23 Maggio, 2019

Cantù-Virtus Bologna, Top & Flop del match

Cantù-Virtus Bologna, Top & Flop del match

I migliori e peggiori del match giocato nella trasferta al PalaDesio, dove la Segafredo Virtus Bologna ha giocato contro l’Acqua San Bernardo Cantù, finita con una sconfitta dei bianconeri ancora una volta all’ultimo giro di lancette col risultato di 96-94, per quella che è stata la 21ma giornata di Serie A PosteMobile 2018-19.

TOP

Kevin Punter
Nel 2° quarto pare autoescludersi con un tecnico evitabile, vivacchia a lungo poi esplode un’ultima frazione fragorosa, 21 punti in 10’ quando nessuno ci credeva più. Dietro come i compagni, rivedibile, ma davanti è la Virtus, togliendosi di dosso la “scimmia” di Chalmers al quale potrebbe cedere il posto. I 36 (7/10 da 2, 4/6 da 3, 10/11 ai liberi) sono miglior prestazione stagionale di tutta la Virtus

Davon Jefferson
Inizio sontuoso, Moreira non capisce nulla e va fuori partita, quando iniziano a marcarlo meglio al ferro regala alcuni conclusioni da fuori di pregevolissima fattezza, ci mette anche qualche sconosciuta difesa. Cala nel finale, ma non ha un cambio, in 33’ 27+9 e 8 falli subiti

Gerry Blakes
Il 2° miglior tiratore dall’arco del campionato entra in partita con timidezza, ma la perde con l’andar dell’incontro quando vede che la difesa si taglia a fette come un buon tonno. Mette i 5 punti dei suoi che scacciano la parità e le paure


FLOP

Yannik Moreira
Viene portato a scuola da Jefferson sia ad inizio partita, sia ad inizio secondo tempo, avendo fallito 2 volte non vede più il campo in una partita che fa rimpiangere anche il Qvale più acciaccato.

Play Virtus
In una serata dove Taylor non prende mai in mano la squadra, ci sarebbe spazio per i giovani, ma Pajola dopo qualche buona difesa smette di incidere, Cappelletti fa confusioni assortite, manca la guida per troppo tempo.

Mancanza di reattività
La Virtus soccombe a rimbalzo anche quando il centro avversario si riposa, in panca o in campo, arriva in ritardo su troppi palloni vaganti, manca sempre negli ultimi secondi dei possessi la chiusura decisiva. Riemerge solo sulle ali di un Punter onnipotente, dimostrando che volendo si può, o meglio si potrebbe.


A cura di Luca Cocchi

About The Author

Related posts