21 luglio, 2018

La Virtus torna a vincere in trasferta, Brescia battuta

La Virtus torna a vincere in trasferta, Brescia battuta
Photo Credit To Roberto Serra / Iguana Press / Virtus Pallacanestro Bologna

Tremando, lasciando quasi per intero un +10 a meno di 3’ dal termine, la Virtus questa volta fa suo lo scalpo che da tanto tempo cercava in trasferta. Sbanca Brescia al termine di una partita impostata sui propri binari, togliendole attacco in un secondo tempo giocato difensivamente in maniera perfetta non fosse per le ultime bordate di M. Vitali (una di pura fortuna). In quel secondo tempo, probabilmente il migliore fin qui disputato, si è erto a protagonista assoluto Sluaghter, un fattore in attacco, a rimbalzo e in difesa, bene Ale Gentile a tratti Aradori, da elogiare anche i 16’ di Pajola che non a caso esce con un +9 di +/-. Ma molto merito pure al coach in una partita tattica quanto mai. 2 punti preziosi sia per fare morale sia per i playoff, coprendo al meglio a rimbalzo e limitando la Leonessa dall’arco, poi i padroni di casa ci mettono del suo con un 1/10 ai liberi che se non è record di sempre ci va molto vicino.

Ramagli va col quintetto solito, avendo assenze sì ma in panchina, Diana senza Moss acciaccato ad un ginocchio parte piccolo con Moore a far reparto con fratelli Vitali. La prevedibile zona di Brescia lascia spazi ad Ale Gentile, dall’altra parte le bordate di M. Vitali tengono in parità l’incontro. I ritmi alti calano al primo giro di cambi, un 2+1 di Aradori riaccosta nel finale dopo che Slaughter ha sprecato qualcosina di troppo. La Germani trae il meglio dall’arco (4/8), le V nere tirano più da 2 e non sprecano palloni, il tutto per una frazione praticamente in parità giocando ognuna con le proprie caratteristiche primarie.

Con le bombe di Baldi Rossi e Umeh la Virtus mette la testa avanti nonostante Lawson non ne combini una positiva, dall’altra parte con Traini a guidare c’è meno fluidità e ben presto L. Vitali riprende in mano la gestione. Le V nere provano a fare la partita ma ogni errore è pagato caro da una cinica Leonessa che ricuce e sorpassa dal -4, massimo divario nei primi 20’. In un rabbioso finale con qualche parola e spinta di troppo tra Lafayette, Sacchetti e Hunt si finisce in parità, con liberi tirati malamente e leggero predominio Virtus a rimbalzo.

Si accontenta un po’ troppo l’attacco bianconero, Brescia lascia spazi dall’arco non sempre sfruttati e buon che Slaughter nel secondo tempo ha più incisività. La prima minufuga è Virtus, +10 al 28’ bravi a chiudere l’area e trovare punti da Lafayette e Umeh con Aradori e Ale Gentile a rifiatare. Ne rimangono 8, giocando un basket fatto di sapienza come raramente avevamo visto nell’anno soprattutto in difesa con solo 10 punti incassati, nulla dall’arco.

Non segna più la Virtus (2 punti ai liberi in 5’), Lawson nel mezzo non ha il passo ma la difesa regge lasciando solo triple da distanze siderali. Il primo cesto piove al 37’, ma è pesante, una bomba di Ale Gentile per il nuovo +8. Lafayette scrive il +10, lì però l’attacco si blocca non arrivando per ben 2 volte a fila nemmeno a tirare, mentre M. Vitali mette 2 bombe consecutive. Brescia è lì, arriva al -2 per un’ultima rimessa che pesa, Aradori dai liberi non trema ed è +4, la Leonessa non ne ha più e per le V nere arriva una preziosissima vittoria, la più prestigiosa dell’annata.

Prossima partita domenica 25 marzo ore 17:00 al PalaDozza contro Brindisi, diretta Eurosport Player e Radio Bologna Uno

Germani Basket Brescia-Segafredo Virtus Bologna 66-70
Parziali: 1/4 24-23 (24-23) – 2/4 17-18 (41-41) – 3/4 10-18 (51-59) – 4/4 15-11
Germani Basket Brescia: Moore 6, Hunt 12, Mastellari n.e., Vitali L. 11, Landry 8, Ortner 2, Veronesi n.e., Traini, Vitali M. 22, Sacchetti 5. All. Diana.
Segafredo Virtus Bologna: Gentile A. 19, Jurkatamm n.e. Umeh 5, Pajola 1, Baldi Rossi 6, Ndoja n.e., Lafayette 11, Gentile S. n.e., Berti n.e., Lawson , Slaughter 15. All. Ramagli.

Luca Cocchi

About The Author

Related posts