17 luglio, 2018

La Fortitudo si porta a casa il derby e il primo posto in classifica

La Fortitudo si porta a casa il derby e il primo posto in classifica
Photo Credit To Fabio Pozzati / Fortitudo Pallacanestro Bologna

L’occasione era servita su un piatto d’argento e Bologna non se l’è fatta sfuggire: la vittoria nel derby vale il primo posto in solitario, con Trieste staccata di due lunghezze, anche se si è dovuti soffrire più del dovuto, grazie ad una Imola trascinata dai suoi vecchietti, venuta a Bologna non certo intenzionata a fare la vittima sacrificale.

Comuzzo, nella sua ultima da head coach, parte con i soliti 5 che l’hanno portato a quattro vittorie consecutive; Cavina risponde con l’americano Bell in panchina, dentro i baby Alvini e Penna. Bologna parte in modo sonnecchioso in difesa e Imola va subito sul 6-2 con tre penetrazioni da centro area. Il primo a perdere i nervi per questo avvio è Italiano che risponde da par suo ad un antisportivo di Prato e presto deve uscire per due falli. Al primo time-out il tabellone segna 11-4 Imola con percorso netto da due punti. Le rotazioni portano Rosselli e Mancinelli sul terreno di gioco, ma Imola riesce a tenere con i piazzati del quarantenne Maggioli. Fultz fatica ad entrare in partita e l’attacco ne risente, Imola non sta a dormire e Alvini e Maggioli portano in doppia cifra il disavanzo bolognese. Per la F l’unico a sporcare il tabellino è Cinciarini che ne segna 13 sui 16 totali dei suoi.

Con Cinciarini in panchina a rifiatare, si appoggia spesso la palla a Mancinelli in post basso ma le idee latitano; la difesa continua a far acqua e dopo 3 minuti il vantaggio ospite tocca le 13 lunghezze. Se da una parte si continua a sbagliare qualsiasi cosa, Imola è cinica e trova punti quasi ad ogni possesso: Comuzzo è obbligato a fermare il gioco con i suoi sotto di 16. Le squadre si riempiono di falli, colpa una fiscalità eccessiva dei giudici di gara; Imola passa a zona obbligando così Bologna a ragionare e piano piano l’attacco diventa più fluido. Si segna comunque pochissimo ma quantomeno ci si mette un po’ di garra e si viene premiati dal terzo fallo sia di Maggioli che di Wilson ma, complice una percentuale ai liberi da prima divisione (7/15), Imola riesce comunque ad andare al riposo lungo avanti di 10.

Si torna sul parquet con il piglio giusto e in neanche due minuti si torna a -5, grazie soprattutto al gioco in pitturato del Capitano. Ma appena ci si riavvicina, è Prato che ricaccia a debite distanze la Fortitudo con due siluri da 9 metri (4/6 dalla lunga distanza per l’argentino). Per due minuti si gioca un 4vs4 a tutto campo, Mancinelli-Cinciarini da una parte, Prato-Wilson dall’altra, con l’argentino che si guadagna anche un tecnico e aggiorna il suo score a 21 punti. Un tecnico fischiato a Cinciarini di fatto segna gli ultimi punti di Imola prima di un parziale di 12-0 casalingo; Bologna chiude addirittura avanti con una bomba di tabella di McCamey sulla sirena.

Imola sembra un po’ sulle gambe ed è completamente ribaltata la situazione iniziale, con Bologna che vede il canestro grande come una vasca da bagno e trova il paniere in quasi tutti gli attacchi. L’intensità difensiva, condita da una panchina lunga, portano l’inerzia del match dalla parte di Bologna che presto si porta a +8 a metà quarto. Finito l’ossigeno a Prato, Imola sembra non averne più ma ha quantomeno il merito di lottare su ogni pallone per cercare di restare in partita. Ne escono tre minuti di brutto basket, con errori in serie da entrambe le parti, e solito finale thrilling con Imola che ha addirittura la palla della vittoria; ad Alviti non riesce la magata riuscita ad pari ruolo bolognese nella gara di andata, e la Fortitudo è prima da sola come non succedeva da un bel pezzo.

Consultinvest Fortitudo Bologna-Andrea Costa Imola Basket 83-81
Parziali: 1/4 16-25 (16-25) – 2/4 22-23 (38-48) – 3/4 30-18 (68-66) – 4/4 15-15
Consultinvest Fortitudo Bologna: Gandini 4, Rosselli 4, Cinciarini 19, Fultz 5, Mancinelli 21, Chillo 7, Italiano 4, Amici 10, Boniciolli ne, Montanari ne, Pini 2, McCamey 7. All. Comuzzo.
Andrea Costa Imola Basket: Gasparin 7, Alviti 15, Bell 15, Wilson 12, Prato 21, Rossi ne, Toffali ne, Turrini ne, Cai ne, Penna, Simioni 3, Maggioli 8. All. Cavina.

Luca Testoni

About The Author

Related posts