12 dicembre, 2017

Virtus, le parole di Ramagli post match Brindisi

Le parole di coach Alessandro Ramagli e al termine della partita giocata al PalaPentassuglia contro l’Happy Casa Brindisi (nel video realizzato dalla Virtus Pallacanestro), dove la sua Virtus Segafredo Bologna ha perso col risultato di 79-75, per quella che è stata l’8. Giornata di Campionato di Serie A PosteMobile di Regular Season.

È stata la partita che doveva essere, con due squadre in tensione che cercavano la vittoria giocata sul filo dell’equilibrio e decisa, come spesso succede da qualche episodi. È stata una partita così, molto tesa con percentuali che chiaramente sono state basse perchè entrambe le squadre avevano la scimmia sulla spalla e questo spesso e volentieri sporca tiri e giocatori che magari hanno attitudini a segnarli con continuità ma stasera non è stato così quindi… Direi  che anche l’impatto al rimbalzo sia stato importante perchè quando le percentuali si abbassano è molto importante avere qualche secondo tiro e provare a rubare qualche canestro in contropiede ma in questo Brindisi è stata più brava di noi quindi niente da dire. Vittoria meritata di Brindisi, non aggiungerei molto altro.

Per quel che riguarda la mia posizione non ho niente da dire, penso che sia di competenza del club fare le sue valutazioni. Noi siamo venuti qui a giocare la partita con grande voglia di portarla a casa come avete visto, non è che abbiamo tirato indietro la gamba come si dice nel calcio. La partita l’abbiamo giocata, l’abbiamo sofferta siamo andati sotto, abbiamo recuperato, siamo andati sopra e siamo riandati sotto, quindi dal punto di vista dell’atteggiamento non c’è da dire niente, poi se guardiamo la qualità, un po’ è stata condizionata dal tipo di gara che è stata. Poi non si parla mai degli assenti, quindi non parlo degli assenti, non ha neanche senso parlarne. Chiaramente avete visto che in alcuni ruoli avevamo le rotazioni un po’ impiccate e questo è un aspetto che non va sottovalutato.

Per quanto riguarda il discorso della gestione dei finali, qui noi siamo andati sopra e sotto, non è che è stato un vantaggio com’è successo altre volte che avevamo vantaggi che poi non siamo riusciti a mantenere e abbiamo buttato via. Questa è stata una partita punto a punto, sbagli un tiro, prendi un canestro ma alla fine quando i tiri sono aperti conta metterli dentro, non c’è da dire molto altro. Abbiamo fatto 11 palle perse, non è che abbiamo fatto 25 palle perse e poi dici che è una squadra che butta via il pallone, abbiamo cercato dei tiri che avessero equilibrio, ma non sempre si riesce a farli ma poi quei tiri vanno messi dentro perchè quando li sbagli e gli altri magari ne mettono dentro uno difficile, com’è successo, sono episodi che posso far girare le sorti di una gara. Onestamente mi sembra una partita dove noi non avevamo vantaggi da tenere, avevamo possessi dove dovevamo cercare di tenere la testa davanti, ma questa è stata una partita punto a punto e nelle partite così alla fine sono gli episodi che fanno la differenza.

Slaughter e Lafayette poco incisivi? Con Slaughter e Lafayette abbiamo fatto una scelta chiara, le prime punte sono altre, non sono gli americani e quindi non è che uno deve essere punta perchè è americano questo mi sembra abbastanza evidente. I giocatori nelle cui mani vanno le nostre conclusioni sono altri, questo non è necessariamente legato al passaporto, è legato alla struttura della squadra quindi anche stasera sia Alessandro che Pietro sono stati riforniti, hanno avuto tanti palloni e questo è quello per cui la nostra squadra è costruita. Gli altri hanno la necessità di essere giocatori complementari in questo tipo di situazione, se fossero giocatori che giocano per le loro statistiche o per le loro esclusive conclusioni probabilmente distribuiremmo i tiri in maniera diversa e questo non sarebbe quello su cui la squadra è stata costruita. Con questo direi che il discorso legato agli americani è un po’ labile perchè le due punte di una squadra non devono essere necessariamente americane”.

About The Author

Related posts