22 giugno, 2018

Vandoni: “A Montichiari fallito un esame”

Vandoni: “A Montichiari fallito un esame”

di Giacomo Bianchi

Con il campionato che non si è fermato nemmeno per le feste, la Fortitudo torna in campo domani sera contro l’Urania Milano. I biancoblù si sono riposati solamente il giorno della Viglia, mentre ieri hanno svolto una seduta in serata e oggi addirittura un doppio allenamento. Questo pomeriggio ha parlato coach Vandoni, soffermandosi sulla gara persa a Montichiari e presentando la gara di domani. 

DOMENICA ABBIAMO SBAGLIATO APPROCCIO. È stato come essere bocciati all’esame di maturità: più che fare un’analisi tecnica, va fatta un’analisi mentale, sottolineando il fatto che abbiamo sbagliato l’approccio alla gara. Siamo stati inadeguati, loro hanno attaccato la partita con un’intensità da playoff e noi abbiamo subìto questo nel primo quarto. Abbiamo recuperato, ma quando si condiziona la gara con un inizio inadeguato, si sprecano energie mentali e fisiche e non si riesce a recuperare”.

SCONFITTA CHE FA BENE. Questa partita non può non giovare, per tanto tempo avremo negli occhi il primo quarto, che abbiamo già visto e rivisto in sedute video: per arrivare all’obiettivo che ci siamo posti, non dobbiamo solo essere belli e volenterosi, ma dobbiamo anche essere capaci ad adeguarci a ritmi diversi dai nostri”.

GIOCATORI IN DIFFICOLTÀ. Grilli viene da un momento difficile, è vero: ma prima di infortunarsi tirava col 40% da tre. Ricordo contro Bergamo che siamo riusciti a svoltare grazie al suo ingresso in campo dalla panchina: è quello che gli chiediamo, deve farlo ogni volta.

Per Sorrentino il discorso è diverso: viene da un grosso infortunio all’anulare della mano destra, un dito fondamentale per tirare. Lui può darci tanto dal punto di vista difensivo, arriveranno anche gli altri aspetti. Domenica è mancato offensivamente, ma abbiamo fatto bene con gli altri, Raucci su tutti”.

URANIA. Sono la miglior difesa del campionato, e non è un aspetto legato solo alle capacità tecniche della squadra. Offensivamente giocano sempre provando il “primario”, e se questo manca, provano a ridurre il numero dei possessi avversari. Fanno esattamente il contrario di quello che facciamo noi, quindi dovremo essere bravi a mettere la partita sui binari che vogliamo. Per farlo, la squadra deve essere pronta sia fisicamente che mentalmente, ed imporre le proprie modalità di gioco. Fuori casa hanno vinto a Montichiari, ma noi dobbiamo scendere in campo convinti e volenterosi di giocare la nostra pallacanestro”.

SAMOGGIA. Ha riportato una piccola contrattura alla schiena, ma oggi verrà valutato bene. Non dovrebbe però essere niente di grave”.

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright BasketCity

Related posts