26 Febbraio, 2021

EuroCup 2020-21: la Virtus sbanca anche Podgorica

EuroCup 2020-21: la Virtus sbanca anche Podgorica
Photo Credit To Massimo Ceretti / Ciamillo-Castoria / Virtus Pallacanestro Bologna

Dalla grigia Podgorica la Virtus rientra con una nuova convincente vittoria esterna che la blinda al passaggio verso i playoff, con primo posto molto vicino.

Vittoria nata su di un attacco brillante (61% da 2 e 45% da 3) al quale si sono aggiunti sprazzi di difesa intensa che hanno affossato le speranze montenegrine anche quando 2 giri a fila davanti non trovavano luce. Belinelli uscito anzitempo nel primo tempo per un problema fisico è la nota negativa, per il resto buone cose un po’ da tutti a turno, con momenti importanti anche per Abass ed Alibegovic, e pure Adams alla lunga ha inciso.

Ma per leggere di chi ha fatto una grande differenza si passa dai soliti, oggi da un Teodosic in versione realizzatore con preziosi arresto e tiro, ad un Markovic guida super sicura, Weems tentacolare dietro e redditizio davanti, il trio dei lunghi a turno sempre presente e pericoloso, insomma, poco di male se non gli 89 incassi che agli occhi di qualcuno potrebbero parere eccessivi, ma il Buducnost visto questa sera, se non dietro (Della Valle un disastro in quello, abusato da chiunque), davanti ha avuto altra intensità e piano partita, dritto al ferro con un Cobbs bravo ad ispirare e pure a concludere, usando al meglio il talento di Reed.

Ma alla fine la coperta è stata corta, le invenzioni virtussine, 25 assist, hanno messo in ritmo chiunque, e così l’ultimo quarto è scivolato via senza grandi insidie.


Torna in quintetto Teodosic, dall’altra parte esce ADV per il giovane Zugic (17 anni, da seguire con attenzione), il resto replica quanto visto a Bologna 8 giorni fa, con Ricci a muovere il referto. Il Budu prova a riempire l’area, poi con le triple fa attacco, la Virtus contiene trovando Gamble faticando però dall’arco. La difesa concede troppe penetrazioni (8/11 subito da 2), l’attacco pure senza luce da fuori contiene ad un -2 passabile (ottimo 11/15), montenegrini con un atteggiamento ben diverso da quello di recente memoria.

Fatica Belinelli, qualche colpo ricevuto lo manda in confusione cadendo anche nel tecnico, Reed invece fa la voce grossa al ferro, il Budu conduce di 5 grazie ad una maggiore intensità a metà quarto. Tex e Hunter in coppia ricuciono, un antisportivo a Tessitori costa 5 punti di Ivanovic, tutto da rifare. Le triple sono dolci (5/7 nei 10’) e portano al sorpasso, Teo firma il +6 con ben 53 punti nei primi 20’, 30 in questa frazione con difesa un po’ più concreta e Teo meno assiste ma infermabile al tiro.

Partenza a razzo Segafredo, +11 in 2’, l’uscita dalla sospensione illumina il Budu, la Virtus non trema e rimette un divario di tranquillità, grazie anche ad un efficace Alibegovic. La difesa è ben più concreta di quanto visto in avvio, nel finale l’attacco non è più scintillante ma tenendo dietro sono 12 di vantaggio continuando a tirare bene da 2 bilanciando le conclusioni dall’arco.

Pronti via e +15 di Weems, qualche venialità e l’orgoglio dei padroni di casa riducono il vantaggio a 9 con Cobbs e Reed che non si arrendono. La difesa regge, Teo scaccia le paure offensive con una serie di arresto e tiro di gran classe, Markovic smazza assist a chiunque, il finale serve solo per scrivere il divario finale. Il +10 basta alla Virtus che non gioca gli ultimi 5’.

Prossima partita sarà domenica 7 febbraio ore 20:45, a Casalecchio con Reggio Emilia, diretta Rai Sport, Eurosport Player e Radio Nettuno Bologna Uno.

Il tebellino

Buducnost VOLI Podgorica-Virtus Segafredo Bologna 89-99 
(25-23; 47-53; 65-77)
Buducnost VOLI Podgorica: Cobbs 17, Ivanovic 14, Ejim 16, Sehovic 5, Nikolic D. 8, Apic n.e. Mitrovic, Della Valle, Nikolic Z. 4, Popovic n.e. Reed 16, Zugic 9. All. Milojevic.
Virtus Segafredo Bologna: Tessitori 6, Deri n.e. Abass 9, Alibegovic 8, Markovic 7, Ricci 4, Adams 7, Belinelli 2, Hunter 6, Weems 14, Teodosic 26, Gamble 10. All. Đorđević.


Luca Cocchi (BasketCity.net)

About The Author

Related posts