19 Ottobre, 2021

EuroCup 2020-21: Virtus imbattuta, ai supplementari piega Ljubljana

EuroCup 2020-21: Virtus imbattuta, ai supplementari piega Ljubljana
Photo Credit To Massimo Ceretti / Ciamillo-Castoria / Virtus Pallacanestro Bologna

Se amate le emozioni forti e i ribaltamenti totali, questa partita ha fatto al caso vostro. La Virtus mantiene intonso il suo cammino europeo, lo fa mostrando orrori vari e giocate sublimi, esce viva dal -9 a 2:48 pescando il supplementare in quei pochi minuti di grande difesa, pure di Teodosic, e cesti chirurgici, come quello di Belinelli a 2” per impattare.

Da segnalare il 33-14 in meno di 8’ tra finale e supplementare. Troppi alti e bassi, l’errore quasi fatale nel finale di secondo quarto, quando dal dominio di +14 e vento in poppa, si lasciano 15 a fila a Lubiana che da lì non si scrolla più di dosso, se non per fuggire.

Ultimi 8’ da grande squadra, pur con la nemesi di Teodosic e di un Belinelli mai troppo dentro all’incontro, sulle spalle solide di Hunter e Weems, protagonisti per tutta la serata. Buoni spunti di Alibegovic, solita energia nei pochi minuti al rientro di Pajola (preferito lui ad Adams nel secondo tempo, non un caso) in una partita giocata tanto dietro l’arco (43+38 i tentativi, dove spicca la 0/10 di Perry), mentre in area Hunter ha dominato.

Primo posto certificato sbancando la Stožice Arena che non era mai caduta nell’annata, il supplementare dominato ha pure permesso di portare in faretra un divario cospicuo che buono sarà per definire il primo posto assoluto, dando per acquisita la vittoria nell’ultimo turno coi francesi del Bourg en Brasse.

Ritorna DJ in panchina e parte a trazione serba, per il resto facce note, Golemac va con Dimec in centro a fianco dei 4 visti a Bologna con partenza a ritmi lenti. Weems apre il campo per il vantaggio bianconero, l’attacco funziona e la difesa altrettanto, aggressiva da subito, +6 a metà quarto. Il bonus costa caro, dai liberi Lubiana rimane in contatto (8/9) anche perché sceso Weems, Blazic sale in cattedra. Una bomba di Muric svelle le buone giocate di Alibegovic, la Virtus a +1 vede il quarto come un’occasione sprecata.

L’HunterAir da il via al +9 che costringe Golemac a parlarci sopra, poco cambia e il distacco si allarga con Lubiana che segna 2 punti ai liberi in oltre 6’, +14. Le triple di Muric riavvicinano, quelle di Teo e le incursioni di Adams non vanno e a campo aperto Lubiana è lì a -2 in 3’. Blazic da 3 sorpassa una Virtus che non costruisce e non difende, con un evidente problema nel duo di esterni che hanno chiuso il quarto. 16 liberi concessi, medie dall’arco sporcate (4/16 alla pausa lunga), in 4’ gettato un ottimo lavoro, seduti Weems e Markovic luci ed energie scomparse.

Ora Lubiana c’è, allunga a +4 ma la Virtus reagisce con partita in bilico, a metà frazione il rientro di Pajola, con scorci di basket di basso profilo da ambo le parti. Errori ed orrori, il -6 all’ultima pausa qualche incubo lo disegna. Ancora tanti i liberi concessi, salgono le perse (5 nel quarto) e continuano a calare le medie al tiro, con Blazic che impazza.

L’inerzia è slovena, i padroni di casa rispondono ai tentativi di rientro Virtus e volano al +9, Belinelli si fa sentire, ma è Rupnik a ergersi protagonista approfittando della (non) difesa di Teodosic. Dal -3 si torna al -9 a suon di triple, la Virtus non cede e nel finale d’orgoglio è lì, con Teo che ruba e subisce l’antisportivo, dai liberi c’è il pareggio a 1:08 dal termine. Perry firma un 2+1, tra Teo e Beli ne esce una terribile perdita, ma con 21” le V nere possono giocare l’ultimo possesso sul -3. Fallo su Teo e -1 a 17”, Blazic subito 2/2 ai liberi, ma Belinelli a 2” mette la tripla del pari che non cambia al 40’ in una partita con tanti, troppi spari dall’arco (70 tra le 2).

Supplementare, +6 con 2 triple immediate, le fatiche si sentono e il ritmo rallenta, non per Hunter che vola a schiacciare il +8, Weems allarga a +10, vittoria importante e nemmeno in affanno, sia per il primo posto nel girone, sia per un buon divario che farà bene per il primo posto nelle TOP16, da giocarselo con l’Unics Kazan presumibilmente alla differenza canestri.

Prossima partita sarà sabato 6 marzo ore 20:00, a Casalecchio con Venezia, diretta Eurosport 2, Player e Radio Nettuno Bologna Uno.

Il tebellino

Cedevita Olimpija Ljubljana-Virtus Segafredo Bologna 98-108 d.t.s.
Parziali: (22-23; 40-39; 62-56; 91-91)
Cedevita Olimpija Ljubljana: Radovic n.e. Perry 15, Hopkins 4, Duskac n.e. Muric 18, Blazic 29, Brown 2, Hodzic 2, Jones 11, Skuca n.e. Dimez 1, Rupnik 16. All. Golemac.
Virtus Segafredo Bologna: Tessitori 6, Abass 3, Pajola 3, Alibegovic 11, Markovic 3, Ricci 8, Adams, Belinelli 16, Hunter 14, Weems 25, Teodosic 14, Gamble 5. All. Đorđević.


Luca Cocchi (BasketCity.net)

About The Author

Related posts