21 novembre, 2018

La Fortitudo si porta sul 2-0 nella serie

La Fortitudo si porta sul 2-0 nella serie
Photo Credit To Fabio Pozzati / Fortitudo Pallacanestro Bologna

Fattore campo immacolato e ora si va a Verona per chiuderla subito e dimostrare che si è raggiunta quella maturità necessaria per arrivare fino in fondo. Un’altra gara pressoché perfetta per Bologna, partendo forte come nella precedente uscita, gestendo il ritorno ospite con le seconde linee in campo, dando quella spallata nel terzo quarto dalla quale Verona non si è più rialzata. Ad una vittoria dalla semifinale, con tre match point sulla racchetta, andando in trasferta con la consapevolezza che si può chiudere subito la serie; Bologna ha trovato nuovamente aiuto da tutti i suoi effettivi, citiamo Italiano e Fultz che erano i più in difficoltà, con le eccellenze di Rosselli e Mancinelli che, quando giocano così, beh diventa difficoltoso trovargli un rimedio.

Fortitudo che si ripresenta con gli stessi protagonisti di Gara 1, dando a Rosselli compiti di play-making in aiuto a Okereafor; Dalmonte non cambia nulla e continua con il suo quintetto classico. Per Cinciarini Gara 1 non sembra mai finita e dopo 7’’ insacca il primo paniere, subito seguito anche dalla prima bomba; Verona risponde presente con Amato dalla lunga distanza e un’affondata di Jones. 7-7 dopo 3’. Ritmi subito molto alti e mani piene per entrambe le squadre. Si segna con continuità, Rosselli prende in mano il ritmo della partita e con tre accelerazioni taglia in due la difesa ospite segnando 6 punti consecutivi; Verona c’è e rimane a contatto, anche se la 3-2 continua ad essere bucata dagli attacchi biancoblu. Con le prime rotazioni si rivede in campo Italiano, buttato nella mischia nell’ultimo periodo di gara 1, che dopo un primo fade away corto, spara due bombe “ignoranti” che danno il +8 ai suoi. Greene ritocca il punteggio sul 25-19 al primo intervallo.

Con la second unit Fortitudo in campo, il ritmo si fa più blando e non si segna per i primi tre minuti; Verona non ne approfitta per accorciare e si intestardisce con il tiro dalla lunga distanza senza successo. Nwohuocha realizza il gol per i suoi e questo apre un parziale di 8-0 Verona, grazie a Poletti ed Amato, che permette di impattare a 25 il match. Serve ordine in attacco e Pozzecco ributta sul parquet Rosselli, con Cinciarini Mancinelli Amici e Fultz, quintetto basso per aprire il più possibile il campo: Bologna fatica nel pitturato ma muove meglio il pallone e trova subito due punti proprio con Rosselli. Verona rimane in scia ma il fatturato offensivo è alquanto calato e rimane molto fallosa anche dalla lunetta. La partita si fa maschia e i contatti non mancano, facendo scaldare non poco il pubblico già di per sé infuocato. Regna l’equilibrio e si va negli spogliatoi sul 36-35.

Si esce dal tunnel con gli stessi quintetti che hanno iniziato la gara e si ritorna anche a segnare con un po’ più di continuità (parziale 5-4 Verona dopo 2’). Ci si alterna nella leadership della partita ma rimane un sostanziale equilibrio tra le due squadre e quando Pini ne realizza due di fila, Bologna sale a +3. C’è tempo anche per vedere un tecnico comminato a Pozzecco per un dubbio contatto su Amato: Bologna non paga dazio, anzi con Pini e Cinciarini allunga a +6 mettendo definitivamente in partita il pubblico. Verona ha il primo sbandamento dell’intero match e il clima del Paladozza comincia a farsi sentire sulle conclusioni degli scaligeri. Spinti dal pubblico, Bologna chiude le maglie difensive e per Verona diventa sempre più difficoltoso trovare la via del canestro; la Fortitudo cerca di azzannare la giugulare per provare a chiudere il match e con il duo Mancinelli-Rosselli si porta all’ultimo riposo a +10.

Verona prova a buttare le ultime energie sul terreno di gioco per provare a rientrare ma subisce due canestri spezza-gambe sullo scadere dei 24’’, tra cui una bomba impossibile di Mancinelli, che smorzano il morale degli ospiti. Il distacco si salda stabilmente sulla doppia cifra e ad ogni canestro di Verona, ribatte colpo su colpo la Fortitudo: alle due bombe filate di Poletti, risponde Fultz con 5 punti in solitario. La Tezenis comincia a sfaldarsi, Dalmonte chiede ai suoi un po’ di velocità ma le gambe rispondono sempre meno e rimane il solo tiro pesante, che stasera non vuole proprio entrare. Un sottomano di Rosselli vale il +16 Bologna e il 2-0 nella serie. Si va a Verona per il primo match point. Finisce 77-68.

Consultinvest Fortitudo Bologna-Tezenis Verona 77-68
Parziali: 1/4 25-19 (25-19) – 2/4 11-16 (36-35) – 3/4 20-11 (56-46) – 4/4 21-22
Consultinvest Fortitudo Bologna: Rosselli 15, Chillo 4, Okereafor 3, Amici 8, Mancinelli 10, Cinciarini 8, Italiano 6, Pini 10, Montanari n.e., Murabito n.e., Fultz 10, Gandini 3. All. Pozzecco.
Tezenis Verona: Oboe 3, Nwohuocha 2, Dieng 3, Amato 18, Udom 9, Jone 10, Ikangi, Tote, Poletti 16, Greene 7, Guglielmi n.e., Palermo. All. Dalmonte.


Luca Testoni

About The Author

Related posts