27 Ottobre, 2020

EuroCup 2020-21: Virtus, larga vittoria contro Andorra

EuroCup 2020-21: Virtus, larga vittoria contro Andorra
Photo Credit To Massimo Ceretti / Ciamillo-Castoria / Virtus Pallacanestro Bologna

Niente di meglio di una larga vittoria in trasferta in Europa per riprendersi dalla sconfitta interna con Cremona, presa dopo un avvio che i fantasmi di Poeta li aveva palesati.

Il 3/3 dall’arco di Andorra per un +9 immediato poteva far tremare, ma la reazione c’è stata, approfittando anche di un Morabanc non proprio razionale.

Affidandosi solo a triple in un gioco monocorde, chiusi quegli spazi tutto si è fatto semplice per la Virtus, guidata al meglio da Teodosic sia per sé, sia per i compagni, a turno supportato dai più, Markovic in crescita, Adams protagonista anche quando la mira non sempre è precisa (ma 2 stoppate siderali valgono il biglietto), oltre ad un Gamble che si è mangiato qualsiasi pariruolo ed un Alibegovic efficace nel momento del bisogno.

Un largo 70% da 2 dice molto di come la partita sia stata condotta sui binari preferiti evitando rientri avversari per un finale tranquillo, finendo per aver la meglio anche a rimbalzo, e peccato le 19 perse, alcune a giochi finiti, ininfluenti.


Adams e Gamble in avvio a fianco dei 3 delle ultime uscite, con Markovic a guidare, Andorra tra assenze e rientri anomala per quanto vista fin qui. Si cerca Gamble che causa falli immediati a Dime, centro atletico del principato, il Moranbanc viaggia esterno e con 3 triple 3 scappa subito a +9. Quando le triple non vanno più, 8 errori a fila, ci pensa la difesa Virtus a lasciare punti dai liberi ai padroni di casa, mentre davanti nemmeno Teodosic trova luce. Vista la reattività di Andorra il -4 è quasi roba buona in questi primi 10’ con più errori che buon basket.

La mira dritta di Alibegovic rimette in linea la Virtus, 2 entrare ed una bomba di Teodosic valgono il vantaggio al 14’. Milos dipinge basket in un convitto d’imbianchini, il parziale Segafredo si allunga nonostante i troppo errori ai liberi, 12-0 e +10. Il Morabanc continua a sparare alla luna, gli errori dall’arco diventano 18 consecutivi, così riprendendo il controllo del gioco, cercando conclusioni comode (13/17 da 2), pagando dazio solo a rimbalzo c’è il +15 alla pausa lunga, nonostante un pessimo 4/11 ai liberi.

Partenza e +22, quando l’attacco si accontenta e qualche bomba piove nella retina Andorra prova a riavvicinarsi a -13, Teo decide di sbrigare la pratica e tra cesti ed assist è già +20. Con Milos seduto le cose cambiano, attacchi costruiti male lasciano spazio a facili ripartenze, il +12 è farcito a 15 da un 2+1 provvidenziale di Adams.

Andorra non da mai l’idea di provare veramente un ricongiungimento che in realtà sembra proprio difficile, la Virtus si accontenta di mettere un fermo ad ogni rara buona iniziativa avversaria, partita che si trascina pian piano verso un finale scritto nel secondo quarto con parziale da 12-0 o 19-2, vedete voi.

Prossima partita sarà domenica 18 ottobre ore 17:00 alla Segafredo Arena con Reggio Emilia, diretta Eurosport 2, Player e Radio Bologna Uno.

Il tebellino

Morabanc Andorra-Virtus Segafredo Bologna 66-82
Parziali: (20-16; 30-45; 52-67)
Morabanc Andorra: Paulì 4, Olumuyiwa 2, Llovet 4, Dime 4, Hannah, Gielo 12, Palsson 6, Garcia 10, Colom n.e. Jelinek 15, Senglin 9, Pons n.e. All. Navarro.
Virtus Segafredo Bologna: Tessitori 2, Deri, Abass 2, Alibegovic 16, Markovic 2, Ricci 3, Adams 7, Hunter 6, Weems 7, Nikolic, Teodosic 21, Gamble 16. All. Đorđević.
Arbitri: Bissang, Lamonica, Peerandi


Luca Cocchi (BasketCity.net)

About The Author

Related posts