20 Aprile, 2019

Virtus, a Strasburgo arriva un’altra sconfitta

Virtus, a Strasburgo arriva un’altra sconfitta
Photo Credit To Massimo Ceretti / Ciamillo-Castoria / Virtus Pallacanestro Bologna

Nemmeno uno Strasburgo in un periodo difficilissimo (pure priva di Pietrus) permette alla Virtus di tornare alla vittoria, in una partita che acuisce le difficoltà viste nell’ultima settimana.

Subendo oltremodo in un secondo tempo di stenti, non basta la reazione degli ultimi 2’, massacrati a rimbalzo (-22) e con mira storta (41% totale), per quanto si sia riusciti a sporcare le trame avversarie con 17 perse forzate (va detto che ci hanno messo molto del loro) non si può vincere in trasferta in Europa in questo modo.

Non è mancata la voglia, la lucidità sì, a cominciare dal pilota, Tony Taylor, uscito anzitempo dopo una partita modesta subendo la guida dell’avversario, il 35° Mike Green.

Nessuno ha giocato con continuità, se Aradori è tornato a prendersi tiri e pure metterne (8/16 con 3 bombe), dietro ha pagato pegno su chiunque, Qvale è stato impiegato pochissimo e anche Kravic usato più da 4 che da 5 è parso fuori dai giochi.

Il male è da cercare in un primo tempo che non ha portato sventure come col Besiktas o Milano, ma che poteva e doveva accompagnare le V nere alla pausa con molto più divario del magro punticino raccattato. Lasciando così quelle speranze che un gruppo di marpioni (Collins, Green, Traorè) ha condotto in porto, forse pure contro le loro aspettative iniziali.


C’è Martin per Aradori in quintetto con Moreira come in campionato, Collet in un momento di grande difficoltà (3 perse a fila in coppa, -41 in Francia a Pau domenica) parte con gli stessi 5 visti a Bologna, con Collins che a Pau ha toccato il campo con qualche risultato in più dopo il rientro dall’infortunio. I 221cm di Fall fan più impressione che sostanza, studiandolo bene la Virtus fa pagare le sue ingenuità e dal -4 trovando pure le bombe c’è il sorpasso, +5 al 7’. 2 errori davanti e dietro di M’Baye mangiano il vantaggio, Traorè trova luce in area e il finale è in parità con bomba di Aradori, positivo dalla panchina. Se dall’arco oggi c’è mira, 3/4, preoccupa il 15-3 a rimbalzo, compensato dallo 0-5 con le perse.

Vantaggio costante Virtus ma manca il colpo d’ala, qualche disattenzione difensiva lascia i padroni di casa incollati mentre Aradori si prende vari tiri a fila che lo mettono in ritmo. Eddie dall’arco è una sentenza, Strasburgo di nuovo avanti guidati da Collins con difesa che concede troppo ed i rimbalzi tutti francesi, prima parte del quarto che suona da occasione sprecata. Il finale vede Moreira protagonista per il controsorpasso, sprecando pure nel finale qualche opportunità di allungo. Rimane il grave problema a rimbalzo (-12) ridotto dalla differenza perse/recuperate ma non sufficiente per scappare, lasciando così a Collins, Eddie e Green la possibilità di rimanere attaccati alla partita.

Più lesta Strasburgo in avvio guidata a memoria da Mike Green, alle lune storte di M’Baye si prova a sopperire col doppio lungo, Moreira-Kravic, con sostanza che cambia poco. Fall fa sentire i suoi centimetri e sempre in singolo possesso il vantaggio ora è francese. Nel finale Aradori prova davanti a tenere a contatto i suoi, ma dietro subisce tanto per un -5 sulla sirena, massimo negativo di serata. -21 a rimbalzo, tirando pure sotto al 50%, è quasi un male da poco il divario all’ultima pausa.

Al solito è Strasburgo a partire bene nel quarto, la Virtus sbaglia sempre, i rimbalzi son solo francesi ed è -10 in confusione totale. I padroni di casa mancano più volte il colpo del KO, graziati da attacchi sgraziati Segafredo, il tempo gioca a favore dei primi. A poco più di 2’ esce Taylor per falli in un disastroso quarto quarto, quando tutto pare finito, -8 a 1:20, la reazione porta al -2 con tanta difesa. Collins, al termine di una grande partita firma il +4 con 13” sul luminoso, non è la fine perché Punter dall’arco porta a -1. Eddie dai liberi fa il +3, la tripla impiccata di M’Baye è bloccata da Collins che suggella così una sontuosa prestazione. Ci sarebbero ancora 3/10, la tripla al volo di Moreira non vede nulla.

Per la Virtus la spirale negativa continua, il primo posto dovrà essere difeso all’ultimo tentativo col Promitheas, il prossimo mercoledì alle 18:30, in contemporanea su tutti i campi del girone D.

Prossima partita di BCL sarà col Promitheas al PalaDozza mercoledì 6 febbraio ore 18:30, diretta su Raisport ed Eurosport Player.

SIG Strasbourg-Segafredo Virtus Bologna 83-80
Parziali: 1/4 22-22 (22-22) – 2/4 21-22 (44-43) – 3/4 21-15 (64-59) – 4/4 19-21
SIG Strasbourg: Collins 20, Beyhurst, Serron 4, Eddie 12, Nzeulie 6, Green 8, Lang 12, Goulmy n.e. Fall 11, Traorè 10. All. Collet.
Segafredo Virtus Bologna: Punter 22, Martin 2, Moreira 14, Pajola 2, Taylor 6, Baldi Rossi 2, Cappelletti n.e. Kravic 2, Aradori 21, Berti n.e. M’Baye 7, Qvale. All. Sacripanti.


Luca Cocchi

About The Author

Related posts