24 aprile, 2018

Virtus, il preview del match contro la Vanoli Cremona

Virtus, il preview del match contro la Vanoli Cremona
Photo Credit To Roberto Serra / Iguana Press / Virtus Pallacanestro Bologna

Sulla via pasquale della Virtus c’è la Vanoli Cremona al PalaRadi, squadra contro la quale all’andata arrivò un salvifico successo sulla sirena, partita che protesse la panchina al coach e che invertì la serie di 4 sconfitte a fila.

Rispetto a quell’incontro i lombardi hanno inserito l’ex Fontecchio giunto da Milano dove il campo lo vedeva raramente, per il resto la compagine del coach della nazionale Meo Sacchetti non ha cambiato nulla, facendosi sempre più squadra attorno alle giocate di fantasia di Johnson-Odom ed al fosforo dei cugini Diener. Il giocatore che più si è messo in luce è l’ala Martin che proprio ora la dirigenza cremasca sta provando a confermare per toglierlo dal mercato, mentre sempre più spazio trovano gli italiani, da Ricci agli ex Gazzotti e Portannese.

Sacchetti gioca sovente senza un lungo di stazza, avendo solo Sims ed impiegando pure non tantissimo (21’ per lui), vive molto di tiro da 3 (oltre 27 a gara col 36%) frutto però di scelte diverse, se J-O si crea da solo le conclusioni, per gli altri nascono tiri creati da un veloce giro di palla oppure con l’opzione principe, gioco in transizione per la prima opzione possibile.

La Virtus, che riavrà Baldi Rossi a posto, dovrà tornare ad appoggiare palla ai lunghi con continuità e prendere tiri ben costruiti in modo da evitare contrattacchi facili ai padroni di casa che da quello possono far male. Cremona, nata a luglio per fare l’A2, e rinata ad agosto per l’A1, ha preso coscienza delle proprie possibilità in corso d’opera e non affonda mai, capace di folate improvvise ma pure attaccabile quando si va verso il ferro dovendo giostrare principalmente con ali leggere. Slaughter in primis, ma pure il Lawson visto contro Brindisi dovranno essere punti di riferimento nel pitturato, la pressione sugli esterni basilare per far partire con ritardo la serie di veloci passaggi che portano a tiri ad alta percentuale dall’arco, e qui i minuti di Pajola potranno avere ad alto rendimento.

Ovvio che le fortune della squadra di Ramagli, soprattutto offensivamente, passeranno dal duo Aradori-Ale Gentile, che dovrà sfruttare il maggior talento e peso senza cadere in facili e troppo veloci conclusioni. Una partita che se vinta toglierà definitivamente di mezzo una possibile avversaria per la corsa ai playoff, se persa ripoterà nel limbo di un branco di cani affamati tutti pronti a sbranarsi l’un con l’altro. Dal quinto al nono posto ballano 2 punti, Cremona dista 4 ma con una partita ancora da recuperare a Reggio Emilia.

La partita sarà in diretta alle ore 20:45 su Eurosport Player e su Radio Bologna Uno.

Luca Cocchi

About The Author

Related posts