17 agosto, 2018

Virtus, importante vittoria a Pistoia in chiave playoff

Virtus, importante vittoria a Pistoia in chiave playoff
Photo Credit To Roberto Serra / Iguana Press / Virtus Pallacanestro Bologna

La Virtus Segafredo Bologna (con la testa e il cuore con Daniele Cavicchi, vittima di un malessere e in ospedale per maggiori accertamenti, anche se fortunatamente non dovrebbe essere niente di particolarmente grave), gioca una partita gagliarda, di sostanza, e porta a casa due punti vitali in ottica playoff, visti anche i risultati che arrivano dagli altri campi. La gara é stata condotta dal primo minuto al quarantesimo, senza essere mai veramente in discussione contro una Pistoia giá salva e con la pancia piena, anche se i bianconeri non sono mai riusciti a chiuderla definitivamente. MVP del match un Marcus Slaughter incontenibile da sotto e presenza vera sotto le plance, ma grande merito lo deve prendere anche Lafayette, autore di una prova notevole. Molto bravi e diligenti anche tutti i ragazzi di Ramagli scesi in campo, che hanno compensato le assenze di Umeh e AleGent. L’esordio di Wilson é avvenuto in punta di piedi, l’adattmento ai compagni dovrá essere consolidato in settimana, che porterá all’ultima gara casalinga della stagione regolare, contro Avellino che nel pomeriggio ha lasciato espugnare il PalaDelMauro a Sassari. La rincorsa ai playoff é sempre più serrata, servirá l’apporto di tutti per riuscire a centrare l’obiettivo tanto desiderato da tutto il popolo con la V stellata sul petto.

Il quintetto scelto da Ramagli é composto da Lafayette, Aradori, Pajola, Baldi Rossi e Slaughter, con quest’ultimo che si prende la prima iniziativa ma viene stoppata, ma il centro col 44 si rifá al primo giro in difesa e la Segafredo capitalizza bene due recuperi: 4-0 griffato da Baldi Rossi e Aradori. Pistoia si prende anche tiri discreti ma la mira è scentrata, le VuNere non ne approfittano appieno, siglando solo un libero con Pajola prima della tripla di Ivanov e del tap-in vincente di Gaspardo che pareggia le ostilità. Bologna riparte di slancio: Slaughter affonda una bimane e muove la retina con un appoggio da 1 cm, grazie alla bella assistenza di Aradori, che poi si mette in proprio con successo (5-11 al 5’). La partita é vivace anche se con diversi errori, Ivanov fa male alla difesa bianconera ma Aradori continua a produrre, fa il suo esordio a questo punto Jamil Wilson. Marcus Slaughter segna anche due liberi prima di andarsi a prendere il primo riposo, il suo sostituto Kenny Lawson ne verga due alla prima palla toccata e la difesa di Pajola entusiasmante genera l’opportunitá per il jumper vincente di Lafayette (10-19 al 8’). Il primo tiro di Wilson (su ottimo giro di palla di squadra)  va a schiantarsi sul tabellone, ci pensa Lafayette a dare gas, con rimbalzo e lancio tutto campo per Lawson che inchioda una schiacciata violenta. La Flexx prova a ricucire il gap verso il finire del quarto ma l’entrata vincente di Stefano Gentile rende il punteggio giusto per quanto visto sul parquet.

Wilson recupera un pallone a rimbalzo nella mischia, ma fallisce anche la seconda conclusione personale, il gioco è molto spezzettato dai falli e lo spettacolo risente di questo e dei troppi tiri sbagliati da ambo le squadre. McGee toglie il coperchio per primo, con una tripla, la Segafredo si divora un paio di canestri ravvicinati con Lawson e Gentile, ma Pistoia regala un’altra chance a Gentile che fallisce ancora, con la palla che beffardamente balla sul ferro ed esce ancora. Aradori toglie dalle secche i suoi con un’iniziativa personale, purtroppo subito dopo gli viene fischiato un antisportivo che significano secondo e terzo fallo che lo costringono a sedersi prematuramente (19-25 al 13’). Gentile confeziona un regalo che Ndoja scarta e trova la sorpresa, col gioco da 3 punti che dà ossigeno alla Virtus, coach Ramagli lo fa sedere e il capitano mostra evidente disappunto per questa scelta, ma Bologna preme ancora sull’acceleratore: alley-oop di Lafayette per Slaughter che si porta a casa il ferro, un layup di Baldi Rossi convince Vincenzino a fermare il gioco (21-32 al 15’). Laquintana é il giocatore più pericoloso dei suoi, Slaughter subisce fallo e si fa male alla caviglia ma resiste e mette un libero con l’aiuto di una carambola propizia, i toscani insistono ma la rimonta viene smorzata da un freccia a segno dall’arco, autore Baldi Rossi. Mian riporta i suoi sotto la doppia cifra, ma gli emiliani resistono: Ivanov viene giustamente sanzionato con un tecnico per aver simulato uno sfondo e la difesa regge bene, recupera palloni che Pistoia perde anche in maniera ridicola. Il capitan Ndoja infila un tracciante da 3 che vuole dire massimo vantaggio, Moore ci mette una pezza ma é un fuoco di paglia, in un campionario di oscenità tecniche dei biancorossi. Lafayette é ispirato e segna dall’arco, l’urlo dei tifosi é fortissimo, peccato rimanga in gola quello per il canestro di Pajola con fallo allo scadere: il tiro parte appena dopo la sirena e viene annullato.

