11 Dic, 2018

La Virtus sbanca Avellino

La Virtus sbanca Avellino
Photo Credit To Ciamillo-Castoria / Virtus Pallacanestro Bologna

Giocando la partita che Sacripanti aveva ben descritto in precedenza, ovvero non serve provare a frenare il gioco corri e tira avversario ma farglielo fare non al meglio, la Virtus porta a casa una vittoria dal peso specifico elevatissimo giocando una quarta frazione al limite della perfezione (12-33 di valutazione) con tanti elementi che si ergono a protagonisti, dal Taylor ispirato a Kravic padrone del ferro nell’ultimo quarto per passare da un Martin energia e non solo. Ovvio che non si possa dimenticare Punter, ma ormai per lui prestazioni da ventello con buone medie sono ordinaria amministrazione. Dosando pure i minutaggi senza trovare i protagonisti al gancio nei minuti finali, una vittoria di squadra in un campo che vedeva i propri beniamini mancare da giugno, che hanno provato a scappare nel terzo quarto senza riuscirci perché la V nera ci ha sempre creduto mettendoci anche molta testa e finendo per nascondere l’assenza pesante del capitano Qvale, mischiando le carte con un vispo Baldi Rossi in partenza, usando la zona senza eccedere e facendo pagare Cole in difesa limitandolo così offensivamente quando contava. Il dominio a rimbalzo la nota lieta in una vittoria dove la Sidigas ha perso solo 2 palloni, faticando dall’arco grazie ad una difesa attenta che ha pagato solo nella prima parte i pick & roll con Costello.

C’è Baldi Rossi al posto di Qvale, il resto non cambia, Vucinic senza Campani e Campogrande è tutto straniero con l’italo-argentino Filloy a guidare. L’attacco Virtus funziona, ma Cole da solo tiene lì i suoi con accelerazioni pazzesche. Qualche tiro senza copertura a rimbalzo lascia campo aperto ai lupi, ma la Virtus tiene con giri di cambi ad alto ritmo fin da subito. La bomba finale di M’Baye lascia le V nere davanti, 10 uomini passati in campo per Sacripanti, Sidigas in completa dipendenza da Cole. Si tira bene, molto, da 2 per entrambe le squadre sprecando pochi palloni.

Virtus a zona e Taylor che s’iscrive alla partita con 6 punti, +7, massimo di giornata. Quando Green decide di iniziare a giocare per la Sidigas tutto diventa più semplice, e la guida di Sykes per Cole coinvolge tutta la squadra, la Virtus tiene con Punter ma lascia troppo spazio nel pitturato a Costello, bravo a chiudere i pick & roll che ispira Filloy. Pasticci offensivi finali, Virtus che tiene un +2 prezioso impattando a rimbalzo con Aradori e Martin in una partita senza praticamente palle perse.

Dopo un po’ di confusione è Costello a firmare il +3 col suo gioco preferito che tanto fa male alla Virtus, Sacripanti deve fermare i giochi al 24’ sotto di 5 perché l’attacco fatica e lascia transizioni fatali. Dal -8 si riemerge con l’energia di Martin e una bomba di Aradori, il -4 è potabile per quanto visto nella frazione da 33-11 di valutazione.

La Virtus costruisce ma Avellino ora stringe maggiormente e il canestro è complesso, a parte le invenzioni di Taylor al quale risponde Cole, a lungo seduto. Il bonus speso in 3’ pesa, la sfida Taylor-Cole accende la sfida con la Virtus ancora lì, -1. La risposta continua, anche Kravic fa la voce grossa ed è sorpasso per un +5 che regge fino all’ultimo giro di lancette. La difesa tiene sulle ultime speranze irpine, ai liberi le V nere non sono perfette ma mettono quelli decisivi portando a casa una vittoria importantissima con tanti giocatori a cui ascriverla, altro segnale di peso.

Prossima partita di campionato sarà contro Cremona al PalaDozza domenica 28 ottobre ore 12:00, diretta su Eurosport Player

Sidigas Avellino-Segafredo Virtus Bologna 90-96
Parziali: 1/4 25-26 (25-26) – 2/4 21-22 (46-48) – 3/4 24-18 (70-66) – 4/4 20-30
Sidigas Avellino: Guariglia n.e. Green 15, Nichols 8, Costello 20, Filloy 8, Campani n.e. Sabatino n.e. D’Ercole, Sykes 12, Cole 23, Spizzichini 2, Ndiaye 4. All. Vucinic.
Segafredo Virtus Bologna: Punter 23, Martin 13, Pajola, Taylor 22, Baldi Rossi 5, Cappelletti n.e. Kravic 14, Aradori 9, Berti, M’Baye 9, Cournooh 1, Camara n.e. All. Sacripanti.


Luca Cocchi

About The Author

Related posts