25 Novembre, 2020

EuroCup 2020-21: la Virtus batte Lietkabelis e blinda il primo posto

EuroCup 2020-21: la Virtus batte Lietkabelis e blinda il primo posto
Photo Credit To Massimo Ceretti / Ciamillo-Castoria / Virtus Pallacanestro Bologna

Vincendo una partita di fatto sempre in controllo, a parte lo 0-10 nel finale del secondo quarto, la Virtus mantiene l’imbattibilità europea con un settebello che la pone come l’unica della competizione ancora intonsa. Lo fa con buone letture e buon equilibrio tra tiri dentro-fuori, giovandosi di una difesa nel terzo quarto che tutto ferma e condiziona.

Buono anche il rientro di Markovic, che pur non potendo tirare guida diritto, coadiuvato da Pajola e Teodosic, oggi quasi esclusivamente in veste di suggeritore e non stoccatore. Un finale eccessivamente soffice fa infuriare Đorđević che non vuole lasciare scorie per il futuro, dopo aver macinato difesa e poche perse, concentrate in pochi momenti, quasi sempre al termine del tempo, sia del primo che del secondo.

Da segnalare il buon 10/23 dall’arco ed i ben 26 assist, per una Virtus che a cercarsi trova sempre gran gusto, con almeno 7 giocatori con 2 o più a testa.


Tra le varie assenze, Abass da una parte, Maric e Masiulis dall’altra, spazio ai soliti Pajola e Tessitori e per gli ospiti il ritrovato Valinskas M, ex Zalgiris, per un quintetto tutto autoctono. Cercando Tessitori ed aprendo il campo il vantaggio è Virtus, i lituani rispondono dall’arco coi fratelli Valinskas e tengono il passo, col rientro a metà frazione di Markovic c’è il +7. L’ingresso di Vinales porta opzioni interne ai suoi con buone incursioni, la Virtus va al riposo con 4 punti di vantaggio e l’infortunio al braccio sinistro di Nikolic. Molto bene al tiro da 2, escono 2 triple che ballano a lungo sul ferro, per il resto paiono 10’ in controllo.

Polveri bagnate in avvio contro la zona ospite, si va col quintettone, Ricci da 3 e Hunter da 4, la difesa regge così come un minimo vantaggio. Nel finale è l’opposto, 3 piccoli e vantaggio che si dilata grazie pure ad un tiro da 4 di Adams. Il +13 è sprecato in un ultimo minuto di pessime fattezze, perse, tiracci e difesa inadeguata, la tripla sulla sirena dice 0-10, un bel calcio al secchio del latte. Il Liet è di nuovo ad un possesso tirando pure male, meno del 40% dal campo, ma è evidente che la partita la faccia, nel bene e nel male, la Virtus, a tratti indolente.

Una Segafredo più concentrata vola al vantaggio in doppia cifra, buone letture del duo Teodosic-Pajola e difesa intesa, un efficace Ricci a picchiare dagli angoli per il +16. Dopo 5’, subiti 3 punti, la difesa tocca tutto e sovente ruba, il secondo quintetto come nel finale del primo tempo ha poca fluidità e i lituani rientrano da -18 a -12. Gamble rimedia ai liberi qualche appoggio soffice, Adams firma il massimo vantaggio dall’arco all’ultima pausa, +19. Come all’andata, un terzo quarto che scava il fossato, 42-4 di val.

La Virtus non infierisce ma nemmeno smette di giocare, il Liet su qualche tiro male costruito picchia con le triple e riaccosta a -12 dopo aver visto pure un -21. Nonostante Đorđević provi a fermare il gioco con qualche sospensione, la squadra ha già staccato e il Liet si riavvicina, senza mai però dare l’impressone di poter creare un vero pericolo, nonostante Vinales faccia canestro da ogni dove.     

Prossima partita sarà domenica 22 novembre ore 18:00 derby in casa Fortitudo (Unipol Arena), diretta Eurosport Player e in voce Radio Nettuno Bologna Uno.

Il tebellino

Virtus Segafredo Bologna-Lietkabelis Panevėžys 82-73
Parziali: (21-17; 37-34; 65-46)
Virtus Segafredo Bologna: Tessitori 11, Deri, Pajola 6, Alibegovic 7, Markovic 3, Ricci 11, Adams 8, Hunter 8, Weems 14, Nikolic, Teodosic 5, Gamble 9. All. Đorđević.
Lietkabelis Panevezys: Vinales 27, Normantas 5, Vaiciunas n.e. Lipkevicius 11, Poska 5, Maldunas 6, Venskus 3, Barnies 2, Valinskas P. 8, Valinskas M. 6. All. Canak.


Luca Cocchi (BasketCity.net)

About The Author

Related posts