05 Febbraio, 2023

EuroLeague 2022-23:
la Stella Rossa batte la Virtus

EuroLeague 2022-23: <br>la Stella Rossa batte la Virtus

Dura 15’ la partita Virtus, spenta per mancanza d’energie ed idee, dovendo far senza di un trio non sanabile, Shengelia, Teodosic e Ojeleye. Da lì in avanti solo fatiche, nessuna reazione vera e propria e ritorno ad un attacco visto in avvio Eurolega, quando passare i 60 era un’impresa, oggi accaduto anche grazie ai liberi convertiti con buone percentuali e i tiri lasciati a Mannion nel finale quando tutti festeggivano. Difficile trovare qualcuno da salvare, in avvio Mickey e Jaiteh, ma pure loro velocemente spenti, una reazione di Pajola dopo tante perse, ma poco altro quando Dobric si è mangiato la partita allungando definitivamente nel terzo quarto. E così piove la terza sconfitta a fila (e venerdì prossimo sarà Pireo), mentre la banda di Ivanovic è alla quarta vittoria a fila nonostante l’assenza di Nikola Ivanovic. Han pesato molto i rimbalzi offensivi concessi nel primo tempo quando la SR non segnava, come le 16 perse, tutte pagate a carissimo prezzo. Ed oggi anche la difesa è crollata, il 68% lasciato da 2 e le 10 triple incassate han cancellato pure i soli 3 liberi tirati. L’ex Markovic festeggia così oltre alla vittoria anche il suo massimo minutaggio in stagione in Eurolega, una solida partita da 8 rimbalzi e 5 assist. Il trio assente non si discute, i 3 chiamati a dare una mano dopo tanta panchina, non si è visto.


Stesso quintetto delle ultime uscite per Scariolo, confermato Cordinier, per Ivanovic chiavi in mano a Vildoza e spazio per capitan Lazic, l’uomo dedicato alla difesa, mentre in centro c’è Kuzmic. Parte con ottime scelte offensive la Virtus che fa +7 in 4’, di là tira solo Bentil, bene da 2, male da 3, e dopo la sospensione i cambi per i serbi son tanti. Un Jaiteh da Eurocup si sente nel pitturato, ma la difesa scende e la Stella sale, mentre si vede in campo anche Belinelli. Cordinier regge tutto il quarto, il resto arriva dalla panchina e allunga a +10 al 9’, vantaggio limato a 6 in un ultimo minuto speso male. Fatica in area a difendere la Segafredo, molto più efficace a spegnere i fuochi dall’arco, facendo bottino ai liberi.

Si prova a scappare, ma l’attacco inizia a sbagliare conclusioni piedi a terra, monta l’onda del Pionir e i serbi son lì, sospinti da un irrefrenabile Vildoza al -1 a metà quarto. La risposta è di Mannion inserito a freddo, il male ora sono gli offensivi lasciati che portan sempre punti aggiuntivi. I falli dei centri costan carissimo, tra perse e falli scialati dopo 18’ si va sotto, -1 alla pausa lunga subendo 25 punti nella frazione. In 20’ i 7 offensivi lasciati son stati il male maggiore, ma lucidi i bianconeri nel trovare tante luci ai liberi. Il 4/4 di Vildoza da 3 la varibile impazzita del primo tempo.

Ora è la SR che prova a scappare con attacco Virtus in ambasce tra perse ed infrazioni, a metà è -8 con differenza d’intensità che sale impetuosa. La reazione c’è per il -3 ma la zona a seguire non tiene, i padroni di casa mettono la freccia correndo con Dobric, all’ultima pausa un inquietante -12 dice una frazione senza luci ed energie.
Nulla cambia all’ultima ripartenza, poche idee da una parte, tanta carica dall’altra nonostante l’attacco non sempre sia ben gestito, il -15 sembra già una sentenza con 7’ da giocare. Ed in effetti da lì in avanti nessuna reazione, partita che scivola via tra errori e dimenticanze difensive fino al -17. Si scollinano gli 80 subiti, troppi per provare a stare in partita con così pochi giocatori utili. Il -9 finale è dato dalle piazzole libere lasciate nel finale a Mannion, quando di là si festeggiva già da tanto tempo.

Prossima partita sarà domenica in LBA a Varese ore 19:00, streaming su Eleven Sport e RadioNettunoBologna1.

Il tebellino

Crvena Zvezda mts Belgrade-Virtus Segafredo Bologna 83-74
(17-23; 42-41; 67-55)
Crvena Zvezda mts Belgrade: Holland 5, Vildoza 16, Mitrovic 12, Lazic 3, Martin 4, Dobric 20, Nedovic 5, Markovic 2, Kuzmic, Petrusev 4, Topic, Bentil 12. All. Ivanovic.
Virtus Segafredo Bologna: Cordinier 7, Mannion 11, Belinelli 4, Pajola 7, Bako 1, Jaiteh 15, Lundberg 2, Hackett 6, Mickey 11, Camara n.e. Weems 10. All. Scariolo.
Arbitri: Perez, Mogulkoc, Lezcano.


Luca Cocchi (©BasketCity.net)

About The Author

Related posts