05 Ottobre, 2022

Boniciolli a LNP pre match Treviso semifinali Gara 4

Boniciolli a LNP pre match Treviso semifinali Gara 4
Photo Credit To Roberto Serra / Iguana Press / Fortitudo Pallacanestro

Le dichiarazioni di Matteo Boniciolli nel pre match di Gara 4 delle semifinali Playoff. La Fortitudo Bologna affronta Gara 4 contro Treviso in vantaggio nella serie per 2-1 al PalaDozza ore 20:30. Intervista è stata ripresa dal sito della Lega Nazionale Pallacanestro che racconta tutto su Gara 3 semifinali playoff Serie A2.
Abbiamo giocato una partita di una consistenza mentale molto elevata, all’interno della quale paradossalmente sul + 22 abbiamo sbagliato una tripla che avrebbe ucciso le loro speranze e tra una persa e un tecnico li abbiamo riportati a un divario più basso. Più si alza il livello più le emozioni vanno gestite. Le squadre hanno speso energie, ma la repentina uscita per falli dei loro due americani può essere stata uno svantaggio nella terza gara. In gara 4, però, potrebbero essere più riposati. Non è stato facile tenere fuori Candi dalle rotazioni, e comunque vada lunedì speriamo di andare avanti a lungo per cui non lo potevamo rischiare. Grazie a questo nostro calo Treviso ha giocato fino all’ultimo, con un Moretti stellare, e per questo dobbiamo stare all’erta, consapevoli del fatto che siamo ad una partita, delle prossime due, dalla finale per andare in Serie A. Giocando metà stagione senza un americano, e metà playoff ancora senza un americano. E, al di là delle lamentele di un nostro grande tifoso, superando tutte le neopromosse. Ce la siamo conquistata con il lavoro quotidiano, il lavoro è nelle nostre mani e questo non capita spesso. È bello poter dipendere dal proprio lavoro, sapendo che affrontiamo una squadra che è capace di uscire da situazioni come queste, grazie ad un allenatore capace e giocatori di qualità. E non verranno qui a stendere tappeti rossi. Questa squadra anche in emergenza sa dove andare. Ormai andiamo in automatico, anche in gare dove il tono agonistico rischia di mandarti fuori dai giri. Adesso tutte le nostre possibilità di vincere gara 4 e andare in finale davanti al nostro pubblico passano da questa considerazione: se giochiamo al 100% siamo una grandissima squadra, se giochiamo al 99% diventiamo ridicoli, sterili, non riusciamo a risolvere da soli e facciamo confusione. I valori su cui abbiamo basato il lavoro sono la crescita tecnica e la concentrazione: ho allenato squadre che potevano vivere anche di talento, ma noi non ce la facciamo. Quindi grazie al pubblico, con un incitamento del genere rilassarsi e pensare ad altro non è possibile”.


Fonte: Lega Nazionale Pallacanestro (www.legapallacanestro.com)

About The Author

Related posts