24 Febbraio, 2024

EuroLeague 2023/24:
Segafredo Arena espugnata.
La Virtus cade contro l’AS Monaco

EuroLeague 2023/24: <br>Segafredo Arena espugnata. <br>La Virtus cade contro l’AS Monaco

Cade il fortino bianconero dopo 11 vittorie a fila contro un Monaco quasi sempre avanti, anche di 16, ripreso e sorpassato da una Virtus mai doma, ma arrivata senza troppo lucidità nei minuti finali.

La fisicità dei monegaschi ha la meglio, dopo aver pagato a caro prezzo un primo tempo di paure, riscattato da una ripresa di orgoglio e passione, ma non vincente. E’ mancato l’effetto Lundberg sulle ultime giocate, questa volta tutte errate, ma prima il suo l’aveva fatto per riagganciare, così come un Belinelli scintillante.

La sofferenza a rimbalzo è costata cara (-8) così come i ben 8 liberi al vento, non trovando nessuno con contiuità offensiva a parte il capitano. Di fronte piccoli al potere, Loyd è stato un rebus irrisolvibile, nel finale James si è preso le responsabilità, non sempre a segno ma decisivo, la differenza passa dai punti ai liberi mentre le perse si son compensate.

I centri bianconeri hanno dato risposte diverse, a lungo il solo Dusnton ha retto, poi Banchi ha provato un assetto con molto Mickey, che davanti ha avuto buone luci, meno a rimbalzo, ancora male e fuori dal gioco Zizic, uno sprazzo di Polonara è stato utile ed ha illuso, Toko tra luci ed ombre.

Son mancati quei cesti che avevano fatto la differenza nelle ultime uscite, e così ora in classifica Monaco affianca la Segafredo che però ha conservato la differenza canestri, anche il Pana vincente col Fenerbahce si affianca in coabitazione al 3° posto.


Banchi conferma l’ormai consolidato quintetto da Eurolega, Obradovic porge le chiavi della squadra a James, tra i lunghi Brown, che molti guai in passato ha creato alla Virtus, mentre per la difesa c’è Diallo. Mani fredde in avvio soprattutto dall’arco, la difesa regge ed a metà Toko schiaccia il +1. Si fatica ad attaccare il ferro ed i rimbalzi offensivi latitano, Monaco ha folate per scappare a +5 alla prima pausa con V nere che non aprono la scatola (0/6 da 3) e non trovano mai viaggi in lunetta (0/1), subendo a rimbalzo, -5.

Loyd imperversa per il +10, Jaiteh ne combina delle sue e la fuga è rallentata, quando si va con un quintetto piccolo, Mickey centro e Abass da 4. Non è questa la soluzione che ripaga, giocando al ritmo dei monegaschi son questi a far la differenza. Gira di tutto Banchi, ma nulla cambia, gli esterni Monaco son padroni del parquet per un comodo +16. Dopo tanti ferri le prime triple del Beli evitano la fuga ma non la bloccano, la difesa non contiene le continue incursioni. Il minimo d’inerzia finale non è ben indirizzato, il -10 poteva essere meno pesante, ma il peggio è stato suturato. Pesano come macigni i 17 di Loyd, come pesa in negativo il 2/11 da 3 (cesti solo del Beli), il -5 a rimbalzo e 1/4 ai liberi.

Beli davanti, Dunston dietro e in 2’ è -4, l’onda non si ferma nemmeno col tecnico al capitano, -1 con difesa che ferma tutto. L’aggressività costa il bonus anticipato, la Roca non segna dal campo ma respira ai liberi, quanto le basta per non subire il sorpasso e riallungare con Jaiteh. I passaggi con Zizic in campo sono un guaio, ma pure senza a rimbalzo si fatica (-11 al 30’), seduto Dunston son sempre guai, -6 all’ultima pausa con l’inerzia che pare scappata. Si regge per la difesa e le poche perse, Monaco ha fermato l’impulso degli esterni trovando punti in area con Jaiteh.

Scambi di triple, sovente impiccate, si rivede Polonara, la Virtus non molla e resta incollata alla partita, ai liberi Mickey fa -1 e Cordinier impatta. Una tripla di Polonara sorpassa a metà quarto con intensità che cresce all’ennesima potenza, lì però James si prende i suoi sulle spalle e prova a riallungare. A 3’ Beli impatta appena rientrato, ora è guerra punto a punto passando sovente ai liberi. A 65” Loyd ai liberi +1, Lundberg sbaglia in entrata ma James spreca la tripla alla giugulare. Ancora Lunberg per la tripla piedi a terra, questa volta non va, fallo su Brown, -2 a 8”. Ci prova ancora il danese, altro errore, questa volta decisivo, chiuso dal libero di Jaiteh e dal furto finale di James.

Prossima partita sarà domenica ore 19:00 in LBA alla Segafredo Arena con Scafati di Boniciolli, streaming DAZN e RadioNettunoBolognaUno.

Il tebellino

Virtus Segafredo Bologna-AS Monaco 78-81
(16-21; 35-45; 54-60)
Virtus Segafredo Bologna: Cordinier 7, Lundberg 15, Belinelli 21, Pajola 1, Dobric 2, Shengelia 12, Hackett, Mickey 10, Polonara 5, Zizic, Dunston 5, Abass. All. Banchi.
AS Monaco: Okobo 9, Loyd 24, Blossomgame 5, Brown 1, Diallo 8, Cornelie n.e. Jaiteh 7, Walker n.e. Montjeunas 4, Ouattara, Hall 2, James 21. All. S. Obradovic.
Arbitri: Tomislav Hordov, Milan Nedovic, Saso Petek.


 

Post source : Luca Cocchi (©BasketCity.net)

About The Author

Related posts