18 novembre, 2017

Virtus, il preview del match contro Sassari

Virtus, il preview del match contro Sassari
Photo Credit To Roberto Serra / Iguana Press / Virtus Pallacanestro Bologna

Il ciclo di ferro Virtus (Sassari-Venezia-Brescia-Milano) inizia con un doppio passaggio casalingo che vede domenica 22 ottobre l’arrivo del Banco di Sardegna Sassari di coach Pasquini, transitato sui legni del PalaDozza già come vice allenatore Fortitudo dal 2007 al 2009. Ma l’arrivo degli ex campioni d’Italia 2014/2015 avrà al centro dell’attenzione tra gli ex uno dei più amati dal pubblico Virtus degli ultimi anni, quel Marco Spissu che ha legato momenti indelebili della passata stagione, vedi nel derby della Befana o quel tiro da 3 che chiuse i giochi in gara3 a Trieste per la promozione.

Ora Spissu ha le chiavi in mano della squadra sarda, tra i nuovi arrivi spicca quello di Polonara che ha chiuso in maniera calante l’esperienza reggiana e qui cerca un nuovo e definitivo rilancio. 2 presenze italiane di forte impatto per una formazione da anni ad impronta straniera, impronta che non viene a mancare nemmeno ora con tante facce nuove tranne quella di Stipcevic, play sloveno di nascita ma croato di nazionalità che da anni è l’uomo di fiducia del coach oltre ad essere uno dei migliori tiratori di liberi della storia del basket. Gli arrivi provengono prevalentemente dall’Europa, giocatori quindi già testati come gli ex avellinesi Randolph e Jones, gli “spagnoli” Bamforth e Planinic, il “serbo” Hatcher ed il “tedesco” Pierre.

Non va dimenticato infine Jack De Vecchi, il difensore legato ormai a vita ai colori della nazionale sarda. Tra tutti, l’ex Partizan Hatcher ha giocato solo l’ultima partita in Eurocup, le bocche da fuoco sono Bamforth, Randolph e Polonara, mentre Jones veleggia in doppia doppia tra punti e rimbalzi. Per Spissu quasi 10 punti con ottime medie al tiro, vedremo se il prevedibile caldo abbraccio dei tifosi bianconeri lo farà emozionare (sempre se non si fermerà a rimirare la sua foto nei corridoi del palasport…) oppure suonerà come una carica in più. Sassari arriva a Bologna reduce da 2 sconfitte casalinghe in coppa al fotofinish, mentre in campionato affianca la Segafredo con un percorso analogo, 2 vittorie in casa ed una sconfitta esterna, sul non facile campo di Torino, dove a lungo a condotto ma poi è caduta, anche in questo simile alla trasferta Virtus in quel di Trento.

Si preannuncia un match giocato di corsa da parte degli ospiti che rispetto al passato son scesi come numero di conclusioni dall’arco ma non nella gestione dei tanti possessi, squadra se non troppo fisica sicuramente atletica che vorrà dare a Bologna il primo segnale importante della stagione. Le V nere, che ritroveranno Stefano Gentile dopo il disturbo muscolare accusato a Trento nel riscaldamento, entreranno nella sfida con le certezze conquistate nelle ultime partite sapendo che Gentile potrà far la voce grossa aprendo spazi per i compagni chiamati a supportarlo in modo più compiuto rispetto a Pesaro dove i 23 tiri son stati sì provvidenziali ma hanno portano ad una ingessatura dell’attacco.

Palla a 2 alle 20:45, posticipo domenicale in diretta su Eurosport2, Player e Rai Sport HD (Canale 57 Digitale Terrestre).

Luca Cocchi

About The Author

Related posts