25 Aprile, 2024

EuroCup 2021-22: la Virtus batte Valencia
ed espugna la Fonteta Arena

EuroCup 2021-22: la Virtus batte Valencia<br>ed espugna la Fonteta Arena
Photo Credit To Matteo Marchi / Massimo Ceretti / Ciamillo-Castoria / Virtus Pallacanestro Bologna

E al Virtus va, centra la finale di Eurocup sbancando la Fonteta di Valencia al termine di un confronto dominato, sempre in fuga avanti, reagendo ai rientri casalinghi con più giocatori. Come nella 2 partite disputate in annata, la Virtus va avanti, Valencia prova a recuperare, ma il cambio di roster oggi ha detto altro, Shengelia e Hackett in più da una parte, Prepelic in meno dall’altra, si sono sentiti.

Il georgiano, partito dalla panchina, ha fatto la differenza nel 1° tempo, l’italiano ha faticato ma nel finale è divenuto una barriera inviolabile, ma va annotata la prestazione di capitan Belinelli, chirurgico davanti con punti in momenti cruciali, compresa una schiacciata a difesa schierata e 3 furti.

A loro vanno sommati un po’ tutti, da Teo che ha illuminato sulle prime giocate ad un Cordinier non a caso dentro nel finale quando c’era da blindare la difesa, Sampson efficace per un Jaiteh limitato dai falli ed un Pajola preciso nel guidare quando Daniel pareva in difficoltà.

2 tempi all’opposto, 50 messi nei primi 20’, 33 nei secondi, girando la palla benissimo per poi arroccarsi in difesa, marchio di fabbrica dell’ultimo periodo. Retto a rimbalzo, anche con quintetti piccoli, vinto nonostante il tiro da 3 latitante (attendiamo rimostranze quasi presidenziali…) usando tanta testa nel limitare la forza avversaria. E ora finale, a Bologna mercoledì prossimo col Bursaspor, battuto 2 volte in stagione ma ora in momento magico, non si può iniziare a festaggiare ora.


Scariolo da fiducia in avvio ad Hervey per Shengelia, il resto son facce note, Peñarroya parte con un quintettone che ha Claver da 3 e Tobey in centro a fianco di Rivero, guida a Hermansson. Teo dipinge, la Virtus tiene il punto del vantaggio in una partita dove entrambe provono a forzare attachi al ferro, ma il 2° fallo toglie il serbo dalla partita a metà frazione. Il -5 è spazzato via da un parziale spaziale in 2’, 1-14, Belinelli dentro la partita e Shengelia da subito attivo. Il tap-in volante di Cordinier sulla sirena dice +8, con un 11/16 da 2 che dice molto della valida costruzione, giusto i 5 rimbalzi offensivi lasciati suonano storti.

Shengelia spinge al +9, giocando alla sua maniera davanti e dietro, Dimitrjevic risponde con le sue movenze bodiroghiane, Weems firma il primo divario in doppia cifra a metà quarto. Si spreca sul tecnico a Peñarroya, e a seguire sui contatti le fischiate cambiano, il massimo vantaggio di +14 è limato a +12 alla pausa lunga, Valencia in vita grazie ai tanti liberi, ben 16 in 20’. Virtus davanti nonostante il 2/10 dall’arco e il pessimo e misero 2/5 ai liberi, il 21/29 da 2 è oro colato, come il 7-2 delle perse. 50 in trasferta a metà sono un segnale importante, mentalmente la Virtus c’è.

Riparte solo Valencia mentre volano a 4 i falli di Jaiteh, la Virtus non segna più, la sinfonia vista nel 1° tempo è sparita, i taronjas son lì a -5 a metà quarto con un Lopez-Arostegui infuocato. Dopo quasi 8’ arriva il primo cesto da 2, è del Beli, non è la medicina giusta perché l’attacco continua a sprecare e dietro di nuovo si concede troppo ai liberi. All’ultima pausa il bottino è ridotto a +5, tirando male (4/11) dal campo e gettando ben 7 palloni sanguinosi.

La partita che pariva di fioretto diviene, come prevedibile, di sciabola, con Virtus che schiera un quintetto piccolissimo, Shengelia da 5 e Weems da 4, +11 a metà quarto. Torna Jaiteh per un quintetto più equilibrato, ma esce col 5° fallo quando si segna col contagocce. La difesa diviene un muro, l’attacco fatica ma prende le misure alla zona di casa, a 102” è +12. Il finale è dolcissimo e neppure tirato, la Virtus va cogliendo una vittoria al termine di 40’ condotti dall’inizio alla fine. E’ finale, tra 7 giorni a Bologna, nemmeno immaginabile un playoff quasi tutto casalingo viste le premesse.

La partita sarà venerdì ore 20:30, recupero di campionato a Sassari, streaming Discovery e Radio Nettuno Bologna Uno.

Il tebellino

VValencia BC-Virtus Segafredo Bologna 73-83
(19-27; 38-50; 57-62)
Valencia Basket: Dimitrijevic 6, Claver 3, Puerto, Pradilla, Lopez-Arostegui 16, Ferrando n.e. Van Rossom 9, Tobey 4, Dubljevic 2, Hermannsson 5, Rivero 17, Labeyrie 11. All. Peñarroya.
Virtus Segafredo Bologna: Tessitori n.e. Cordinier 6, Mannion n.e. Belinelli 14, Pajola, Hervey 4, Jaiteh 6, Shengelia 15, Hackett 8, Sampson 10, Weems 8, Teodosic 12. All. Scariolo.
Arbitri: Javor, Vilus, Nikolic.


Luca Cocchi (©BasketCity.net)

About The Author

Related posts