Il primo attacco delle VuNere viene gestito malamente ma Ivanov si divora un rigore a porta vuota e Bologna non paga dazio, il bulgaro si rifá poco dopo ma lo stepBack3 di Lafayette é splendido e mortifero e sistema le cose. Pajola serve nel pitturato Slaughter che si divincola tra gli avversari e ne appoggia due al vetro, portando la Segafredo al +16, Filo Baldi Rossi sporca due liberi, ma la difesa asfissia l’attacco della Flexx ed é ancora uno strepitoso Lafayette a colpire dalla lunga (34-53 al 23’). Gli uomini di Esposito sono in balia delle onde, ci provano con qualche conclusione sporadica ma senza riuscire a fare il solletico ai bianconeri, ancora il 44 domina a piacimento dentro l’area. Ale Pajola é una piovra e il suo recupero di pura voglia e intensità fa andare in brodo di giuggiole gli oltre duecento supporter presenti in curva, al momento di rifiatare i cori sono tutti per lui, con la sensazione che la gara sia giá incanalata. Magro si inventa un gioco da 3 punti che riporta i suoi a -13, ma un sottomano rovesciato di SteGent raffredda le speranze dei padroni di casa, McGee non demorde e va altissimo per un tocco vincente a rimbalzo, ma poi non taglia fuori Gentile e Pistoia concede altri due rimbalzi offensivi che permettono un’altra entrata al 22, che ringrazia e porta a casa 2 punti d’oro. Un paio di perse banali e una bimane di Gaspardo chiudono il quarto, rendendo gli ultimi dieci minuti ancora degni di interesse.

Le prova tutte Vincenzino Esposito, con un quintetto sperimentale (Della Rosa Magro Gaspardo e Mian assieme a McGee) ma la scelta non porta alcun frutto,  il tabellone non si muove, anche per colpa della Segafredo che ci mette del suo sbagliando moltissimo. Lawson non riesce a centrare il bersaglio da sotto e continua la sparatoria a salve per oltre 3 minuti, quando Gaspardo centra la tripla dall’angolo, convincendo coach Ramagli a parlarci su,  per non perdere inerzia. La persa al rientro sul parquet viene immunizzata da una sequela di errori toscani, Gentile realizza un libero che rimane l’unico punto bianconero a segno nei primi 5’ del parziale. Gli arbitri fischiano un antisportivo a Slaughter che capiscono solo loro, Ivanov riporta i suoi a -9 dopo una vita ma un altro alley-oop, con Lafayette ad alzare e Slaughter a finire in maniera tonante, rianima una Virtus in difficoltà realizzativa (51-62 al 35’). Difesa e buone letture portano Aradori in lunetta, ed é la solita sentenza, la Flexx con le ultime forze residue prova a rialzare la testa ancora una volta con due cesti consecutivi; timeout Segafredo necessario, anche considerando la stanchezza dei giocatori. Altri due minuti di ciapanò da ambo le parti, in un quarto che non resterá di certo nella memoria per la bellezza del gioco, poi é il canestro di Lafayette, ottimo oggi, a far chiudere il sipario al PalaCarrara.

The Flexx Pistoia-Segafredo Virtus Bologna 61-74
Parziali: 1/4 14-23 (14-23) – 2/4 18-22 (32-45) – 3/4 14-14 (46-59) – 4/4 15-15
The Flexx Pistoia: Della Rosa, Laquintana 6, Mian 6, Gaspardo 11, Del Chiaro n.e., Onuoha n.e., Bond 5, Magro 5, Moore 2, Ivanov 17. All. Esposito.
Segafredo Virtus Bologna: Nicoli n.e., Pajola 1, Baldi Rossi 7, Ndoja 6, Lafayette 15, Aradori 16, S. Gentile 7, Lawson 4, Slaughter 18, Wilson. All. Ramagli.


Fonte: Massimiliano De Panfilis – Virtus Pallacanestro Bologna (www.virtus.it)

About The Author

Related posts