27 Maggio, 2024

Frecciarossa Final Eight 2023: la Virtus si ferma sul più bello, la Coppa va a Brescia

Frecciarossa Final Eight 2023: la Virtus si ferma sul più bello, la Coppa va a Brescia
Photo Credit To Matteo Marchi / Massimo Ceretti / Ciamillo-Castoria / Virtus Pallacanestro Bologna

Si spegne sulle ultime curve dell’incontro il sogno della Virtus di rientrare in una partita che pareva ampiamente andata a metà 3° quarto sul -18. La zona 3-2 rivoluziona le carte ma proprio quando il sogno pare realtà sul -1, l’attacco s’imballa e Brescia è cinica con Della Valle nel trovare le giocate per reagire e regalarsi il sogno della Coppa Italia.

La Virtus si ferma sul più bello, non porta a casa un trofeo che avrebbe reso già importante la stagione, ma c’è poco da dire in questi 40’ sempre ad inseguire. Un peccato per quanto mostato nelle precedenti 2 uscite, con un’intensità oggi mostrata solo in pochi tratti del 2° tempo. A lungo scentrata dall’arco (7/29 finale), area sempre intasata, la Germani ha imbrigliato tutti i giochi offensivi bianconeri prima della sfuriata di Belinelli, prendendosi invece sprazzi di grande attacco non solo con ADV ma pure con Petrucelli, prezioso dietro ma efficace anche davanti. La Germani è la 2° squadra a vincere la CI entrando da ottava, ma già oggi abbiamo visto come la lunga assenza di Petrucelli sia stata importante, oltre al fatto di essere senza Copains (sostituito da Nikolic) e Cobbins, oggi rimpiazzato alla grande da Burns. E’ mancato su tutti Teodosic, per 30’ tanti l’anno seguito riabilitandosi solo nel finale, ma non è stato sufficiente.


Confermati i 12 di Tortona, Scariolo conferma anche i 5 partenti, pure Magro non improvvisa nulla in avvio. Come nelle partite precedenti Brescia prova a scappare, la Virtus reagisce e resta a contatto, col giro dei cambi davanti si fatica (pure ai liberi, 4/8) e la Germani vola a +6, sfruttando il bonus finale il -1 è un saldo positivo. Non si apre la scatola da fuori (0/3), si perdono palloni (4), il dominio a rimbalzo tiene in linea la Segafredo.

Ancora polveri bagnate dall’arco, poi si sblocca il Beli ed impatta. Le perse costan caro, il bonus bruciato in nemmeno 4’ pure, Brescia riallunga con un ADV caldo come non mai. Non trova mai 2 giocate a fila la Virtus, così legge sempre la targa avversaria, sbagliando sempre da 3 (2/11 nei 20’) e subendo l’energia di Burns, carico come ai bei tempi. Le percentuali invertite ai liberi (43%-91%) scavano il fossato fino al -10 della pausa lunga, causato anche da ben 10 perse.
Brescia segna, la Virtus no, subito -15, non bastano i punti presi dai liberi del bonus per tentare la rimonta. Lo sprofondo diviene inquietante a -18 con zona 3-2 a contenere l’attacco bresciano, la reazione nervosa c’è con 3 schiacciate a fila e battibecco Shengelia-Petrucelli. Il -10 è frutto di una difesa che sale di tono, Ojeleye sbaglia il -7 che sarebbe stato una botta di non poco conto per Brescia. Il 3/17 da 3 zavorra le V nere in una frazione dove si son fermate le perse e mostrata una reazione dopo il massio divario.

Allunga di nuovo la Germani, poi un quintetto inedito prova a rimettersi in partita. La zona 3-2 annebbia le idee, in un attimo sulle giocate del Beli c’è il -4 al 34’. Toko e Beli firmano il -1, non c’è mai il sorpasso e ADV è un killer nel trovare il pertugio per il riallungo. Le ultime giocate bianconere non vanno, i liberi bresciani chiudono la partita. La Virtus è alla 5° finale di CI a fila persa, occorre tornare al 2002 per l’ultima vittoria col tiro vincente di Rigaudeau in quel di Forlì contro la Siena di Ataman. Ma son ricordi da tifosi coi capelli bianchi.

Prossima partita sarà venerdì ore 20:30 in Eurolega alla Segafredo Arena con Baskonia, diretta Sky, streaming su Eleven Sport e RadioNettunoBologna1.

Il tabellino

Virtus Segafredo Bologna-Germani Brescia 76-84
(16-17; 30-40; 51-61)
Virtus Segafredo Bologna: Mannion n.e. Belinelli 24, Pajola, Jaiteh 2, Shengelia 12, Hackett 10, Mickey 11, Camara n.e. Weems 4, Ojeleye 4, Teodosic 7, Abass 2. All. Scariolo.
Germani Brescia: Gabriel 9, Massinburg 9, Nikolic 1, Della Valle 26, Petrucelli 13, Taylor n.e. Odiase 5, Burns 9, Laquintana n.e. Cournooh 8, Moss 2, Akele 2. All. Magro.
Arbitri: Begnis, Mazzoni, Giovannetti.


Luca Cocchi (©BasketCity.net)

About The Author

Related posts