22 Maggio, 2022

La Effe bracca Udine e Orzinuovi

La Effe bracca Udine e Orzinuovi

Due squadre al comando e quattro (tra cui la Fortitudo) che seguono ad una sola vittoria di distanza. La classifica è molto corta in testa, mentre si sta formando una vera e propria spaccatura con le squadre che occupano le ultime posizioni: Desio rimane a 2 e Trieste non è ancora riuscita a vincere. Dopo nove giornate e risultati inaspettati, bisogna però evidenziare come la differenza tra alcune squadre sia piuttosto netta e, presumibilmente, ci sarà una separazione sempre più marcata con l’evolversi della stagione.

LA SQUADRA DELLA SETTIMANA Oltre a Orzinuovi, che va a vincere una gara difficile in quel di Cento, e Udine, che espugna Pordenone, in un’altra sfida al vertice, la vera rivelazione della giornata è Crema. I lombardi, che venivano da tre sconfitte consecutive, umiliano l’Urania Milano con un netto 80-56. Risultato secco e senza repliche, contro una squadra che, al contrario, stava facendo benissimo e veniva da quattro vittorie filate che l’avevano proiettata ai vertici della classifica.

LA SORPRESA Si chiama Montichiari. Quarta vittoria consecutiva e secondo posto in classifica al fianco della Fortitudo per i bresciani che erano partiti con il piede sbagliato. Nell’ultimo turno hanno vinto nettamente contro Arzignano, una sfida sulla carta poco impegnativa. Hanno poi una partita in meno rispetto alla capolista Udine: potenzialmente potrebbero essere anche loro in vetta alla classifica. Ci sono tanti giocatori conosciuti in rosa, passati da Virtus e Fortitudo: troviamo infatti Mattia de Ruvo, l’anno scorso in biancoblù in avvio di stagione, Salvatore Genovese, protagonista della risalita con Alex Finelli l’anno della B1, ma anche Simone Bonfiglio e Stevan Stojkov, due prospetti del vivaio bianconero che promettevano tanto e bene anche per categorie più elevate.

LA DELUSIONELugo continua a perdere (quarta sconfitta consecutiva) e ne abbiamo già parlato la scorsa settimana. Chi invece, oltre ad una Trieste che sembra condannata alla retrocessione e a Desio che farà una gran fatica, continua a sorprendere negativamente è Costa Volpino: la vittoria contro la Fortitudo alla terza giornata aveva fatto sognare i tifosi, ma è stata solamente un fuoco di paglia. Con quel successo si pensava che la squadra potesse rivelarsi la sorpresa del campionato, e invece così non è: altra sconfitta e parte bassa della classifica, come ci si aspettava in avvio di stagione.

L’MVP DI GIORNATA – Lecco batte Costa Volpino 84-77 grazie all’ottimo apporto di Capitanelli (14+10 rimbalzi) e Mascherpa (21 punti). Ma a fare la differenza sono soprattutto i 26 punti di Andrea Negri, frutto di un 4/6 da 2, 5/6 da 3 e un 3/4 ai tiri liberi. A questi aggiunge anche una stoppata data e due assist. La risalita di Lecco passa anche dalle sue mani.

LA FORTITUDO – Ha fatto il suo dovere andando a vincere sul campo di una squadra che avrà altri obiettivi rispetto ai biancoblù. Ha centrato la quinta vittoria nelle ultime sei partite, a dimostrazione che la squadra sta cominciando ad avere anche una discreta continuità. La classifica (per differenza canestri e statistiche) mette i biancoblù (foto www.fortitudobologna.it) al sesto posto, ma di fatto i punti di distanza dalla coppia di testa sono solamente due. Sarà interessante la sfida contro Pordenone di domenica, squadra che affianca la Fortitudo a quota 12 e si sta rivelando una delle migliori rose del torneo.

LA CLASSIFICA – Udine e Milano Orzi Basket 14, Cento, Pordenone, Montichiari e Fortitudo 12, Urania Milano 10, Lecco, Lugo e Crema 8, Bergamo 6, Arzignano e Costa Volpino 4, Desio 2, Trieste 0.

Giacomo Bianchi

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright BasketCity.net

Related posts