24 Maggio, 2022

EuroCup 2021-22: Virtus,
contro il Buducnost la prima sconfitta europea

EuroCup 2021-22: Virtus, <br>contro il Buducnost la prima sconfitta europea
Photo Credit To Matteo Marchi / Massimo Ceretti / Ciamillo-Castoria / Virtus Pallacanestro Bologna

Nonostante un avvio autorevole fino al +12, la Virtus cade a Podgorica al termine di 40’ odivaghi, subendo 49 punti in un secondo tempo di grandi fatiche, dopo un primo vissuto sulla difesa e le tante palle recuperate.

Serviva una risposta, si è vista a tratti, ma un’altra sconfitta fa male, al di là di lasciare al Buducnost il primo posto solitario nel girone. Brucia ancor di più avento condotto per 35’, giocando un asfittico quarto quarto, 12 punti con solo 3 cesti dal campo, troppo poco per reggere un’avversaria andata in crescendo con un Cobbs efficacissimo, un dominio a rimbalzo con ben 13 offensivi pesanti come un tombino di ghisa.

Virtus in partita fin quando dal campo le medie erano felici (oltre il 70% a lungo), poi contro una difesa più intensa son mancati i giochi e si è andati in ordine sparso, quello che non ha fatto il Budu, sfruttando al massimo i giochi a due Cobbs-Reed. Nel momento in cui si è fatta la partita, nessuno ha trovato 2 giocate a fila, come invece aveva fatto quando è entrato Popovic, forse il vero fattore di questa partita intensa e dura.

Tra i bianconeri poche le note positive, bene il rientro di Pajola, chirurgico Belinelli, ottimo Tessitori mentre i 15 di Hervey suonano un po’ falsi, Teo calato alla distanza mentre Mannion per battaglie del genere fatica ancora.


C’è Pajola tra i 5, per il resto è la replica di Tortona, Dzikic propone l’ex Milano Micov con coppia di lunghi strangers, Wiley-Reed, offensivamente molto valida. L’inizio è bianconero, Pajola è indemoniato, i padroni di casa faticano a costruire, in transizione è 0-8 e sospensione immediata. A lungo senza segnare dal campo, i biancoclu restano lontani, l’attacco bianconero vive di punti in contropiede ed invenzioni di Teodosic fino al +10, i minuti finali col giro dei cambi è un pianto e il vantaggio vola via in un amen. La tripla sulla sirena di Belinelli dice +6 in 10’ dove si è latitato a rimbalzo (-6) andando in scioltezza da 2 (7/9). Quarto alle 2 facce, molto bene il quintetto, meno chi di rincorsa.

Belinelli e Tessitori ripartono spediti, poi è tempo per un quintetto con Alibegovic da 5 anche se solo per pochi attimi, +12 con 4 a fila di Cordinier. Il 3° fallo di Jaiteh manda in nervosismo i suoi, Scariolo compreso, lì il Budu trova punti preziosi da Reed e riduce il distacco fino al -5. Con giocate costruite si trovano i punti per riallungare al +11 della pausa lunga, al solito con difesa di nuovo salita d’intensità. La Virtus arriva al 20’ con 12 palloni rubati, un’enormità, sotto a rimbalzo, mentre molto strano il contenutissimo ricorso al tiro dall’arco dei montenegrini, 5 soli tentavivi con 2 centri.

Wiley e Reed giocano sopra al ferro rimettendo in carreggiata i suoi, anche Cobbs ci prova ed è -4. L’attacco è confusionario, la difesa meno reattiva, soprattutto a rimbalzo, il ritorno di Mannion è pessimo e il pareggio è scritto. Popovic firma il primo sorpasso di serata al 28’, Nico risponde alla grande e ancora Beli allo scadere dice +6. Male i 27 subiti, nessun giro in lunetta, senza le perse avversarie tutto si complica, soprattutto patendo troppo a rimbalzo.

L’attacco non trova luci, solo Cordinier mette 2 cesti in 5’, Cobbs non si ferma più e a metà con 20 rimette il Budu a -1. Arriva il sorpasso, la Virtus prova a rientrare con un quintetto piccolo, Weems da 4, ma nulla cambia con fatiche offensive e difensive, al 37’ è -4. L’inerzia è tutta montenegrina, il +5 all’ultimo minuto sembra terminale, Beli ai liberi scrive -2, c’è vita. 24” di gran difesa lasciano l’ultimo pallone alla Virtus con 21” da giocare, Teo va in entrata, non trova scarichi e sbaglia l’appoggio. Cobbs ai liberi fa +4, gioco-partita-incontro.

Prossima partita sarà sabato 6 novembre ore 20:00, in campionato al PalaDozza con Pesaro, diretta Eurosport2, streaming canali Discovery, Radio Nettuno Bologna Uno.

Il tebellino

Buducnost VOLI Podgorica-Virtus Segafredo Bologna 86-82  
(22-28; 37-48; 64-70)
Buducnost VOLI Podgorica: Cobbs 23, Atic 5, Sehovic n.e. Micov 4, Barovic n.e. Seeley 4, Nikolic, Jagodic-Kuridza 6, Drobnjak 2, Wiley 9, Popovic 12, Reed 21. All. Dzikic.
Virtus Segafredo Bologna: Tessitori 13, Cordineir 8, Mannion 3, Belinelli 15, Pajola 8, Alibegovic 1, Hervey 15, Ruzzier n.e. Jaiteh 2, Alexander, Weems 9, Teodosic 8. All. Scariolo.


Luca Cocchi (BasketCity.net)

About The Author

Related posts