07 Dicembre, 2022

Fortitudo, il finale è quello giusto

Fortitudo, il finale è quello giusto

di Giacomo Bianchi

RIMADESIO DESIO-ETERNEDILE BOLOGNA 67-76


Rimadesio Desio: Motta 13, Politi 9, Villa 3, Masieri 3, Bossola 10, Gatto, Parma ne, Esposito 6, Marinò 21, Gallazzi 2. All: Villa.

Eternedile: Candi 0, Valentini 6, Lamma 3, Grilli 5, Iannilli 7, Samoggia 16, Montano 19, Mancin 3, Sorrentino 13, Raucci 4. All. Vandoni.

La Fortitudo si sveglia solo negli ultimi quindici minuti e porta a casa una partita che per larghi tratti del primo tempo era stata al limite del vergognoso: la poca difesa, l’attacco impastato e i giocatori spaesati avevano generato una delle peggiori performance biancoblù da inizio stagione. Poi, nel secondo tempo, le cose sono cambiate grazie al grande apporto dei soliti Samoggia e Montano e sono arrivati i due punti. Si torna al secondo posto alla pari di altre due squadre, ma con la vetta della classifica (Orzinuovi e Udine) che è sempre più vicina.

LA CRONACA: Si gioca al PalaDesio, un impianto che vale molto di più di una quarta serie. L’avvio di gara è tutto per i padroni di casa che scappano sul 4-2, ma un parziale di 10-3 firmato da Raucci e Montano permette a Bologna di toccare il massimo vantaggio sul 7-12. Desio però non sta a guardare e firma un controparziale di 13-0 che le fa toccare il +8 (20-12). Solamente un canestro di Samoggia permette alla Fortitudo di trovare due punti che però non bastano a ricucire, perchè il quarto si chiude sul 23-14. Desio scappa sul +11 ad inizio secondo quarto, ma è ancora Samoggia a fermare gli avversari e consentire ai suoi di sbloccarsi, dopo alcune palle perse surreali di Lamma e Mancin; da quel momento in poi, i biancoblù piazzano un parziale di 6-0 che vale il -5 (25-20). La partita torna sui binari della normalità, la Fortitudo rientra e arriva a -2 grazie ad un canestro e fallo di Grilli (27-25). La tripla di Sorrentino a 3′ dalla fine del quarto che vale il 32-31, sembra essere quella decisiva per riuscire ad impattare e poi superare, ma accade il contrario. Sono ancora le triple, questa volta di Mottola e Masieri, a far volare i padroni di casa e consentire loro di chiudere il quarto sul 42-36.
Nel secondo tempo torna in campo Iannilli, ma l’inizio di Bologna, tra altri palloni persi e una difesa da dimenticare è ancora da incubo e permette a Desio di trovare anche il +12 (52-40). È proprio Iannilli a chiudere un parziale negativo con due punti da sotto: da questo momento, la Fortitudo si risveglia. Valentini trova i suoi primi due punti, Iannilli è una presenza importante sotto le plance e una tripla di Sorrentino consente ai biancoblù di arrivare a -4 (53-49). Il finale del quarto è tutto per Montano che con 5 punti filati consente alla Fortitudo di ritrovare il vantaggio sul 55-56.
Botta e risposta ad inizio ultimo periodo, con la partita che non riesce a trovare un padrone: segnano infatti Valentini e Sorrentino in risposta a Marinò, ma si oscilla continuamente attorno alla parità. La gara è combattuta, canestro di qua e canestro di là, con Bologna che prova a scappare con una tripla di Samoggia a 6′ dalla fine (65-68), ma con le palle perse che limitano ancora una volta il tentanto allungo. Negli ultimi cinque minuti, però, la Fortitudo alza l’intensità difensiva (Desio si fermerà a quota 67 senza più riuscire a segnare) e un’altra tripla di Samoggia, i liberi di Montano ed un ritrovato Sorrentino fissano il punteggio finale sul 67-76.

LA CHIAVE: L’ingresso in campo di Andrea Iannilli nel secondo tempo. Il ragazzo non sta bene, non si è allenato tutta la settimana e domani farà una risonanza per verificare le sue condizioni. Ma è troppo importante per questa squadra, e coach Vandoni lo sa: dietro ha chiuso ogni spazio di penetrazione agli avversari con la sua presenza imponente e le stoppate, e si è rivelato il solito totem raccogliendo 7 rimbalzi in appena 16 minuti. Giocatore assoluto, un bene raro per la categoria che va sfruttato a dovere.

IL MIGLIORE: Banalmente è ancora Matteo Montano il miglior giocatore della gara, accanto proprio a Iannilli. Segna 19 punti, frutto di un 4/6 dal campo e un 10/12 ai tiri liberi. A questi aggiunge anche 4 rimbalzi, 4 assist e 2 palle rubate; fondamentale la sua precisione dalla lunetta e un 5-0 personale di parziale a fine terzo quarto che ha permesso a Bologna di impattare e cominciare in vantaggio l’ultimo periodo.

I NUMERI: Desio fa del tiro da tre la chiave del suo gioco, si prende 13 tiri più della Fortitudo (28-15) ed è anche più efficace (36% contro 33%). Nel complesso, però, i biancoblù tirano meglio dal campo (47% contro 40%) e dalla lunetta anche se le percentuali a gioco fermo sono basse per entrambe le squadre (60% contro 50%). Per il resto la differenza non la fanno i numeri, visto che i rimbalzi sono più o meno in parità (30-34) così come gli assist (12-11) e le palle perse (18-16).

LE PAROLE DI VANDONI: “Siamo partiti molto male, poi siamo cresciuti con il passare dei minuti. L’ingresso in campo di Iannilli ci ha fatto bene, anche se il ragazzo non si è allenato in settimana. Mi sono piaciute anche le prove di Valentini e Sorrentino, soprattutto in fase difensiva. È un campionato che sarà molto lungo: ieri sera ho visto Orzinuovi, è una squadra forte ma non ha ancora avuto infortuni, al contrario nostro. Noi dobbiamo lavorare per diventare sempre più squadra, giorno dopo giorno”.

ANCONETANI: “Non era una vittoria scontanta, è arrivata e sicuramente farà bene al morale. Nessuno ci regalerà mai nulla, oggi Desio ha giocato la partita della vita ma noi abbiamo avuto la giusta reazione. Si parla troppo di trattative che non c’entrano con il campo, ma la squadra va lasciata in pace. Chiedo di non mettere pressione ai ragazzi con queste voci: se i compratori sono veri, ne avremo la conferma solamente quando sarà il momento decisivo”.
Zanetti (Portavoce di Bologna 1932): “Posso confermare che è arrivata da Parigi una lettera di intenti con la firma del Principe di Belgio. Noi però continuiamo nel nostro progetto, cercando di lavorare bene ed isolare la squadra da voci che non la riguardano. Quando ci saranno delle novità informeremo chi di dovere, al momento non sono fissati altri incontri per la prossima settimana. Noi come proprietà e soci non abbiamo ricevuto alcuna altra offerta. La ricapitalizzazione è fissata e verrà fatta entro il 20 dicembre: ci sono nuovi soci che vogliono affiancarci e con i quali stiamo trattando, ma sempre con l’intento di lavorare solo ed esclusivamente per il bene della Fortitudo”.

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright BasketCity

Related posts