12 Luglio, 2020

La BSL riceve il Premio Reverberi

La BSL riceve il Premio Reverberi
Photo Credit To BSL San Lazzaro

Ci sono date che restano per sempre scolpite nella storia e negli annali di una società: il 17 febbraio 2020 è sicuramente una di queste per la BSL San Lazzaro che a Quattro Castella ha ricevuto il “Premio Speciale FIP” nell’ambito del Premio Reverberi, ribattezzato anche “Oscar del Basket”.

Un riconoscimento che ripaga il sodalizio biancoverde per l’impegno profuso in questi anni per la crescita del proprio settore giovanile. Non è un segreto, infatti, che per la Famiglia BSL la crescita dei giovani atleti dal punto di vista sportivo ma anche e soprattutto da quello umano e dei valori sia un caposaldo imprescindibile. Per questo per tutti noi è stata una grande emozione lunedì poter ricevere questo ricononoscimento assai prestigioso che è anche un importante stimolo a fare ancora meglio e ad alzare l’asticella per crescere costantemente.

Alla consegna del Premio Reverberi, oltre al nostro presidente, Stefano Fabbri, c’era anche il nostro direttore tecnico Roberto Rocca, che sin dal primo giorno ha accompagnato la crescita di BSL e ci ha voluto raccontare le emozioni per questo riconoscimento: “L’assegnazione come Premio Speciale Fip dell’Oscar del Basket a BSL è una soddisfazione difficile da descrivere: l’orgoglio e lo stimolo a fare ancora meglio sono le sensazioni più forti che hanno caratterizzato il viaggio di ritorno col nostro presidente Stefano Fabbri.Dentro a questo premio ci sono la crescita costante del nostro settore giovanile, le nostre iniziative parallele al percorso tecnico, il convinto sviluppo del settore femminile e l’impegno nel promuovere la pallacanestro nelle scuole primarie. Un insieme di attività che richiedono competenza, impegno costante e dedizione alla causa del far crescere chi hai in palestra e proprio per questo vorrei dedicare il Premio Reverberi a tutti coloro che hanno vestito la maglia BSL come giocatori, famiglie, istruttori, allenatori, preparatori fisici, fisioterapisti, dottori, dirigenti e collaboratori dell’apparato organizzativo e mediatico, nessuno escluso, tutti fautori di ciò che la BSL rappresenta attualmente nel panorama del basket giovanile italiano”.


Fonte: Matteo Airoldi Responsabile Comunicazione – BSL San Lazzaro (www.basketsavemylife.com)

About The Author

Related posts