25 Febbraio, 2021

Coppa Intercontinentale: Virtus ok, San Lorenzo ko

Coppa Intercontinentale: Virtus ok, San Lorenzo ko
Photo Credit To Massimo Ceretti / Ciamillo-Castoria / Virtus Pallacanestro Bologna

Inaugura la competizione intercontinentale con una vittoria la Virtus, una prestazione a strappi, trovando sugo in pochi minuti che hanno scritto la partita, avvio ed inizio ultimo quarto. Poche le note positive da portarsi dietro per scontri futuri, gli argentini son parsi troppo inferiori facendo cesto prettamente sui numerosi errori Virtus ma quasi mai quando c’era da attaccare la difesa schierata. La ricerca del passaggio extra ha portato ad errori o complicazioni, con troppi giocatori senza la cattiveria giusta, guidati nei momenti decisivi da Markovic mentre al primo problema troppi hanno faticato. Il ventello finale è il minimo che si poteva immaginare viste le forze in campo in una partita decisamente brutta che segna il passaggio alla finale ma non toglie i fantasmi della sconfitta col Partizan. Virtus meglio in tutto, soprattutto a rimbalzo, male le tante perse banali, unico aspetto positivo l’aver reagito ad ogni riavvicinamento avversario.


La notizia è l’assenza di Teodosic e il rientro di Gaines (nelle competizioni FIBA si gioca con massimo 7 stranieri), col quintetto per Marble a fianco dei soliti noti, argentini prevedibili con Bautista in centro ed i realizzatori Aguirre, Gonzales, Piñero e il nazionale Mata. L’intensità non è proprio quella di mercoledì, partiti distratti, il rientro è immediato, l’arco non presidiato ed anche in area gli spazi son concessi, dal -3 al +9 in 2’. L’attacco San Lorenzo è prevedibile e con poca intensità, vantaggio in doppia cifra anche se l’ingresso di Hunter e Gaines non procede al meglio. Un comodo +13 alla prima pausa, con avversari tenuti a 5 punti negli ultimi 7’, il 4/6 dall’arco e il debordante vantaggio a rimbalzo fa una grande differenza.

Virtus molto superficiale ed alla ricerca del ghirigoro giusto se non superfluo, per sua fortuna dall’altra parte a difesa schierata non segnano mai e così il divario rimane sempre in doppia cifra. Un basket pessimo, si sbaglia contro difese che pungono poco, sembra manchi mordente in una partita poco sentita dove la Virtus combina errori inenarrabili, il peggior quarto di stagione. Nonostante i soli 8 punti segnati c’è ancora un +4, incredibile per quanto visto, al termine di 10’ indolenti oltremodo.

Markovic si prende la squadra sulle spalle, l’attacco resta poco lucido ma la difesa riprende a piegare le gambe e in 4’ c’è solo un punto subito, il divario in doppia cifra nasce da lì. L’Almagro segna solo su errori Virtus, a difesa schierata passa quasi tutto il quarto senza un cesto (solo Tucker trova un senso), e nonostante si sciali il vantaggio rimane. Da un comodo +16 il duo Hunter&Gaines ci mette del buono per far sì che gli avversari restino in partita, un +10 che suona da occasione persa.

3 bombe a fila aprono il solco con un Hunter rigenerato, il +20 si allarga dando l’impressione che la partita sia in archivio con ampio anticipo. Senza nemmeno spingere più di tanto, appoggiandosi a Gamble il divario rimane sicuro così c’è spazio anche per Delìa che gioca qualche minuto contro i suoi connazionali. La vittoria premia la Segafredo, che appena hanno premuto l’acceleratore hanno fatto la differenza.

Prossima partita sarà domenica 9 febbraio ore 20:00 a Tenerife per la finale della Coppa Intercontinentale, diretta Dazn e Radio Bologna Uno.

Il tabellino

Virtus Segafredo Bologna-San Lorenzo De Almagro 75-57 
Parziali: (23-10; 31-27; 52-42)
Virtus Segafredo Bologna: Gaines 3, Marble 9, Pajola 4, Baldi Rossi 5, Markovic 9, Ricci 10, Delia 2, Cournooh, Hunter 16, Weems 9, Nikolic, Gamble 8. All.re Đorđević.
San Lorenzo De Almagro: Williams, Cafarro 1, Batista 4, Aguirre, Vildoza 10, Tucker 16, Gonzales 10, Fjellerup 8, Mata 4, Piñero 3, Geramipoor 1. All.re Garcia.
Arbitri: Vazquez, Kallio, Kozlovskis.


Luca Cocchi (BasketCity.net)

About The Author

Related posts