22 luglio, 2018

La Fortitudo si sveglia nel secondo tempo e ha la meglio su Udine

La Fortitudo si sveglia nel secondo tempo e ha la meglio su Udine
Photo Credit To Fabio Pozzati / Fortitudo Pallacanestro Bologna

Comincia con una bella vittoria il girone di ritorno della Fortitudo, capace di reagire ad una situazione che l’aveva vista andare sotto di 11 lunghezze quasi alla fine del terzo quarto, per poi piazzare un parziale decisivo che li ha visti primeggiare su Udine di 9 punti.

Si comincia contando due assenze importanti da entrambe le parti, Cinciarini in casa Fortitudo, Veideman in quel di Udine. I ritardatari si stanno ancora accomodando nelle proprie postazione che Boniciolli ha già richiamato in panchina McCamey, reo di aver gestito i primi due attacchi non nel migliore dei modi. Il reietto Fultz si vede anzitempo gettato nella mischia, ma sembra non aver perso il ritmo partita e in poco tempo mette la sua prima tripla, bissata poi a fine quarto. La palla circola bene ma viene difficile trovare punti nel pitturato con il totem Pellegrino a fare la guardia; Udine è quasi solo Dykes al quale vengono affidate quasi tutte le palle giocate. Ma il primo parziale lo segna Benevelli con un 5-0 dall’angolo, prontamente ricucito da Rosselli e Fultz per il 18-19 della prima frazione di gioco.

Si riparte con un’altra bomba di Fultz, il realizzatore che non ti aspetti, che prontamente raggiunge la doppia cifra con una penetrazione centrale; Boniciolli prova la carta con il doppio play, ma l’apparizione di McCamey in campo dura il tempo di due attacchi. Dykes raggiunge anch’esso la doppia cifra e lo scontro tra realizzatori con Legion si fa interessante: la guardia Fortitudo punisce dalla lunga distanza dando il nuovo vantaggio interno, ma è Dykes ad aver l’ultima parola con un siluro da nove metri che porta le squadre al riposo sul +2 Udine.

Legion riapre le ostilità per il pari 31 ma è solo un fuoco di paglia perché le successive due azione bolognesi portano a due perse. Udine non si fa contagiare da questa penuria offensiva e trova un primo allungo importante grazie a tre triple filate firmate Benevelli e Nobile, perfezionate dal canestro di Dykes del +11. Con McCamey da point guard, in contumacia Fultz, si segna poco e la palla non circola: Rosselli prova a dare una scossa attaccando Dykes spalle a canestro ma dall’altro lato del campo un Benevelli infallibile tiene a distanza i suoi. Ma invece di crollare, a sto giro la difesa tiene e ne giova anche l’attacco: Rosselli prima ma soprattutto Legion si mangiano tutto lo svantaggio e all’ultimo riposo il distacco è di solo 1 punto.

Si riparte come si era chiuso, con due canestri filati di Legion insieme ad una tripla di Italiano del + 5 interno. Lardo è obbligato al time out, vede sfuggirgli di mano la gara con l’inerzia tutta in mano a Bologna, sospinta da un pubblico infiammato. Esce dagli inferi anche McCamey che sembra tutt’altro giocatore rispetto ai primi 20’ e il parziale Fortitudo aumenta a 25-8. Lardo si becca anche un tecnico ma non serve a scuotere i suoi che sembrano aver finito la benzina, abbandonati anche da Dykes; Nobile è l’ultimo ad arrendersi ma da solo può fare ben poco. L’uscita per falli dell’americano fa tirare i remi in barca ad Udine; Legion sigilla il risultato con due penetrazioni da centro area.

Consultinvest Fortitudo Bologna-G.S.A. Udine 76-67
Parziali: 1/4 18-19 (18-19) – 2/4 11-12 (29-31) – 3/4 23-22 (52-53) – 4/4 24-14
Consultinvest Fortitudo Bologna: Rosselli 8, Legion 19, Gandini 3, McCamey 11, Italiano 10, Montanari ne, Amici, Chillo 7, Fultz 11, Pini 4, Mancinelli 1, Boniciolli n.e. All. Boniciolli.
G.S.A. Udine: Nobile 22, Benevelli 16, Diop, Raspino 5, Latorre 2, Ferrari, Chiti n.e., Pinton n.e., Pellegrino 5, Dykes 17, Mortellato. All. Lardo.

Luca Testoni

About The Author

Related posts