21 novembre, 2017

Piacenza, Marco Andreazza pre match Virtus

Piacenza, Marco Andreazza pre match Virtus

Le parole di Marco Andreazza coach dell’Ucc Assigeco Piacenza, alla vigilia del match di domani lunedì 9 gennaio 2017 contro la Segafredo Virtus Bologna per quello che sarà il recupero della 16. Giornata di campionato Serie A2 Girone Est. La diretta televisiva sarà proposta su Sky Sport 2 HD a partire dalle ore 20:40. L’incontro sarà raccontato in diretta sul profilo Facebook di UCC Assigeco Piacenza (www.facebook.com/uccassigecopiacenza/) e da lì sul sito www.uccassigecopiacenza.it.

Marco Andreazza

Affrontiamo la Virtus Bologna, la squadra più forte del campionato per delle valutazioni soggettive, in quanto mi sembra di gran lunga la squadra che finora ha giocato la pallacanestro migliore, e per dei dati oggettivi, in quanto sono meritatamente primi, non perdono da 9 partite e, dati statistici alla mano, sono la squadra con il miglior attacco, una delle migliori difese e la squadra che tira meglio da 2 e da 3.

Tutte queste cose potrebbero lasciar presagire una partita a senso unico ma credo che, se la Virtus vorrà passare sul nostro campo, dovrà sudare le proverbiali sette camicie. Se è vero, come è vero, che siamo in oggettiva difficoltà di organico, sono convinto che i miei ragazzi sapranno pareggiare le defezioni con la loro energia, che sarà intanto uno dei primi fattori per poter pensare di giocare contro di loro. Sarà fondamentale provare a vincere la battaglia rimbalzo.

Senza queste due cose sarà compito improbo ma ci stiamo allenando bene e proveremo a farci trovare pronti, anche se non sarà facile. Credo che il loro punto di forza sia il collettivo e l’umiltà con cui giocano pur vestendo i colori di una società blasonata; hanno vinto partite con il talento degli esterni o con la forza fisica dei lunghi e una squadra con un collettivo come il loro si può provare a battere solo mettendo una grande carica emotiva e concentrazione per 40 minuti.

La parte tattica in partite come questa è importante ma viene in secondo piano. I nostri giocatori più esperti dovranno guidare i nostri giovani, cercando di mostrare come si può provare a vincere una partita come questa”.


Fonte: Guido Cappella – Area Comunicazione LNP (www.legapallacanestro.com)
con la collaborazione degli Uffici Stampa dei Club di Serie A2

About The Author

Related posts