20 Aprile, 2019

Virtus Bologna-Promitheas Patras, Top & Flop del match BCL

Virtus Bologna-Promitheas Patras, Top & Flop del match BCL

I migliori e peggiori dell’ultimo match della fase a gironi giocato in casa al PalaDozza dalla Segafredo Virtus Bologna contro il Promitheas Patras, finita con una vittoria dei bianconeri col risultato di 98-91, per quella che è stata la 14. giornata (settima di ritorno) della fase a gironi di Basketball Champions League.

TOP

Brian Qvale
Poco impiego, tanta resa, intonso dal campo (7/7) dimostra nuovamente, oggi pure in difesa, che usato col contagocce è un signor giocatore causando così problemi di scelta, anche se nell’abbondanza si sta meglio.

Yanick Moreira
Pare a lungo evanescente, come se l’energia profusa nelle prime uscite si fosse esaurita, poi nel supplementare diventa il padrone della situazione proprio quando i greci sorpassano, punti, falli subiti (stendendo i più pericolosi) e intimidazione sotto le plance.

Amath M’Baye
Miglior rimbalzista e marcatore con doppia doppia, non sempre concentrato, ma quando lo è estrae dal cilindro perle preziose e importanti, mandando tutti negli spogliatoi anzitempo con uno schiaccione volante.


FLOP

Kelvin Martin
L’applicazione difensiva c’è ancora, manca in parte l’efficacia, quel centesimo che fa l’€ che ferma l’avversario fino al termine dell’azione e non un po’ prima. Davanti oggi tanta fatica, chiude con un mesto -6 di +/-.

Difesa dell’arco nel 4° quarto
Nel basket moderno piaccia o no, i grandi divari si recuperano in breve tempo con le bombe, in un finale all’arma bianca Patrasso ci si affida mentre la Virtus guarda un po’ troppo.

Octavius Ellis
Il dinoccolato lungo che parte in quintetto per lo spazio lasciato dall’assente Brown, non fa nulla per farsi notare e grazia più volte da un cm le V nere, 0/2 dal campo, 0 rimbalzi (il centro di ruolo…) e -12 di +/-, regalare il centro titolare, anche se ben supportato da Parks, è un lusso non concesso.


A cura di Luca Cocchi

About The Author

Related posts