22 Maggio, 2022

Game Day Virtus, l’anteprima del match contro Trieste

Game Day Virtus, l’anteprima del match contro Trieste

Molto rinfrancata dai successi ottenuti in campionato contro Reggio Emilia e soprattutto in EuroCup contro Gran Canaria, dove la difesa ha dimostrato ancora una volta di stare diventando davvero solida e con l’attacco lucido nelle giocate finali, la Virtus Segafredo Bologna si reca a Trieste prima di passare un’altra settimana appassionante, con la trasferta a Bourg en Bresse martedì e con il grande big match di domenica 10 contro l’Armani Milano.

Proprio l’approssimarsi di due impegni così importanti (ultima giornata di regular season di EuroCup con la possibilità di finire terzi, quarti o quinti e match primato contro l’altra capolista) rischiano di far perdere la concentrazione sul match odierno, che invece rappresenta un’importante tappa nel percorso virtussino.

Il primo posto al termine della regular season è un obiettivo reale, non ha questa valenza così decisiva (come la stessa Virtus ha dimostrato lo scorso anno sbancando 2 volte su 2 il Forum), ma, parafrasando Lapalisse, “meglio essere primi che secondi”.
Occorre pertanto uscire dall’Allianz Dome con il referto rosa, sapendo che per una volta Coach Scariolo (auguri, compleanno il 1 aprile) avrà problemi di abbondanza, perché dovrà lasciare uno dei 7 stranieri in tribuna.

Ciò accade perché è tornato disponibile Milos Teodosic, il quale ha recuperato dall’infortunio alla coscia (sul quale le illazioni si sono sprecate, ma lasciamo perdere).

La presenza del Mago di Valjevo permetterà di dare tanta fantasia all’attacco virtussino, in attesa del rientro di Marco Belinelli (presumibilmente nell’ottavo di finale di EuroCup, 19-20 aprile), oltre ad avere un tremendo tiratore da 3 punti.

L’arrivo di Hackett e Shengelia ha dato molta sostanza al gioco in post basso, dal quale arrivano scarichi agli esterni sul perimetro.

Non sempre però si tratta di tiratori “catch and shoot”: non lo è Pajola, non lo è Cordinier, lo sono Milos e Beli.

Venendo agli avversari di oggi, la squadra di Coach Franco Ciani ha avuto un grandissimo inizio di stagione, veleggiando nei primi 4 posti.

A dicembre però c’è stato l’abbandono di Juan Fernandez, tornato in Argentina per gravi motivi personali: da quel momento i giuliani sono andati in caduta libera: con un record di 10-13 sono nel gruppo nono-undicesimo posto, ma pagano problemi di organico non risolti (appena tagliato l’ex virtussino Ty-Shon Alexander, Konate in palese contrasto con la squadra) e devono guardarsi alle spalle, più che in alto (i playoff sono comunque a 2 punti).

Attenzione al play Corey Davis, buon penetratore, ma pessimo tiratore da 3, ad Adrian Banks, molto ben conosciuto, a Fabio Mian, lui invece tiratore puro.

Vicino a canestro ci sono Graziulis (altro pessimo tiratore da 3), Alessandro Lever, giovane prospetto interessante, dotato di una buona bidimensionalità, oltre a Marcos Delia, in Virtus nell’abortita stagione 2019/2020.

Completano il roster l’eterno Cavaliero e Luca Campogrande, altro tiratore da 3.

La chiave per la Virtus sarà cercare di forzare i triestini a prendere tiri complicati, chiudendo l’area e cercando di portarli a tirare da lontano, cosa che non gradiscono.
Alzare il ritmo, vista la volontà dell’Allianz di giocare a bassi possessi, sarà un’altra, basilare, situazione da mettere in atto.

Le parole del Vice Coach Andrea Diana

Innanzitutto sarà bello tornare a giocare una partita con il 100% della capienza partendo da un campo che è sempre stato molto caldo a Trieste. In questo momento della stagione ogni squadra gioca per raggiungere i propri obiettivi e Trieste arriva da una buona gara a Trento e ha bisogno di punti per restare attaccata al treno playoff. Noi veniamo da una ottima gara con Gran Canaria, con un approccio duro e consistente che dovremo riproporre domani. Non dobbiamo concedere punti in area e dobbiamo stare attenti a difendere il nostro tabellone a rimbalzo. In attacco dovremo mantenere una buona circolazione, muovendo bene la palla e coinvolgendo tutti”.

Agli ordini dei Sigg. Lo Guzzo, Paglialunga e Boninsegna si gioca all’Allianz Dome di Trieste sabato 2 aprile, con diretta su Eurosport 2 e Discovery+.


Mario Corticelli (©BasketCity.net)

About The Author

Related posts