19 Luglio, 2024

Amoroso e la delusione della mancata riconferma

Amoroso e la delusione della mancata riconferma
Photo Credit To Roberto Serra / Iguana Press / Fortitudo Pallacanestro

Intervistato questa mattina su “Corriere dello Sport-Stadio” da Damiano Montanari, ha parlato con Valerio Amoroso, l’ex biancoblù che nella scorsa stagione coi suoi compagni ha fatto sognare i tifosi biancoblù. Il ragazzo di Cercola è dispiaciuto per non essere stato confermato “fosse dipeso da me, non sarei mai andato via dalla Fortitudo, sono rimasto in buoni rapporti con tutti”, spiagando che la sua conferma è dipesa solamente da una questione economica “Mi è stata riproposta la stessa offerta che mi avevano fatto quando ero arrivato, da zoppo e ho rifiutato chiedendo di venirci incontro”.

Riconoscenza

Ci è rimasto male l’ala forte, soprattutto per quel che riguarda i rapporti umani “Ad oggi non ho letto alcun ringraziamento o saluto nei miei confronti, mentre ho ricevuto tantissimi messaggi dai tifosi biancoblù che mi avevano chiesto di restare. In Fortitudo sono stato benissimo e ho avuto ottimi rapporti con tutti, anche con l’allenatore. Ma alla fine le idee erano diverse. Il rapporto tra lui e la Fortitudo non è andato come avrebbe voluto “Mi sarebbe piaciuto andarmene in modo diverso, sembra che sia stata una mia scelta, ma non è andata così, poi mi guardo attorno e vedo che qualcun altro è stato trattato anche peggio, quindi sono più tranquillo”.

Boniciolli

Dopo lo sfogo di Ed Daniel, anche lui critica i modi in cui sono state fatte le scelte da coach Matteo Boniciolli  “È un grande allenatore ha le sue convinzioni, ma ci sono modi e modi. Ci si poteva lasciare in maniera differente, magari mi sarei aspettato un comunicato in cui mi si augurava il meglio per il mio futuro, così sembra invece che in questi mesi non sia stato fatto niente, mentre abbiamo disputato un grande campionato. Poi, per carità è anche colpa mia se non siamo andati in Serie A: se avessi giocato bene anche Gara 5…”, ancora una volta tutto si è risolto con un SMS “Ne ho mandato uno a Boniciolli che mi ha risposto”.

Fortitudo

L’esterno ricorderà per sempre la stagione giocata in biancoblù “Per me la Fortitudo non è solo una squadra, ma un modo di vivere, il mio ricordo più bello è legato ad un momento di difficoltà capitato nel finale di stagione con un lutto, la prematura scomparsa del padre di due ragazzini delle giovanili dell’Aquila. Io ho avuto la fortuna di potere star loro vicino e di partecipare alla Messa e al funerale, lì ho capito cosa voglia dire essere un fortitudino”. Riguardo alla Fortitudo che è stata costruita dice “Per me sarà tra le migliori squadre in circolazione, poi bisognerà vedere come reagiranno i giovani: Boniciolli punta tanto su di loro”.

Fattore campo

Avere il favore del campo nella serie playoff avrebbe fatto cambiare le cose facendovi conquistare la Serie A? “L’episodio chiave è stato la sconfitta esterna in Gara 1 nella fase finale con Brescia, fino a quel momento avevamo sempre vinto la prima partita delle serie, nonostante una stagione con mille infortuni”.

Futuro

Sembra che il ragazzo di Cercola abbia ricevuto un’offerta da Montegranaro “Mi hanno fatto un’offerta ma ho declinato, magari in futuro valuterò la situazione ma per il momento resto alla finestra e aspetto l’occasione giusta”.

About The Author

Related posts