17 luglio, 2018

Virtus, Top & Flop del match contro l’Aquila Basket Trento

Virtus, Top & Flop del match contro l’Aquila Basket Trento

TOP

Marcus Slaughter
Nuova prestazione a tutto tondo, riferimento offensivo preziosissimo oltre all’infinito lavoro dietro le quinte, cancellando a lungo Hogue, un tipo di centro piccolo e mobile che più volte ha sofferto.

Pietro Aradori
Anche se il finale non è scevro da errori, rimane un terminale offensivo prezioso con punti in 2 momenti chiave, in avvio spezzando l’unico vantaggio ospite, e nel secondo tempo per dilagare.

Tempi di gioco Virtus
Un gioco più controllato, concentrati sull’evitare palle perse che avrebbero dato campo aperto ad una formazione che fa di quel fondamentale il suo credo e la sua forza, partita vinta anche con la testa.


FLOP

Alessandro Gentile
In una giornata dove stava limitando forzature ci mette una reazione scomposta in difesa del fratello ma soprattutto una reiterazione che va persino oltre alla rissa del celebre derby 1998, con ripercussioni che potrebbero costar care.

Oliver Lafayette
Gioca ultimi minuti da fonte d’ispirazione (6 assist), ma prima per tanto, troppo tempo non si è visto, sbagliano tutto (0/4 da 2, 0/4 da 3 e 1/2 ai liberi), lasciando la bacchetta di comando a Stefano Gentile.

Dustin Hogue
Si pensava a lui come il centro di taglia piccola capace di mettere in difficoltà Slaughter, invece è avvenuto il contrario, non pervenuto per almeno 35’, emerso quando serviva un miracolo che lui non ha portato.


A cura di Luca Cocchi

About The Author

Related posts