29 Luglio, 2021

La Virtus batte ancora Brindisi,
fa 3-0 e va in finale

La Virtus batte ancora Brindisi, <br>fa 3-0 e va in finale
Photo Credit To Vincenzo Tasco / Ciamillo-Castoria / Virtus Pallacanestro Bologna

Facendo sua una gara3 a lungo inseguita e mai posseduta fino in fondo, la Virtus centra la finale scudetto a 14 anni dall’ultima occasione, allora contro Siena.

Nella lunga settimana d’attesa Brindisi ha ripreso forze e fiducia, cadendo solo nel finale senza mai soccombere, innervosendosi di fronte ad una difesa consistente e un Teodosic uno e trino, realizzatore, passatore e difensore.

Partita difficile non riuscendo mai ad aprire il campo dall’arco, sbagliando troppo al ferro ma senza mai uscire dal piano partita del coach che, Adams a parte, ha aumentato le rotazioni trovando minuti intensi da parte dei più.

Raro vedere la Virtus vincere tirando col 40% da 2 e con medie consuete da 3, ma oggi la difea ha compesato, trovano folate giuste a turno da tanti, un gran controllo a rimbalzo, con un vero Weems e un Gamble padrone del pitturato.

Ad un Belinelli scentrato e proprio male dietro hanno dato aiuto un Abass intenso anche se non a segno e i solito Markovic-Pajola. In attesa di sapere tra Milano-Venezia, la Virtus si gusta il ritorno alla finale scudetto, obiettivo centrato arrivandoci 6-0 nei playoff, non scontato all’avvio.


Di fronte di nuovo ad un pubblico festante, DJ copia gara2 con Belinelli e Abass assieme, Vitucci che come in gara2 rinuncia a Kubally tiene Bell di rincorsa e Harrison partente. Deficitaria al tiro e fallosa, l’avvio delle V nere paga dazio reggendo solo grazie alla difesa, l’ingreso di Teodosic gira inerzia e punteggio in un battito di ciglia. I falli dei lunghi portano l’HC a giocare con Willis da centro, la Virtus non ne approfittà con errori al ferro, tra liberi gettati (4/7) e tiri dall’arco con medie siberiane (1/8) l’ultimo minuto è ospite, freccia messa per il + 4 con tripla di Harrison. Nemmeno male tirando col 24% dal campo di fronte ad una Brindisi che getta solo un pallone.

Riparte solo l’HC, +9 in 1’ e DJ infuriato a richiamare i suoi, adattando di quintetto piccolo come gli avversari. Riposto un Belinelli che non segna e non difende, dal -11 con tanto Gamble c’è il -1, al quale risponde Brindisi con 2 bombe, una delle quali gentilmente offerta da Weems. Con qualche libero finale si limita il divario a -3, i pugliesi segnano più da 3 che da 2 (anomalo per loro), la Virtus lì è pessima (2/10) ma ferma gli offensivi concessi, punto di forza avversario.

Si segna col contagocce alla ripresa con Perkins che sale a 4 falli mentre Harrison se la prende col pubblico, dopo 5’ un 5-6 frutto anche di molto nervosismo. 7 a fila di Weems impattano, Abass ai liberi sorpassa dopo oltre 20’, sempre da lì si slocca Belinelli. +2 all’ultima pausa con qualche occasione sprecata di troppo, sbagliando da pochi centimetri e non trovando ancora luce dall’arco, ma la difesa concede solo 13 punti.

Il +5 illude ma dura poco, sorpassi e controsorpassi, uno pure di Gaspardo (ottima prestazione in questa gara3) con tripla di tabella. A lungo nessuno prende l’inerzia dell’incontro, Brindisi però resta sempre avanti, anche se di un punticino solo. E’ ancora Milos a ricucire e sorpassare, sempre lui a siglare il libero del +3 per tecnico a Vitucci. Rinunciando a Perkins i rimbalzi son tutti Virtus che però spreca i colpi decisivi, Brindisi non si arrende e dal possibile -7 entra nell’ultimo minuto a -4. Nella sua guerra contro il mondo Harrison spreca, prima ai liberi poi dall’arco lasciado alla Segafredo la gestione delle ultime azioni per un trionfo festeggiato dal pubblico dopo tanta attesa.

Prossima partita sarà gara1 di finale scudetto, al momento non ancora definita quando.

Il tebellino

Virtus Segafredo Bologna-Happy Casa Brindisi 78-75
(13-17; 37-40; 55-53)
Virtus Segafredo Bologna: Belinelli 11, Pajola 3, Alibegovic 1, Markovic 6, Ricci, Adams n.e. Hunter 6, Weems 9, Nikolic n.e. Teodosic 29, Gamble 11, Abass 2. All. Đorđević.
Happy Casa Brindisi: Bostic 10, Zanelli 2, Harrison 15, Visconti, Gaspardo 14, Thompson 11, Cattapan n.e. Guido n.e. Udom 4, Bell 7, Perkins 5, Willis 7. All. Vitucci.


Luca Cocchi (BasketCity.net)

About The Author

Related posts