02 Dicembre, 2022

Frecciarossa Supercoppa 2022: la Virtus batte Sassari e vince il trofeo

Frecciarossa Supercoppa 2022: la Virtus batte Sassari e vince il trofeo
Photo Credit To Matteo Marchi / Massimo Ceretti / Ciamillo-Castoria / Virtus Pallacanestro Bologna

Più cinica che brillante, più concentrata che reattiva, la Virtus fa sua la SuperCoppa svellendo Sassari sulle curve finali della partita. Mentalmente sempre presente, capace di reagire ad ogni banderillas sarda, la Segafredo anche in giornata non esaltante pesca buone cose a turno un po’ da tutti, come il Mickey partito lento ma arrivato da protagonista o come Pajola che firma in un momento di grande difficoltà il cesto più pesante di serata.

A lungo sorretta da Ojeleye e Cordinier, Scariolo ribalta la difesa nel secondo tempo e dopo la cascata del primo (49) sutura la situazione e ferma la Dinamo a miseri 20 punti nel secondo tempo. Sassari deve mangiarsi le mani per l’occasione perduta, non cavalcando fino alla fine il centro Onauku, ma nei momenti salienti la Virtus ha messo in mostra un’esperienza ed un talento diverso, prova ne siano le sole 2 perse negli ultimi 10’.

E’ solo la prima uscita dell’anno, ma il doppio segnale è importante. Battere Milano serviva forse di più della SC stessa, aver mantenuto la concentrazione mentale per riaprire la bacheca e sconfiggere Sassari vuol dire che la testa c’è a prescindere da tutto. MVP della manifestazione, Semi Ojeleye.


Scariolo replica il quintetto vincente il giorno prima, Bucchi parte tutto straniero con 3 conferme rispetto alla precedente stagione, tra le quali Bendzius, autore del tiro vincente in semifinale e più volte killer della Segafredo. Avvio con attacchi più filanti della semifinale, difese non irreprensibili sui p’n’r e Bucchi che prova velocemente la zona, a metà Virtus avanti di 1. Virtus disattenta dientro, meno efficace la panchina davanti, finisce sotto rimediando con Bako a rimbalzo e coi liberi. Nel +4 della prima pausa c’è molto del belga (8+4r), in 10’ dive fioccano le perse (12 in totale) e si scheggiano ferri dall’arco. Sassari ha già i 2 lunghi gravati di 2 falli.

Il non gioco di Mannion permette ai sardi di rientrare e sorpassare, sistemato il quintetto si sistema anche il punteggio mentre Mickey a 3 falli lascia spazio a Camara. Il bonus costa caro alle V nere, da lì piovono punti con un quintetto piccolo, Weems da 4, -8 con di nuovo attacco che non gira. I primi punti di Belinelli ricuciono, ma le ultime giocate sono mal gestite, Gentile firma un meritato +6 alla pausa lunga. Il 70% da 2 sardo dice tanto della (non)difesa Virtus che incassa 30 punti in questi 10’ finendo pure sotto a rimbalzo, spracchiando dall’arco (4/14) e continuando a perdere palloni, già 10. Nemmeno male il -6 con tutte queste note negative.

Le fatiche bianconere reggono sulle triple di Ojeleye, ma Sassari è costantemente più reattiva mantenendo il vantaggio. Ora la difesa sale d’intensità, davanti si difetta ma con Mickey (giocata sopraffina) c’è il -1. Il 4° fallo di Cordinier, fin lì uno dei più efficaci è un guaio, all’ultima sosta è -2, sprecando qualcosa di troppo nell’ultimo minuto. I 10 incassati nel quarto danno l’idea del cambio di passo in difesa.

Un gioco da 4 del Beli rimette avanti i suoi dopo una vita, vantaggio che non dura ma Virtus sempre lì di nuovo davanti con una tripla di Mickey. Il solito Bendzius a rimettere la freccia, all’ingresso dell’ultimo numero impatta Pajola. Kruslin sbaglia, Mickey no, +2 con 25” sul luminoso, Dowe sbaglia in entrata, ancora l’ex Zenit a primeggiare a rimbalzo e fallo subito (Dinamo ancora senza bonus) con 7” restanti. A forza di falli c’è il bonus, a tirare va Cordinier, che ne mette solo 1 per il +3. La difesa del francese è la solita diga, Sassari riesce a fatica a tirare una lacrima che non vede nulla, la Virtus bissa la vittoria della SuperCoppa 2021.

Prossima partita sarà l’esordio in campionato a Napoli, domenica ore 20:45, diretta su Eurosport2, streaming su Eleven Sport e RadioNettunoBolognaUno.

Il tebellino

Banco di Sardegna Sassari-Virtus Segafredo Bologna 69-72
(19-23; 49-43; 59-57)
Banco di Sardegna Sassari: Jones 7, Robinson 6, Dowe 8, Kruslin 3, Gandini, Bendzius 15, Gentile 5, Raspino, Diop 7, Onuaku 18. All. Bucchi.
Virtus Segafredo Bologna: Mannion, Belinelli 12, Pajola 4, Bako 10, Ruzzier n.e. Lundberg 6, Menalo n.e. Mickey 13, Camara, Weems 6, Ojeleye 9, Cordinier 12. All. Scariolo.
Arbitri: Mazzoni, Baldini, Borgioni.


Luca Cocchi (©BasketCity.net)

About The Author

Related posts