17 febbraio, 2018

La Virtus non vede il canestro, vince Cremona

La Virtus non vede il canestro, vince Cremona

GRANAROLO-VANOLI 70-83
Virtus: White 6, Cuccarolo 5, Gaddy 2, Imbrò, Fontecchio 11, Mazzola 8, Tassinari, Vercellino, Hazell 13, Gilchrist 3, Ray 22. All: Valli.
Cremona: Hayes 20, Gazzotti, Vitali 16, Mian 2, Campani 1, Ferguson 11, Mei, Clark 17, Cusin 6, Bell 10. All: Pancotto.

La peggior Virtus dell’anno insegue per 40 minuti anche con Cremona e si fa battere 70-83 in casa. Mai in partita, la squadra di Valli, sgonfia, senza energia e idee e pericolosamente involuta. Non bastano i 22 punti di Allan Ray (foto Serra/Virtus Pallacanestro), tutti gli altri restano nella mediocrità fotografata da un avvilente 29% al tiro, mentre gli ospiti guidati da Luca Vitali (16 punti, 7 rimbalzi e 7 assist) senza strafare controllano tutta la partita.

LA CRONACA – Si mette male subito per la Virtus, sotto 0-6 fin dai primi possessi. Solo Ray vede il canestro (suoi 9 dei primi 11 punti di squadra), mentre dall’altra parte Clark colpisce per lo 0-13 che lancia la Vanoli (11-25). Il primo tempo è un monologo, la Granarolo annaspa sotto il 30% da due e finisce sotto 23-42, per sprofondare a -22 (34-56) in avvio di ripresa. L’unico sussulto arriva dalla metà del terzo quarto alla metà del periodo successivo, con un 17-1 che apre speranze di rimonta (Fontecchio e Hazell i più attivi) fino al -4 firmato da Mazzola dalla lunetta (61-65) nonostante la percentuale di tiro dica ancora un tremendo 31%. La Virtus si spegne lì perché un paio di canestri di Hayes alimentano lo 0-9 che chiude i conti e condanna i bianconeri a un Natale di riflessioni. A Santo Stefano si va a Pesaro per una sfida cruciale, intanto si continua a cercare un sostituto di Portannese anche se da oggi sembra arrivata al capolinea l’avventura di Gilchrist (0/6 al tiro e ultimi 18′ in panchina).

LA CHIAVE – L’incapacità della Virtus di trovare il canestro da vicino è una zavorra letale. Cremona fa la sua partita, ci mette fisico e la Granarolo subisce su ogni contatto senza l’energia abituale dopo una settimana nella quale non si è mai potuta allenare a pieno regime.

I NUMERI – Desolante il 29% da due (come a Varese) e da tre della Granarolo. Nonostante questo, però, a sei minuti dalla fine la partita si era riaperta. Gaddy, Hazell e White combinano per un 6/30 complessivo che vanifica il vantaggio virtussino a rimbalzo (48-39).

IL MIGLIORE – In casa bianconera si salva parzialmente solo Allan Ray, Cremona trova tanti protagonisti a cominciare da Clark per finire con Hayes, ma il tutto sempre sotto il controllo di Luca Vitali, padrone della partita e leader indiscusso della squadra lombarda.

I VOTI – White 4,5, Cuccarolo 5,5, Gaddy 4,5, Fontecchio 5, Mazzola 5, Hazell 5, Gilchrist 4, Ray 5,5.

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright BasketCity

Related posts