16 dicembre, 2017

Virtus, Top & Flop del match contro Milano

Virtus, Top & Flop del match contro Milano

TOP

Marcus Slaughter
E dire che non doveva esserci, lotta come un leone e fa reparto da solo, difende su grandi e piccoli e quando bene imbeccato ripaga con successo. Deve giocare anche per Lawson, che sano non ha la reattività per questa gara.

Difesa di Oliver Lafayette
Toglie dalla partita il pericolo numero 1, Theodore, lasciandogli solo spazi dall’arco dove solitamente viene battezzato. Nasce così un attacco stentato di Milano, che gira meglio con Cinciarini.

Arturas Gudaitis
Il giovane lituano arrivato per ultimo ed in sordina è la certezza assoluta di questo inizio di stagione, sia in campionato che in Eurolega, regala un mare di possessi aggiuntivi ai suoi e vale più di quanto dicano le cifre, già di per se ottime.


FLOP

Panchina Virtus
Definirla un disastro non è un’accusa eccessiva, lo dicono pure i numeri, 7 punti e -5 di valutazione complessiva. Che i titolari arrivino cotti e con idee appannate è molto legato a questo dettaglio.

Rimbalzi Virtus
Il conteggio finale non è nemmeno drammatico, -8, ma è ben peggio quel -11 dei soli primi 20’ dove agli avversari è stato lasciato giocare fin quando qualcosa hanno trovato tirando sempre malissimo.

Strangers vs Indigeni di Milano
Dei suoi 11 oggi Pianigiani ne pesca 7, su molti dei quali ci si chiede perché giochino al posto del pacchetto italico, che in alcuni casi, vedi Cinciarini e Cusin, offrono soluzioni ai problemi invece di crearne. Abass e Fontecchio da n.e. è come ucciderli quando si danno 14 a M’Baye o si porta Jefferson per non farlo giocare.


A cura di Luca Cocchi

About The Author

Related posts