15 dicembre, 2017

Giorgio Valli da Gianni Zoboli su RadioNettuno

Giorgio Valli da Gianni Zoboli su RadioNettuno
Photo Credit To Roberto Serra / Iguana Press / Virtus Pallacanestro

Nell’appuntamento settimanale radiofonico di Radio Nettuno Bologna, Gianni Zoboli nella finestra intitolata “Basket City” ha intervistato il coach della Virtus Giorgio Valli. Vi proponiamo di seguito l’estratto dell’intervista.
Allora Giorgio siamo qui dopo la sconfitta di Pistoia…
Pittman dopo due falli nel primo periodo e il terzo fallo a metà nel secondo periodo (di cui la seconda e la terza fischiata a mio parere non troppo giuste) ha condizionato il nostro attacco e siamo andati a riposo sotto di 6 e successivamente siamo andati sotto di dieci, abbiamo recuperato e siamo andati sotto di 17 e siamo tornati ancora sotto a -6 due volte con la palla del -3 che non abbiamo saputo sfruttare. In trasferta purtroppo ancora non abbiamo quella forza che ci permette di passare davanti e chiudere le partite”.
Condizionato dai falli Pittman però c’è da dire che alla fine è stato uno dei migliori in assoluto…
Certo, il problema è che proprio perché è uno dei migliori non possiamo farne a meno”.
È un peccato…
Soprattutto toglierlo in certi momenti della partita, la sua assenza condiziona al di là del risultato l’andamento della partita stessa”.
È dall’inizio della stagione che predichi ai tuoi di essere più solidi, sono capaci di gare intensissime e di altre, come l’ultima se vogliamo, quasi svagate, sembrava che dessero per scontato che l’avversario era abbordabile…
No, questo no, perché nessuno sottovaluta niente. Il problema è che non riusciamo a metabolizzare dei break che possono fare gli avversari e quindi ci deprimiamo un po’ troppo e sembra che smettiamo di giocare, invece occorre avere sempre la solidità mentale che è frutto dell’esperienza che ti permette comunque di fare la tua partita”.
È intervenuto anche il Presidente Bucci non solo sui giornali, ha parlato anche alla squadra, come hanno recepito gli eventuali messaggi del Presidente i tuoi ragazzi?
Il messaggio di Alberto è sempre molto positivo perché è sempre molto pieno di carica emotiva. Credo sia stato utile al gruppo sentire una voce di questo genere anche perché viene Bucci viene dal campo, io Alberto lo considero un allenatore prima ancora che Presidente e di conseguenza sicuramente penso che i ragazzi abbiano apprezzato il suo intervento. Poi è ovvio che da lì a tradurlo in punti e palle recuperate è un altro discorso insomma”.
È una presenza quella di Bucci che si sente?
Diciamo che non è un Presidente invisibile e di conseguenza ci fa piacere averlo tra di noi, credo che i ragazzi abbiano capito e sanno benissimo il trascorso che ha Alberto”.
Lo avete avuto a Pistoia e lo avrete anche a Cantù almeno da quanto si legge…
Certo, penso che ormai questo sprint finale lo facciamo tutti insieme”…
Le condizioni della squadra?
Non fantastiche onestamente perché purtroppo Valerio Mazzola non sta benissimo, accusa ancora sempre di più questo dolore a entrambe i piedi e questo lo condiziona molto nel rendimento e nella sua tranquillità, gli altri più o meno stanno recuperando spalla di Gaddy compresa che gli comincia fare meno male, quindi credo che avremo una settimana di allenamenti abbastanza profiqua dal punto di vista degli esterni se non altro”.
Domenica si va a Cantù, all’andata una gran partita la vinceste 85-77 qui all’Unipol Arena, come si può fare per ripetersi?
La squadra è differente perché hanno cambiato tanto, hanno aggiunto Domen Lorbek, Kyrylo Fesenko ex giocatore NBA, sempre più dentro JaJuan Johnson, hanno messo dentro Roko Ukic, insomma credo che a livello di nome siano tra le prime quattro-cinque del campionato questo senza dubbio, loro hanno ancora guai quindi speriamo di mettere il dito nelle loro piaghe”…
Effettivamente hanno continuato a rinforzarsi però senza i risultati che si aspettavano anche dal cambio allenatore, in definitiva sono poi a venti punti come voi e possiamo dire che la loro stagione è sicuramente da cancellare
Speriamo che la loro stagione sia proprio tutta da cancellare e speriamo di andare a fare una partita solida e importante perché credo che sia una sorta di spareggio e vedremo chi è più pronto a questo genere di partite. È chiaro che se noi prendiamo i duelli il trascorso e il pedigree dei giocatori, loro sono nettamente favoriti però noi ci dimenticheremo tutto questo e andremo a giocarci i nostri uno contro uno e cinque contro cinque senza timori”.
Hasbrouck tra l’altro giocava ancora con loro all’andata e fece 11 e intanto quelli li cancelliamo
Si ho capito ma non è che partiamo 11-0 per noi è questo il concetto (risata n.d.r.), si parte sempre da zero a zero”…
Non si sa mai che non si ripeta…
Io sono convinto che Hasbrouck sia molto stimolato, lui lo è sempre perché è un bravissimo professionista, ovviamente ha qualcosa in più da spendere”…
Quali sono i duelli più interessanti Giorgio?
Ma Fesenko-Pittman credo che sarà un duello bello tosto, un duello alla pari almeno a caratteristiche, poi credo sugli esterni che sono molto validi Roko Ukic e tutti questi ragazzi come lo stesso Walter Hodge che fece una grande partita a Bologna, Domen Lorbek stesso, Awudu Abass Abass contro Fontecchio che sono molto simili come caratteristiche e quindi sono tutti duelli da vedere”…
Si vince partendo da una grande difesa…
Assolutamente, assolutamente partendo e finendo con una grande difesa. In trasferta non puoi prescindere dalla difesa anche perché loro hanno un potenziale d’attacco clamoroso e quindi se non li limitiamo non possiamo andare là a giocare per fare un canestro in più, dobbiamo cercare di prenderne uno in meno”.
Ha detto Alberto Bucci pensiamo partita per partita, tu lo hai ripetuto tutte le volte che ci siamo sentiti qui in diretta ed effettivamente adesso ne mancano tre e sono tre finali in definitiva da giocare e la prossima con Cantù è la più abbordabile rispetto all’ultima con Reggio Emilia…
Beh se non altro per le posizioni in classifica, ma le motivazioni giocano un ruolo determinante quindi pensiamo a questa e poi vediamo”.
Io ti faccio un grande in bocca al lupo Giorgio e ci sentiamo alla prossima…

Fonte: Gianni Zoboli (RadioNettunoBologna)

About The Author

Related posts