19 ottobre, 2018

Virtus, la conferenza stampa di Sodini post match Cantù

Virtus, la conferenza stampa di Sodini post match Cantù

Le parole di coach Marco Sodini al termine della partita giocata al PalaDozza contro la Segafredo Virtus Bologna, match in cui la sua Red October Cantù esce con una vittoria col risultato di 83-88, per quella che è stata la 25. Giornata di Campionato (10. del girone di ritorno) di Serie A PosteMobile di Regular Season.

Prima di tutto per me è stata un’emozione doppia – racconta coach Sodini nel post partita-. La prima emozione è stata tornare in un posto in cui io sono stato benissimo, con persone che mi hanno trattato benissimo e tifosi che mi hanno trattato benissimo. Stasera meno, giustamente. La seconda emozione è che, siccome io giocavo a Casalecchio, non avevo mai allenato al Madison e sinceramente, con tutto il rispetto per Casalecchio, è un’altra cosa.

Nelle due partite che abbiamo affrontato la Virtus, devo dire che abbiamo giocato meglio noi e, su questo, mi sbilancio. Voi sapete che io qui ho un rapporto personale bellissimo, al di là del fatto che gli assistenti sono miei amici dell’epoca. Anche con Alessandro Ramagli, che secondo me è un allenatore di livello davvero fantastico, ho un bel rapporto. La Virtus sta migliorando ma, francamente, nello sviluppo delle due partite, le nostre scelte tecniche e tattiche hanno portato il ritmo della partita dove volevamo noi. Abbiamo però avuto un primo tempo sciagurato in cui abbiamo concesso 17 punti a fronte di 12 rimbalzi di attacco e qualche minuto in cui ognuno di noi ha deciso di giocare la partita individualmente. Per il resto del tempo abbiamo usato delle buone difese, abbiamo cercato di allungare su tutto il campo e il nostro obiettivo era cercare di far giocare fuori la Virtus, perché la Virtus  in casa nelle ultime partite aveva sempre giocato tenendo gli avversari a punteggio basso.

Noi non siamo capaci di giocare queste partite, dobbiamo cercare di farlo tutti insieme, ma la cosa che non mi piaceva moltissimo è che la pressione difensiva sui portatori di palla del primo tempo avrebbe dovuto aiutarci ad attaccare l’area ed, invece, l’abbiamo subita facendo 9 palle parse. Voi sapete che noi siamo una delle migliori squadre del campionato per palle perse, ne perdiamo pochissime rispetto al gioco che facciamo, dal momento che noi vogliamo sempre correre, invece ero abbastanza rammaricato di questo.

Devo dire che l’applauso più grosso va ai miei giocatori, perché hanno saputo spesso e volentieri aspettare il loro momento.  Burns è stato eccezionale su tutta la partita ma ci sono stati momenti di Culpepper, momenti di Chappell e momenti di Smith, che nel finale ha fatto due palleggi arresto e tiro assolutamente determinanti. Ma, rispetto alle ultime partite, c’è stato anche un nostro grande miglioramento in difesa. Ribadisco: abbiamo patito i rimbalzi d’attacco, nel primo tempo, ma nel secondo abbiamo migliorato  anche quello.

Devo dare atto che, nel primo tempo, Filippo Baldi Rossi – che ho allenato – e Alessandro Gentile hanno giocato in maniera mostruosa. Perché io avevo fatto la scelta  di raddoppiare Alessandro sul post basso e lui faceva canestro lo stesso, non riuscivamo mai ad arrivare in tempo e dall’altra parte Filippo si è sempre fatto trovare pronto a quella che però è una sua specialità, e noi li siamo stati poco bravi e abbiamo permesso troppi tiri da due.

Detto questo, per noi è una vittoria tripla perché l’obiettivo nostro era salvarci. Ci siamo salvati matematicamente la giornata scorsa. Però è vero che noi ora abbiamo una partita difficilissima contro Milano e poi due contro Reggio Emilia e Brindisi, e saranno scontri alla morte. Poi abbiamo Pesaro e Capo D’Orlando. Vogliamo fare di tutto per essere dentro alle prime otto ma, dato che l’appetito vien sempre mangiando, è vero che siamo salvi ma non vedo perché dovremmo cambiare il nostro atteggiamento e secondo me – conclude coach Sodini in conferenza stampa – la dimostrazione è una partita di questo tipo: giocatori che non vogliono arrivare in fondo alla stagione bene, non giocherebbero come hanno giocato. Perché oggi indiscutibilmente abbiamo lottato”.


Fonte: Ufficio Stampa Pallacanestro Cantù (www.pallacanestrocantu.com)

About The Author

Related posts