30 Novembre, 2021

EuroCup 2020-21 Semifinale Gara1:
la Virtus fa suo il primo passo, battuta Kazan

EuroCup 2020-21 Semifinale Gara1: <br>la Virtus fa suo il primo passo, battuta Kazan
Photo Credit To Massimo Ceretti / Ciamillo-Castoria / Virtus Pallacanestro Bologna

Levandosi la pressione di una delicatissima gara1, la Virtus fa suo il primo passo per la finale appoggiandosi su di un Milos Teodosic probabilmente al suo meglio da quando a Bologna.

Milos fa di tutto, trovando cesti pesantissimi nel finale dopo aver retto anche in avvio, trova le luci per mettere in partita Hunter, a lungo svagato ma determinante nell’ultimo quarto, lasciando guidare a Pajola anche quando aveva 4 falli, con DJ che non ha tremato ed ha lasciato il suo giovane play a gestire.

Un terzo quarto difficile, una finale iniziato inseguendo con Kazan poco cinica quando l’inerzia era dalla sua e la Virtus pareva all’angolo, sparacchiando da lontano pur quando al ferro non pareva ci fossero dighe inaffrontabili.

33 spari da 3 mettendone solo 9, la Segafredo ha retto a rimbalzo eccedendo solo con le perse, ma va segnalato come negli ultimi 10’ si siano ridotte a sole 2.

La difesa degli ultimi 5’ è stata la carta vincente, subendo solo le triple finali disperate, ma sempre la difesa ha sigillato l’ultima speranza ospite, segno che al di là di immaginifici attacchi, da lì occorre passare per far la differenza ed imprimere il proprio marchio.

Salgono a 19 le partite vinte, che son poi le disputate, psicologicamente una vittoria pesante, meglio di una vittoria larga, si andrà in Russia con la consapevolezza di aver fatto quanto dovuto, mentre a recriminare per aver fallito di poco l’impresa saranno gli avversari.

Da segnalare come l’Unics non abbia a referto un solo punto da giocatori russi, contro i 30 bianconeri degli italiani.


DJ conferma Pajola con Teo da subito e Gamble in centro, Zhbanov spariglia un quintetto tutto a stelle e strisce lasciando di rincorsa Jamar Smith per Priftis. Si cavalca Gamble in un incontro con difese subito aggressive, vantaggio Virtus (+9) con attacchi costruiti bene da Teodosic. Salgono i falli, a 2 in breve Pajola (c’è Markovic per lui), Morgan e White, l’ingresso di Smith sistema l’attacco ospite che dimezza il divario con 2 giocate. L’ex Malaga non si ferma, per le V nere rimangono 4 punti di vantaggio alla prima pausa dove i russi come prevedibile giungono tirando quasi solo da 3, a referto con Smith e basta. Virtus bene a rimbalzo che spreca qualche pallone di troppo, 5.

Da 3 arriva il sorpasso Unics, questa volta Holland, con partita che prosegue punto a punto e tanti giri in lunetta, bonus bruciati in un amen. Belinelli e Teodosic reggono l’attacco mentre dietro qualche entrata al ferro non è contenuta a dovere. Gli ultimi 2 giri di lancette sono Virtus che scappa a +8 sfruttando al meglio quanto la difesa concede. Bene al tiro da 2 la Segafredo, come bene a rimbalzo, continuano a costar care le perse (10 in 20’) ed il liberi subiti (10/10), i tatari vivono e muoiono dall’arco, tirano bene da 2 ma son quasi tiri “costretti”.

Pronti via e V nere in vantaggio in doppia cifra quando è Canaan a mettersi in partita e prendersi il 3° fallo di Pajola. Le perse in attacco danno fiducia agli ospiti, il +12 si scioglie contro una difesa che ferma l’attacco Virtus. Il pari è di Holland, sempre dall’arco e lì si sta all’ultima pausa. 12 miseri punti, quasi tutti nei primi 3’, il finale è una fatica senza fine, le perse salgono a 17 con nessuna tripla a referto, mentre di là si riprende a picchiar duro.

Morgan parte con un 2+1, l’inerzia è Unics che ha in Holland un fattore fondamentale, Ricci mette una tripla per impattare ma i suoi continuano ad inseguire. Ed ora è battaglia su ogni possesso, si viaggia con massimo 2 punti di differenza per lunghi minuti attaccandosi al cuore di Ricci che nella guerra prova a ergersi protagonista. Teo illumina il +4 a 3’ dal termine, rifiata e dopo un solo giro mette il +6 a 2’, da lì si passa a lungo dai liberi ed è Smith che prova a prendersi l’attacco dei suoi in mano. Ci si scambia triple, Teo-Smith, dai liberi Brown firma il -2 sbagliandone 1, ai liberi Milos fa +4 a 26”. La difesa Virtus regge e quel +4 s’inchioda sul tabellone al termine di 40’ intensi come raramente abbiamo visto negli ultimi anni.

Prossima partita sarà venerdì 9 ore 18:00, in Eurocup gara2 a Kazan, diretta Eurosport 2, Player e Radio Nettuno Bologna Uno.

Il tebellino

Virtus Segafredo Bologna-UNICS Kazan 80-76 
(23-19; 44-36; 56-56)
Virtus Segafredo Bologna: Tessitori 7, Abass, Pajola 9, Alibegovic, Markovic 2, Ricci 9, Adams, Belinelli 12, Hunter 8, Weems 2, Teodosic 27, Gamble 4. All. Đorđević.
UNICS Kazan: Brown 12, Antipov n.e. Canaan 9, Zhbanov, White 6, Sergeev n.e. Klimenko, Uzinskii, Smith 22, Morgan 11, Holland 13, Theodore 2, Kolesnikov. All. Priftis.


Luca Cocchi (BasketCity.net)

About The Author

Related posts