2018

La De’ Longhi Treviso espugna Bologna

La De’ Longhi Treviso espugna Bologna
Photo Credit To Fabio Pozzati / Fortitudo Pallacanestro Bologna

Secondo match consecutivo che si chiude in volata e seconda sconfitta consecutiva per la Fortitudo che vede oltretutto avvicinarsi a grandi falcate Treviso in classifica. Partita che si è giocata sul filo dell’equilibrio per tutti i 40 minuti di gioco, con gli ospiti che sono arrivati più lucidi a giocarsi i palloni decisivi. La Fortitudo lascia sul nuovo parquet del PalaDozza due punti fondamentali per la rincorsa al primo posto, Treviso dal canto suo continua nella sua striscia positiva che la vede rincorrere dopo l’avvio di stagione non proprio positivo.

In settimana è arrivato il nuovo play in casa Fortitudo, Teddy Okereafor, e Boniciolli lo fa subito debuttare in quintetto. La rotazione dei senior porta Pini in tribuna. Per Pillastrini quintetto classico, con Lombardi e Swann che partono dalla panchina. Partita che comincia a ritmi molto alti da entrambe le parti e dopo 3’ minuti si è già 9-6 per Treviso grazie ai canestri dalla lunga distanza di Musso e Sabatini; Bologna predilige invece il gioco nel pitturato dove trova falli e canestri con Gandini. Arrivano anche i primi due punti bolognesi per Okereafor con una penetrazione da centro area, ma Treviso ribatte colpo su colpo trovando gioco facile dai tre punti (4/4). Un paio di passaggi a vuoto in attacco per Bologna sono subito sfruttati a dovere dagli ospiti che tentano una mini fuga (14-22) a due minuti dalla fine. Due magate di Mancinelli riavvicinano i biancoblu ma una distrazione difensiva porta Treviso a chiudere a +8 il quarto.

Boniciolli propone McCamey da guardia e viene subito ripagato: in pochi minuti l’americano arriva in doppia cifra, grazie a tre bombe e un canestro in taglio, trainando i suoi fino al pareggio a quota 33. Treviso non riesce più a correre come faceva all’inizio e il gioco a difesa schierata è alquanto macchinoso, complice anche il tiro dalla lunga distanza che non entra più con continuità. Il rientro di Brown è ossigeno per gli uomini di Pillastrini che possono appoggiarsi maggiormente al proprio lungo e trovare canestri facili da sotto. Gara che continua ad essere ad alta intensità, lo dimostra anche la situazione falli di entrambe le squadre; quando si parla di aggressività, facile che venga alla mente Italiano. E’ proprio lui il protagonista delle ultime fasi del quarto, con 6 punti filati e una difesa arcigna sull’ultimo possesso trevigiano, portano la Fortitudo al riposo lungo in vantaggio di 4 punti.

Al rientro delle squadre, Boniciolli regala il quintetto a McCamey dopo l’ottima prestazione del secondo quarto ma è Treviso a partire meglio con la bomba di Fantinelli prima e il lay up di Brown poi. Tocca a Rosselli mantenere inalterate le distanze con 5 punti segnati in due possessi. Treviso fatica a trovare continuità in attacco ma Bologna non la azzanna alla giugulare e il match rimane in equilibrio, con i trevigiani costretti ad inseguire di 4 lunghezze a 5’ dal termine. McCamey cerca di spaccare in due la partita con un gioco da tre punti, ma è subito ripreso da due bombe siderali di Swann che pareggiano il match a quota 60. Sembra nuovamente cambiata l’inerzia della partita con Treviso che trova anche il vantaggio grazie ad una difesa più aggressiva sull’uomo, ma tutto si deciderà nell’ultima frazione di gioco.

Pillastrini rimette nella mischia Brown e la sua rabbia per essere stato seduto parecchio, la sfoga sotto le plance dove pesca subito due rimbalzi in attacco con altrettanti canestri. Boniciolli sacrifica Amici per mettere più stazza sotto e fa entrare Gandini: la musica cambia subito, anche per Brown, che trova un degno avversario a contendergli il pallone. Ma alla fine, in un modo o nell’altro, tocca sempre alle bombe di Mancinelli che piovono quando occorrono, pareggiando nuovamente la partita a quota 72 a metà quarto. La partita va avanti in equilibrio fino all’ultimo minuto quando Brown dalla lunetta dà un vantaggio di due possessi ai suoi; Mancinelli non ci sta e dall’angolo riavvicina la Fortitudo a -1. Tutto sembra apparecchiato per il classico lieto fine quando Imbrò dalla lunetta realizza solo uno dei liberi concessi, ma tocca a McCamey (il migliore dei suoi) sporcare un’ottima partita fallendo la penetrazione del pareggio. Stavolta Imbrò non sbaglia e Treviso si porta a casa la velina rosa.

Consultinvest Fortitudo Bologna-De’ Longhi Treviso 78-82

Parziali: 1/4 20-28 (20-28) – 2/4 28-16 (48-44) – 3/4 16-22 (64-66) – 4/4 14-16
Consultinvest Fortitudo Bologna: Rosselli 11, Cinciarini 7, Fultz, Okereafor 2, Italiano 12, Mancinelli 13, Chillo 5, Montanari n.e., Murabito n.e., McCamey 18, Gandini 4, Amici 6. All. Boniciolli.
De’ Longhi Treviso: Bruttini 2, Swann 10, Brown 22, Fantinelli 11, Imbrò 8, Musso 3, Lombardi 10, Rota n.e., Barbante n.e., Sabatini 10, Negri n.e., Antonutti 6. All. Pillastrini.

Luca Testoni

About The Author

Related posts