12 Luglio, 2024

La Virtus batte Tenerife e vince la BCL

La Virtus batte Tenerife e vince la BCL
Photo Credit To Massimo Ceretti / Ciamillo-Castoria / Virtus Pallacanestro Bologna

Vince la Virtus la BCL, lo fa da invitata di lusso sfruttando al meglio la wild card ricevuta dando un senso alla sua stagione. A 10 anni di distanza dalla vittoria casalinga in Eurochallange, giunge il 5° trofeo europeo bianconero battendo una coriacea Iberostar che ci ha creduto anche sotto di 20 arrivando a -6 ma lì spegnendosi sotto alla rinata difesa Segafredo, vero marchio di fabbrica di queste finali.

Lo fa prendendo buoni spunti da tutti e 10 i passati per il campo, in primis Punter, bomber decisivo nei momenti degli allunghi ma pure freddissimo ai liberi quando il canestro pareva una chimera, ma senza dimenticarci di un M’Baye mai così solido e un Martin capace di fermare chiunque.

Vince nonostante il -12 a rimbalzo, ma il 27% concesso al tiro, le ben 20 palle fatte buttare hanno rimpiazzato quel dato negativo, usando al meglio l’esperienza di Chalmers in un finale concitato e pure le giocate di un Aradori andato in crescendo, e per una volta da un finale che poteva essere al cardiopalma ne è uscito uno perfino sereno. Tutti felici ora, anche Mr. Segafredo che con la vittoria si assicura il premio di 1m€.


Fuori ancora Qvale, Đorđević va col quintetto proposto col Bamberg, mentre Vidorreta cambia solo Richiotti inserendo il tedesco Staiger. E’ carichissima la Virtus in avvio, davanti e dietro, un Punter killeristico dice 13-2 in 4’ con medie mirabolanti. Quando esce Punter è M’Baye a fare attacco ma il marchio di fabbrica rimane la difesa come dimostrano gli 8 subiti, il 19% al tiro e le 6 forzate. Per le V nere il 4/5 dall’arco scava il fossato del +12.

Tenerife continua a sparare alla luna a vuoto, la pazienza virtussina porta in dote azioni semplice ed efficaci, il +18 a metà frazione è la miglior fotografia di una difesa totale che Martin evidenzia all’ennesima potenza. Qualche persa d troppo di Chalmers, la prima bomba spagnola (Gillet) dopo 14 errori, riportano la differenza a +14, sbagliando qualche libero di troppo (7/12, solo Punter intonso). Iverson l’unica arma di difficile lettura per la Virtus, che esprime una difesa perfetta, vedi l’ultima azione Iberostar che avrebbe potuto dare fiducia terminata con un recupero, in 20’, lasciato il 25% al tiro e forzato 11 perse.

Punter ancora ispirato scaccia le prove di rientro avversarie che cadono in bonus dopo nemmeno 3’, la difesa inizia a concedere qualcosa, soprattutto con dei 2+1 a fila. Divario in singola cifra con un gioco da 4 di White, un 6-0 figlio di liberi aiuta ma non tiene, 2 buone difese a fila valgono un prezioso +14 all’ultima pausa. Le pessime medie son state suturate ai liberi (8/9), i 20 subiti sono giunti sovente su momenti di poca lucidità difensiva, ma comunque ben contenuti.

Le bombe riprendono ad entrare per Tenerife, il +10 ed il 4° fallo di Taylor sono un problema, tocca a Chalmers guidare sfruttando al meglio quanto l’Iberostar concede. 4 punti in oltre 5’ permettono il rientro con gl’isolani che tentano un quintetto senza centro di ruolo, quando Taylor esce per 5 falli su doppio fallo con Beiran. Sale la tensione ed il nervosismo, questa volta ci cade San Miguel, non segna mai la Virtus, quando la fa Chalmers è +8 con 73” sul luminoso. Le bombe non vanno, i rimbalzi sono di Bologna, la vittoria è cosa fatta, soffrendo ma nemmeno troppo nel finale per un’impresa mai così bella, in 2 giorni il meglio visto in stagione. Sarà un rimpianto non da poco l’esclusione dai playoff, ma alzare un trofeo può valere quel sacrificio.

Per completare il quadro di giornata, da segnalare il 3° posto guadagnato dai padroni di casa di Antwerp vincenti sul Brose per 72-58 (37-26), con largo spazio tra i tedeschi alla panchina poco impegnata con la Virtus.

Prossima partita sarà in campionato al Paladozza con Varese domenica 12 maggio ore 20:30 diretta su Eurosport Player.

Segafredo Virtus Bologna-Iberostar Tenerife 73-61
Parziali: 1/4 20-8 (20-8) – 2/4 18-16 (38-24) – 3/4 20-20 (58-44) – 4/4 15-17
Segafredo Virtus Bologna
: Punter 26, Martin 2, Moreira 4, Pajola n.e. Taylor 4, Baldi Rossi, Cappelletti n.e. Kravic 4, Chalmers 8, Aradori 9, M’Baye 16, Cournooh. All. Đorđević.
Iberostar Tenerife: San Miguel 3, Staiger 3, Iverson 11, Richotti n.e. Niang 2, Brussino 2, Bassas 5, Saiz 1, Abromaitis18 , Gillet 3, Beiran 9, White 4. All. Moors.


Luca Cocchi

About The Author

Related posts