17 Dicembre, 2018

Next Gen Cup 2018-19: Virtus Unipol Banca sconfitta da Brindisi

Next Gen Cup 2018-19: Virtus Unipol Banca sconfitta da Brindisi

Prima sfida del Gruppo C della Next Gen Cup. Al CSB di Bologna, casa del minibasket bianconero, si sfidano i padroni di casa di Unipol Banca (privi di un elemento cardine come Gora Camara) e i pari categoria dell’Happy Casa.

E gli ospiti costruiscono sulla solidità difensiva la prima fuga, suggellata da una tripla di Stano (2-7). E’ sulla spinta di Deri che la V nera si rimette in scia, di fatto riaprendo la gara sul 12-13. La tripla di Venturoli a venti secondi dalla prima sirena permette a Unipol Banca di chiudere il quarto con la testa avanti, per la prima volta (15-14).

Al rientro, Bovo e Taddeo danno la spallata per rilanciare Brindisi sul + 9 (15-24), mentre Unipol Banca non trova la via del canestro per tre minuti. Taddeo insiste e dopo 13 minuti è in doppia cifra, e Bologna risponde aggrappandosi alle frecciate di Deri. Al quarto d’ora, Brindisi è a +10 (21-31), ma non ferma la sua corsa trascinata da Taddeo, che trova sponda nelle incursioni di Marzo, allargando la forbice a 28-42 a un minuto dalla pausa lunga. E’ ancora Deri a mettere argini, con l’ultima tripla prima dello stop, ma Taddeo va in lunetta e non perdona nulla (31-44). Sono i due mattatori, con 17 punti a testa al giro di boa, ma di squadra fin qui la vince Brindisi.

L’Happy Casa rientra con le stesse motivazioni della prima parte di gara, e a metà del terzo quarto sfiora i venti punti di scarto (38-57) costruendo su una difesa rocciosa la sua performance. Unipol Banca si riorganizza, non ci sta a cedere senza lottare, e va alla mezz’ora contenendo il distacco, sulla spinta di Venturoli e Orsi (51-65).

Dieci minuti per annullare il gap, e la truppa di Vecchi ci si mette d’impegno: in due minuti è a -10 (55-65), e Brindisi si rivolge ancora a Taddeo per districare la matassa. La bocca di fuoco bianconera adesso è Venturoli, e a 4 giri di lancetta dalla fine il distacco è di 13 punti (62-75), con l’Happy Casa che sembra tirare il fiato. A due e trenta è sempre il 15 bianconero a tentare la tripla dell’ultimo possibile riavvicinamento, ma il ferro è nemico e in pratica la sfida si chiude qui. Con la tripla di Stano a chiudere tra gli applausi la vittoria di Brindisi.

Virtus Unipol Banca-Happy Casa Brindisi 66-79
Parziali: 1/4 15-14 (15-14) – 2/4 16-30 (31-44) – 3/4 20-21 (51-65) – 4/4 15-14
Virtus Unipol Banca: Deri 22, Nicoli 12, Colombo, Venturoli 11, Cavallari 2, Nobili, Guastamacchia 5, Orsi 2, Barbieri, Tintori 9, Peterson 1, Battilani 2. All. Vecchi.
Happy Casa Brindisi: Stano 11, Guido 3, Mastropasqua, Pezzolla ne, Licchetta ne, Borsetto 7, Ragagnin 2, Marzo 11, Spedicato, Bovo 17, Epifania ne, Taddeo 28. All. Cristofaro.
Arbitri: Vita, Farneti.
t2: BO 17/41 BR 22/40; t3: BO 6/21, BR 8/28; tl: BO 14/17 BR 11/18; rimb: BO 31 (off 8, Nicoli, Tintori, Battilani 6) BR 40 (off 12, Bovo 10).


Fonte: Ufficio Stampa Virtus Pallacanestro Bologna (www.virtus.it)

About The Author

Related posts