19 Ottobre, 2021

Discovery+ Supercoppa impressioni di settembre:
Reyer Venezia-Virtus Bologna

Discovery+ Supercoppa impressioni di settembre: <br>Reyer Venezia-Virtus Bologna
Photo Credit To Matteo Marchi / Massimo Ceretti / Ciamillo-Castoria / Virtus Pallacanestro Bologna

A settembre non è ancora tempo per stilare liste di buoni e cattivi, meglio andare con qualche considerazione di giornata da rivedere più avanti.


Milos Teodosic
Perché vincere è importante, ma farlo alla sua maniera rende il pubblico felice. Il basket è poesia in movimento, lui si muove poco ma fa viaggiare il pallone in maniere non immaginabile per noi che non siamo replicanti di Blade Runner.

Difesa
Si attacca a quella la Virtus nel finale quando qualche difficoltà toglie fluidità offensiva, ricavandone gemme preziose, un pareggio da un -4 che poteva essere tombale.

Nuovi arrivi
Da ambo i lati sono da ascriversi a questi i migliori in campo (Teo non fa testo), Hervey da una parte, Sanders dall’altra, buoni segnali per 2 squadre che non hanno cambiato drasticamente, ma comunque hanno introdotto novità.

Etereo
Rimane sempre inconcluso Amar Alibegovic, sovene al posto giusto ma senza quasi mai trovare la giocata giusta, una sorta di mancanza di cattiveria, nell’annata dovrà pure fare i conti con un Hervey che nel suo ruolo fa cose sopraffine.

Tiri Liberi
Usciti dal problema nel fondamentale con Gamble, pare che la situazione non sia cambiata con Jaiteh (1/6), certo, lui non dovrebbe essere in campo nei frangenti decisivi, ma l’assenza di Udoh può essere ancora pià pesante per questo aspetto.

Cambio del Play
Oggi proprio male, se Ruzzier non dovrebbe essere un protagonista in partite di questo livello, Alexander pare ancora confuso e non abituato a giostrare contro difese tattiche, forti e “sporche” come quella messa in campo con successo da anni da WDR.


Luca CocchiBasketCity.net)

About The Author

Related posts