22 Febbraio, 2024

Che partita a Ozzano, ma vince Chieti 83-81

Che partita a Ozzano, ma vince Chieti 83-81

PALA ARTI GRAFICHE REGGIANI, OZZANO DELL’EMILIA – Una partita mozzafiato, conclusasi solamente al primo supplementare: Ozzano lascia la posta in palio alla LUX Chieti perdendo 81-83, ma mettendo in campo una prova maiuscola.


Coach Conti opta per uno starting five composto da Bechi in tacca bassa, con Cortese, Balducci, Mancini e Ly-Lee.

Ozzano lotta sia con Chieti che con i falli (3-0 a 4’30” dalla prima sirena), riuscendo a tenere testa a entrambi: 13-13, momento in cui Bechi disegna per Mancini, bravo a firmare il primo vantaggio di casa e infiammando gli ultimi minuti della frazione. Nel finale fa il suo esordio, in casacca biancorossa, il nuovo arrivo Nicola Bastone che si mette in mostra subendo un fallo su rimbalzo difensivo: inutile ai fini del pareggio, visto che gli ospiti chiudono sul 17-18.

Sulla falsa riga si apre anche il secondo parziale: Chieti comanda, Ozzano insegue. Tra l’altro, con soli canestri all’interno dell’area su azione (1/7 da tre e nessun libero dopo XX’ di gioco), soffrendo anche sotto la voce dei rimbalzi, dove gli abruzzesi segnano un +5. Stesso divario che firma Paesano (21-26) quando manca poco alla metà della frazione, mangiucchiato qualche istante dopo dalla tripla di Piazza e, definitivamente, dalla bella imbeccata di Cortese per Bechi (26-26). Berra e Tiberti rilanciano Chieti sul +5, Ly-Lee – tra gli altri – con una tripla riducono la distanza al minimo svantaggio (32-33), ma è una bagarre riportata in parità con un altro tiro dai 6.75 metri di Piazza. Importante, ma non quanto l’assist dello stesso play per Martini a centesimi dal rientro dagli spogliatoi: 37-37.

Rientra meglio in campo Ozzano, che accelera sul +6 (46-40) dopo un parapiglia che accende la sfida: Bechi sale in cattedra, sale in doppia cifra, così come Mancini, mentre Chieti sta venendo trascinata addirittura dai 17 punti di Tiberti. Il 55-55 ci introduce ad un ultimo quarto pieno di agonismo.

Le decisioni degli arbitri imbestialiscono il pubblico ozzanese, mentre la squadra scivola sul -4 a suon di falli: tre, per il 57-61 che non può far stare tranquilli gli ospiti. Bastone, tra canestro e tiro libero aggiuntivo, riporta prima sul minimo vantaggio i suoi (60-61), poi sul pareggio (64-64). Ancora, il nuovo acquisto – che raggiunge la doppia cifra – tiene a galli i compagni sul 68-69, prima del tecnico che manda Maggio al libero del +2. Sulle tribune, il tifo è caldissimo a spingere Cortese&Co.: proprio il capitano forma due liberi pesantissimi (74-72) a 1’18” dalla fine; dall’altra parte risponde il solito Tiberti. E quando sembra pesare come un macigno, a 33” dalla fine, la tripla di Piazza che obbliga coach Aniello a chiamare il time-out della speranza, risponde Del Testa per un nuovo pareggio 7” successivi. Si va al supplementare.

Che si apre sotto i migliori auspici, quando Ly-Lee si fa commettere il quinto fallo personale di Tiberti, realizzando i liberi successivi, con le due squadre che lottano ma senza schiodarsi dal 79-77 fino all’ultimo minuto. Ciribeni indovina l’anello dopo un tecnico a Balducci, Maggio invece la tripla del +2 (79-81) a 42” dalla fine. La percussione di Rodriguez spinge Ozzano a -4 dopo una rimessa che ha lasciato più di qualche dubbio, mentre a 9” Piazza è glaciale dopo aver subito l’ennesimo fallo (81-83). Nell’ultima azione, però, è proprio il play a mancare il bersaglio grosso per il secondo supplementare.


Logimatic Group Ozzano-LUX Chieti 81-83
(17-18; 37-37; 55-55; 77-77)
Logimatic Group Ozzano: Myers, Bechi 12, Pavani n.e., Ly-Lee 10, Martini 10, Terzi, Cortese 15, Balducci 6, Bastone 13, Piazza 11, Mancini 4, Zanasi n.e. All.re: Conti.
LUX Chieti: Leonetti n.e., Del Testa 3, Reale 2, Ciribeni 14, Berra 3, Cena 4, Tiberti 21, Maggio 9, Rodriguez 9, Paesano 18. All.re: Aniello.
Arbitri: Fiore e Palazzo.
Note: 1Q 17-18; 2Q 20-19; 3Q 20-18; 4Q 20-22; OT 4-6.
Top scorer: Tiberti, 21 punti.


Post source : Enrico Bonzanini Area Comunicazione - Logimatic Group Ozzano (www.newflyingballs.it)

About The Author

Related posts